Home » Nazionali »Politiche »Smart City » Kyoto Club presenta a Roma il gruppo di lavoro Smart Cities:

Kyoto Club presenta a Roma il gruppo di lavoro Smart Cities

giugno 6, 2012 Nazionali, Politiche, Smart City

Realizzare progetti di smart city, con soluzioni innovative, per vivere le città in un modo più semplice, ecologico e sostenibile: si è parlato di questi temi nel corso del convegno organizzato dal Kyoto Club a Roma presso il Senato della Repubblica il 5 Giugno 2012, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente. L’incontro, aperto dal direttore scientifico del Kyoto Club, Gianni Silvestrini, è stato anche l’occasione per presentare il nuovo gruppo di lavoro sulle Smart Cities. A confronto due esperienze concrete di città molto diverse tra loro, ma accomunate da un desiderio di trasformazione positiva della città: Genova e Bari, che si stanno trasformando per diventare più ecologiche, efficienti e sostenibili, in senso “smart”. Genova si è appena aggiudicata un finanziamento di 6 milioni di un progetto europeo; a Bari l’approccio è diverso, e nasce dall’impegno dei cittadini. Ma che cosa significa in concreto essere “smart cities”?

Secondo Federico Butera, sociologo e professore del Politecnico di Milano, una smart city è una città “sostenibile, ovvero sobria, in cui il consumismo, progressivamente sarà bandito. Una città in grado di governare la transizione a una prosperità senza crescita.” La sobrietà diventa necessità in una prospettiva di crescita della popolazione e della dimensione delle città, per dare una prospettiva di vita decorosa e una risposta alle sfide ambientali e di utilizzo delle risorse. Non solo: una definizione di smart city deve integrare anche una “diversità, per applicare la capacità di cambiamento ai casi concreti”, per arrivare a un miglioramento della qualità della vita delle persone che vivono in città molto diverse tra loro.

“L’esigenza maggiore è quella della programmazione e pianificazione integrata – sottolinea Roberto Pagani, coordinatore del gruppo Smart City del Kyoto Club, – un atteggiamento pressoché sconosciuto alla nostra amministrazione, ma altrettanto cruciale”, perchè l’innovazione deve essere guidata dalla città. “Abbiamo bisogno di entità diverse che riescano a facilitare il rapporto pubblico-privato: non sostituendosi al pubblico, ma in grado di cogliere quelle aree di business che il pubblico non riesce a vedere e che il privato senza il pubblico non riesce a creare. E ce ne sono tante, come abbiamo visto ad esempio nel settore dell’efficienza energetica, con le Energy Service COmpany.”

Secondo Francesco Ferrante, senatore PD e vicepresidente del Kyoto Club, nella definizione su cosa è smart, è fondamentale “rispettare anche le diverse identità. Non esiste un modello di città smart che puoi usare a Siena, Milano e Palermo. Le nostre città sono bellissime, ma sono città che si sono stratificate nel tempo, per cui sono al momento poco smart. Si tratta di individuare nuove linee guida, ma la definizione di città smart deve essere individuata con procedure di maggior democrazia, caso per caso.” Si tratta quindi non solo di diventare più ecologici ed efficienti, ma di avviare un processo di modifica della governance delle nostre città, finalizzato ad “ammodernare il modo in cui le amministrazioni possono rapportarsi con i cittadini.”

Riusciranno le città italiane a trasformarsi in smart e a vincere le sfide ecologiche del futuro? “Servono innanzitutto formazione e smart citizens“, risponde Alberto Colorni, del Politecnico di Milano. Cittadini informati, capaci di chiedere ai propri governi locali una città migliore e a misura d’uomo.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende