Home » Idee »Internazionali »Nazionali »Politiche » La comunicazione climatica nel 2015: il caso #siamotuttiorsi:

La comunicazione climatica nel 2015: il caso #siamotuttiorsi

febbraio 19, 2015 Idee, Internazionali, Nazionali, Politiche

Questa è la storia di una campagna di comunicazione sociale diversa e originale, nata da una constatazione di un dato dell’informazione: i cambiamenti climatici non riescono ad attirare l’attenzione del pubblico. Le motivazioni sono molteplici, e sarebbe arduo andare a stabilire chi sono i colpevoli ultimi di questa mancanza informativa che investe il nostro Paese. Tra le cause si possono certamente citare l’assenza della tematica nelle grandi testate giornalistiche, che trattano di clima come di “costume e società”, come piccole pillole di curiosità; ma dobbiamo purtroppo constatare che anche il pubblico è poco attento alla questione, tanto che sul web le notizie sui cambiamenti climatici sono spesso tra le meno cliccate; a questo si somma una disattenzione della politica, che non si interessa all’argomento.

La differenza tra Italia e resto del mondo appare evidente non appena si valichi la frontiera: tutti possiamo immaginarci, certo, che nel Nord Europa il tema dei cambiamenti climatici sia una priorità del governo, in quanto il nostro italiano complesso di inferiorità ci pone sempre di fronte la consapevolezza che in Europa esistano Stati più interessati all’ambiente e in generale alle questioni di vivibilità e stili di vita dei propri cittadini. Vi sorprenderebbe, in realtà, accorgervi che non solo in Danimarca la coscienza sul clima è più sviluppata, ma persino nei Paesi in via di sviluppo! Torno da un recente viaggio in Perù, dove alcune popolazioni indigene del Lago Titicaca mi hanno sorpreso per quanta profonda fosse la loro conoscenza non solo della scienza del clima, ma anche dei negoziati internazionali. Vivono infatti i loro giorni ancora in simbiosi con la Natura, la Pachamama che ci nutre e dà la vita. Allora occorre aggiungere un altro fattore alla crisi di conoscenza italiana sul clima: il distacco delle persone dalla Natura e dai processi agricoli. E allora, cosa possiamo fare, dobbiamo rassegnarci al fatto che i fattori storici ci portano a spegnere i riflettori italiani sull’anno cruciale per il futuro del sistema sociale umano as we know it?

Non ce lo possiamo permettere: a Parigi, nel prossimo dicembre, si riuniranno i 198 Stati aderenti alla Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC). Durante i prossimi mesi, i Paesi tratteranno, attraverso complessi incontri diplomatici, un nuovo accordo che andrà a sostituire il Protocollo di Kyoto, di cui proprio oggi ricorre il compleanno. Questo è l’anno in cui occorre parlare di clima e di rivoluzione energetica: “se non ora, quando?”

Per questo Italian Climate Network e Ursa Italia hanno organizzato una campagna provocatoria: creata da Tribe Communications, la campagna è basata su un’idea virale coinvolgente. E’ stata creata un’azienda fasulla, che dichiarava di fabbricare materiale isolante per edifici prodotto con il pelo di orsi polari, all’uopo allevati. Il temibile attore che in un video presentava l’azienda, proponeva questa soluzione definendola “edilizia organica”. Immediata la reazione del pubblico del web per salvare gli orsi polari da questo presunto destino, con oltre 4.000 persone che hanno aderito a una petizione online in pochi giorni, quasi 700.000 contatti raggiunti e più di 20.000 messaggi ricevuti, con l’hashtag #siamotuttiorsi.

Pochi giorni dopo, la campagna è stata rivelata, come pure il suo scopo: in Italia è facile indignarci per un pericolo imminente, ma non per un rischio più esteso nel tempo. Quegli stessi orsi polari scompariranno, e con loro altre centinaia di specie viventi a causa dei cambiamenti climatici. E mentre la retorica dell’orso polare ha chiuso i cambiamenti climatici nel vicolo cieco della comunicazione per ambientalisti, ci sfugge la visione globale della questione climatica: una delle specie a rischio si chiama “essere umano”. Il nostro sistema sociale, le nostre economie, le nostre vite, le vite dei nostri figli. I cambiamenti climatici cambieranno il mondo come lo conosciamo: è per questo che oggi #siamotuttiorsi.

di Veronica Caciagli*

*Presidente Italian Climate Network, @VeronicaClima


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

aprile 29, 2020

Studio Selectra: il 78% delle offerte di energia elettrica sul mercato è “green”

Le offerte “verdi” dell’energia elettrica (quelle cioè provenienti da fonti rinnovabili) non possono più essere considerate “alternative”, perché ormai rappresentano la maggior parte di tutte le tariffe disponibili sul mercato. Per il gas, invece, c’è ancora tanta strada da fare. Sono, in sintesi, i risultati dell’analisi che Selectra – azienda che mette a confronto le tariffe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende