Home » Idee »Internazionali »Nazionali »Politiche » La comunicazione climatica nel 2015: il caso #siamotuttiorsi:

La comunicazione climatica nel 2015: il caso #siamotuttiorsi

febbraio 19, 2015 Idee, Internazionali, Nazionali, Politiche

Questa è la storia di una campagna di comunicazione sociale diversa e originale, nata da una constatazione di un dato dell’informazione: i cambiamenti climatici non riescono ad attirare l’attenzione del pubblico. Le motivazioni sono molteplici, e sarebbe arduo andare a stabilire chi sono i colpevoli ultimi di questa mancanza informativa che investe il nostro Paese. Tra le cause si possono certamente citare l’assenza della tematica nelle grandi testate giornalistiche, che trattano di clima come di “costume e società”, come piccole pillole di curiosità; ma dobbiamo purtroppo constatare che anche il pubblico è poco attento alla questione, tanto che sul web le notizie sui cambiamenti climatici sono spesso tra le meno cliccate; a questo si somma una disattenzione della politica, che non si interessa all’argomento.

La differenza tra Italia e resto del mondo appare evidente non appena si valichi la frontiera: tutti possiamo immaginarci, certo, che nel Nord Europa il tema dei cambiamenti climatici sia una priorità del governo, in quanto il nostro italiano complesso di inferiorità ci pone sempre di fronte la consapevolezza che in Europa esistano Stati più interessati all’ambiente e in generale alle questioni di vivibilità e stili di vita dei propri cittadini. Vi sorprenderebbe, in realtà, accorgervi che non solo in Danimarca la coscienza sul clima è più sviluppata, ma persino nei Paesi in via di sviluppo! Torno da un recente viaggio in Perù, dove alcune popolazioni indigene del Lago Titicaca mi hanno sorpreso per quanta profonda fosse la loro conoscenza non solo della scienza del clima, ma anche dei negoziati internazionali. Vivono infatti i loro giorni ancora in simbiosi con la Natura, la Pachamama che ci nutre e dà la vita. Allora occorre aggiungere un altro fattore alla crisi di conoscenza italiana sul clima: il distacco delle persone dalla Natura e dai processi agricoli. E allora, cosa possiamo fare, dobbiamo rassegnarci al fatto che i fattori storici ci portano a spegnere i riflettori italiani sull’anno cruciale per il futuro del sistema sociale umano as we know it?

Non ce lo possiamo permettere: a Parigi, nel prossimo dicembre, si riuniranno i 198 Stati aderenti alla Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC). Durante i prossimi mesi, i Paesi tratteranno, attraverso complessi incontri diplomatici, un nuovo accordo che andrà a sostituire il Protocollo di Kyoto, di cui proprio oggi ricorre il compleanno. Questo è l’anno in cui occorre parlare di clima e di rivoluzione energetica: “se non ora, quando?”

Per questo Italian Climate Network e Ursa Italia hanno organizzato una campagna provocatoria: creata da Tribe Communications, la campagna è basata su un’idea virale coinvolgente. E’ stata creata un’azienda fasulla, che dichiarava di fabbricare materiale isolante per edifici prodotto con il pelo di orsi polari, all’uopo allevati. Il temibile attore che in un video presentava l’azienda, proponeva questa soluzione definendola “edilizia organica”. Immediata la reazione del pubblico del web per salvare gli orsi polari da questo presunto destino, con oltre 4.000 persone che hanno aderito a una petizione online in pochi giorni, quasi 700.000 contatti raggiunti e più di 20.000 messaggi ricevuti, con l’hashtag #siamotuttiorsi.

Pochi giorni dopo, la campagna è stata rivelata, come pure il suo scopo: in Italia è facile indignarci per un pericolo imminente, ma non per un rischio più esteso nel tempo. Quegli stessi orsi polari scompariranno, e con loro altre centinaia di specie viventi a causa dei cambiamenti climatici. E mentre la retorica dell’orso polare ha chiuso i cambiamenti climatici nel vicolo cieco della comunicazione per ambientalisti, ci sfugge la visione globale della questione climatica: una delle specie a rischio si chiama “essere umano”. Il nostro sistema sociale, le nostre economie, le nostre vite, le vite dei nostri figli. I cambiamenti climatici cambieranno il mondo come lo conosciamo: è per questo che oggi #siamotuttiorsi.

di Veronica Caciagli*

*Presidente Italian Climate Network, @VeronicaClima


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende