Home » Idee »Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » La corsa più pazza del mondo, contro la CO2:

La corsa più pazza del mondo, contro la CO2

Lo Scienziato Pazzo, Courtesy of Davide Pravettoni, Flickr.comSecondo le stime del rapporto International Energy Outlook 2010 della EIA (l’Energy Information Administration americana), diffuso nei giorni scorsi, le emissioni di anidride carbonica sono destinate a crescere se non si interverrà tempestivamente con leggi e normative che regolino il consumo di carburanti fossili e che puntino a rafforzare la diffusione delle rinnovabili.

Il rapporto rende infatti noto che le emissioni globali di diossido di carbonio cresceranno del 43% entro il 2035, qualora non si intervenga sugli attuali standard di consumo applicando restrizioni a livello globale.

L’incremento delle emissioni sarà determinato, per il 49%, dal consumo crescente di energia a livello mondiale, mentre lo sviluppo industriale dell’Asia contribuirà all’aumento per il 35%.

Nel frattempo a Bonn, in Germania, sono ripartiti, da ieri, i negoziati sul clima in ambito Onu, con la sessione ufficiale della Convenzione Quadro per i Cambiamenti Climatici (Unfccc) in cui 182 governi e oltre 4.500 partecipanti (tra delegati governativi, rappresentanti di imprese e industria, organizzazioni ambientaliste e istituti di ricerca) riprenderanno, fino all’11 giugno, il discorso lasciato aperto alla Conferenza delle Nazioni Unite di Copenaghen (Cop15).

Sempre ieri la Commissione Europea ha autorizzato l’Olanda a fornire 10 milioni di euro di aiuti alla Nuon Energy Sourcing NV per un progetto dimostrativo per la cattura e lo stoccaggio delle emissioni di anidride carbonica, sostenendo che si tratta di aiuti di Stato in linea con le regole comunitarie, perché “gli effetti positivi di questa misura sono superiori rispetto alle possibili distorsioni della concorrenza” e incoraggiando l’operazione come parte del pacchetto europe0 clima-energia per raggiungere gli obiettivi ambientali fissati per il 2020.

Sembra dunque non esserci altra soluzione: per recuperare il controllo del clima globale occorre in qualche modo raffreddare l’atmosfera, eliminando i gas ad effetto serra, partendo dalla CO2.

Nella maggior parte dei centri di ricerca si fa tuttavia largo l’idea che contenere al ribasso le immissioni di anidride carbonica non sia affatto sufficiente. Il vero salto di qualità starebbe nel riassorbire le quote di CO2 ormai rilasciate.

E’ su questo presupposto che gli ingegneri climatici, a livello mondiale, si sono scatenati dando il massimo della creatività. Vediamo alcuni esempi recentemente riportati da Il Sole 24 Ore:

- a Silicon Valley, negli Usa, si sta valutando la possibilità di rilasciare nelle acque degli oceani enormi quantità di particelle di ferro con il compito di stimolare la proliferazione del fitoplancton, che a sua volta potrebbe assorbire la CO2, rilasciando nel contempo ossigeno. Un calcolo che va sicuramente bene su carta, ma i cui effetti reali sull’ambiente sono tutti da dimostrare.

- Nei giorni scorsi, sempre negli Usa, è stata annunciata la creazione di cellule che si autoriproducono, alle quali c’è chi pensa di affidare una supercrescita di alghe in grado di divorare la CO2.

- All’Università di Calgary, in Canada, si ipotizza invece la copertura dei grandi edifici nelle aree urbane con filtri impregnati di soluzioni chimiche fissanti, in grado di afferrare l’anidride carbonica e trattenerla.

- Ma alla Columbia University si va ben oltre, con il progetto di creazione di alberi sintetici, capaci di inghiottire mille volte più CO2 di qualsiasi vegetale naturale per poi liquefare il gas e ottenerne un carburante.

- C’è poi anche chi propone di creare nuvole artificiali per schermare le radiazioni solari e aiutare il raffreddamento della superficie del pianeta Terra: a Edimburgo, in Scozia, si studia la possibilità di mettere in mare una super flotta di almeno 1500 navi (costo stimato intorno ai 5mld$) che dovrebbero aspirare l’acqua degli oceani e poi “spruzzarla” nell’atmosfera, come un gigantesco aerosol, per aumentare il volume di nubi globale.

- Merita rilievo anche la proposta di immettere particelle di zolfo nell’atmosfera servendosi di aerei, sulla base del fatto che nel 1991 l’eruzione del vulcano Pinatubo (le cui nubi, come quelle di tutti i vulcani, contenevano zolfo) portò ad un abbassamento di circa mezzo grado della temperatura media in zona, per alcuni anni.

- Last but not least, il progetto delirante di inviare nello spazio una flottiglia di satelliti – o miliardi di dischi – dotati di grandi specchi riflettenti, allo scopo di deviare gran parte delle radiazioni del Sole, senza per altro alcuna idea dei possibili effetti collaterali sul clima.

Certe volte anche gli scienziati farebbero bene a pensare di più prima di parlare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende