Home » Idee »Internazionali »Nazionali »Politiche » La comunicazione climatica nel 2015: il caso #siamotuttiorsi:

La comunicazione climatica nel 2015: il caso #siamotuttiorsi

febbraio 19, 2015 Idee, Internazionali, Nazionali, Politiche

Questa è la storia di una campagna di comunicazione sociale diversa e originale, nata da una constatazione di un dato dell’informazione: i cambiamenti climatici non riescono ad attirare l’attenzione del pubblico. Le motivazioni sono molteplici, e sarebbe arduo andare a stabilire chi sono i colpevoli ultimi di questa mancanza informativa che investe il nostro Paese. Tra le cause si possono certamente citare l’assenza della tematica nelle grandi testate giornalistiche, che trattano di clima come di “costume e società”, come piccole pillole di curiosità; ma dobbiamo purtroppo constatare che anche il pubblico è poco attento alla questione, tanto che sul web le notizie sui cambiamenti climatici sono spesso tra le meno cliccate; a questo si somma una disattenzione della politica, che non si interessa all’argomento.

La differenza tra Italia e resto del mondo appare evidente non appena si valichi la frontiera: tutti possiamo immaginarci, certo, che nel Nord Europa il tema dei cambiamenti climatici sia una priorità del governo, in quanto il nostro italiano complesso di inferiorità ci pone sempre di fronte la consapevolezza che in Europa esistano Stati più interessati all’ambiente e in generale alle questioni di vivibilità e stili di vita dei propri cittadini. Vi sorprenderebbe, in realtà, accorgervi che non solo in Danimarca la coscienza sul clima è più sviluppata, ma persino nei Paesi in via di sviluppo! Torno da un recente viaggio in Perù, dove alcune popolazioni indigene del Lago Titicaca mi hanno sorpreso per quanta profonda fosse la loro conoscenza non solo della scienza del clima, ma anche dei negoziati internazionali. Vivono infatti i loro giorni ancora in simbiosi con la Natura, la Pachamama che ci nutre e dà la vita. Allora occorre aggiungere un altro fattore alla crisi di conoscenza italiana sul clima: il distacco delle persone dalla Natura e dai processi agricoli. E allora, cosa possiamo fare, dobbiamo rassegnarci al fatto che i fattori storici ci portano a spegnere i riflettori italiani sull’anno cruciale per il futuro del sistema sociale umano as we know it?

Non ce lo possiamo permettere: a Parigi, nel prossimo dicembre, si riuniranno i 198 Stati aderenti alla Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC). Durante i prossimi mesi, i Paesi tratteranno, attraverso complessi incontri diplomatici, un nuovo accordo che andrà a sostituire il Protocollo di Kyoto, di cui proprio oggi ricorre il compleanno. Questo è l’anno in cui occorre parlare di clima e di rivoluzione energetica: “se non ora, quando?”

Per questo Italian Climate Network e Ursa Italia hanno organizzato una campagna provocatoria: creata da Tribe Communications, la campagna è basata su un’idea virale coinvolgente. E’ stata creata un’azienda fasulla, che dichiarava di fabbricare materiale isolante per edifici prodotto con il pelo di orsi polari, all’uopo allevati. Il temibile attore che in un video presentava l’azienda, proponeva questa soluzione definendola “edilizia organica”. Immediata la reazione del pubblico del web per salvare gli orsi polari da questo presunto destino, con oltre 4.000 persone che hanno aderito a una petizione online in pochi giorni, quasi 700.000 contatti raggiunti e più di 20.000 messaggi ricevuti, con l’hashtag #siamotuttiorsi.

Pochi giorni dopo, la campagna è stata rivelata, come pure il suo scopo: in Italia è facile indignarci per un pericolo imminente, ma non per un rischio più esteso nel tempo. Quegli stessi orsi polari scompariranno, e con loro altre centinaia di specie viventi a causa dei cambiamenti climatici. E mentre la retorica dell’orso polare ha chiuso i cambiamenti climatici nel vicolo cieco della comunicazione per ambientalisti, ci sfugge la visione globale della questione climatica: una delle specie a rischio si chiama “essere umano”. Il nostro sistema sociale, le nostre economie, le nostre vite, le vite dei nostri figli. I cambiamenti climatici cambieranno il mondo come lo conosciamo: è per questo che oggi #siamotuttiorsi.

di Veronica Caciagli*

*Presidente Italian Climate Network, @VeronicaClima


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende