Home » Idee »Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » La corsa più pazza del mondo, contro la CO2:

La corsa più pazza del mondo, contro la CO2

Lo Scienziato Pazzo, Courtesy of Davide Pravettoni, Flickr.comSecondo le stime del rapporto International Energy Outlook 2010 della EIA (l’Energy Information Administration americana), diffuso nei giorni scorsi, le emissioni di anidride carbonica sono destinate a crescere se non si interverrà tempestivamente con leggi e normative che regolino il consumo di carburanti fossili e che puntino a rafforzare la diffusione delle rinnovabili.

Il rapporto rende infatti noto che le emissioni globali di diossido di carbonio cresceranno del 43% entro il 2035, qualora non si intervenga sugli attuali standard di consumo applicando restrizioni a livello globale.

L’incremento delle emissioni sarà determinato, per il 49%, dal consumo crescente di energia a livello mondiale, mentre lo sviluppo industriale dell’Asia contribuirà all’aumento per il 35%.

Nel frattempo a Bonn, in Germania, sono ripartiti, da ieri, i negoziati sul clima in ambito Onu, con la sessione ufficiale della Convenzione Quadro per i Cambiamenti Climatici (Unfccc) in cui 182 governi e oltre 4.500 partecipanti (tra delegati governativi, rappresentanti di imprese e industria, organizzazioni ambientaliste e istituti di ricerca) riprenderanno, fino all’11 giugno, il discorso lasciato aperto alla Conferenza delle Nazioni Unite di Copenaghen (Cop15).

Sempre ieri la Commissione Europea ha autorizzato l’Olanda a fornire 10 milioni di euro di aiuti alla Nuon Energy Sourcing NV per un progetto dimostrativo per la cattura e lo stoccaggio delle emissioni di anidride carbonica, sostenendo che si tratta di aiuti di Stato in linea con le regole comunitarie, perché “gli effetti positivi di questa misura sono superiori rispetto alle possibili distorsioni della concorrenza” e incoraggiando l’operazione come parte del pacchetto europe0 clima-energia per raggiungere gli obiettivi ambientali fissati per il 2020.

Sembra dunque non esserci altra soluzione: per recuperare il controllo del clima globale occorre in qualche modo raffreddare l’atmosfera, eliminando i gas ad effetto serra, partendo dalla CO2.

Nella maggior parte dei centri di ricerca si fa tuttavia largo l’idea che contenere al ribasso le immissioni di anidride carbonica non sia affatto sufficiente. Il vero salto di qualità starebbe nel riassorbire le quote di CO2 ormai rilasciate.

E’ su questo presupposto che gli ingegneri climatici, a livello mondiale, si sono scatenati dando il massimo della creatività. Vediamo alcuni esempi recentemente riportati da Il Sole 24 Ore:

- a Silicon Valley, negli Usa, si sta valutando la possibilità di rilasciare nelle acque degli oceani enormi quantità di particelle di ferro con il compito di stimolare la proliferazione del fitoplancton, che a sua volta potrebbe assorbire la CO2, rilasciando nel contempo ossigeno. Un calcolo che va sicuramente bene su carta, ma i cui effetti reali sull’ambiente sono tutti da dimostrare.

- Nei giorni scorsi, sempre negli Usa, è stata annunciata la creazione di cellule che si autoriproducono, alle quali c’è chi pensa di affidare una supercrescita di alghe in grado di divorare la CO2.

- All’Università di Calgary, in Canada, si ipotizza invece la copertura dei grandi edifici nelle aree urbane con filtri impregnati di soluzioni chimiche fissanti, in grado di afferrare l’anidride carbonica e trattenerla.

- Ma alla Columbia University si va ben oltre, con il progetto di creazione di alberi sintetici, capaci di inghiottire mille volte più CO2 di qualsiasi vegetale naturale per poi liquefare il gas e ottenerne un carburante.

- C’è poi anche chi propone di creare nuvole artificiali per schermare le radiazioni solari e aiutare il raffreddamento della superficie del pianeta Terra: a Edimburgo, in Scozia, si studia la possibilità di mettere in mare una super flotta di almeno 1500 navi (costo stimato intorno ai 5mld$) che dovrebbero aspirare l’acqua degli oceani e poi “spruzzarla” nell’atmosfera, come un gigantesco aerosol, per aumentare il volume di nubi globale.

- Merita rilievo anche la proposta di immettere particelle di zolfo nell’atmosfera servendosi di aerei, sulla base del fatto che nel 1991 l’eruzione del vulcano Pinatubo (le cui nubi, come quelle di tutti i vulcani, contenevano zolfo) portò ad un abbassamento di circa mezzo grado della temperatura media in zona, per alcuni anni.

- Last but not least, il progetto delirante di inviare nello spazio una flottiglia di satelliti – o miliardi di dischi – dotati di grandi specchi riflettenti, allo scopo di deviare gran parte delle radiazioni del Sole, senza per altro alcuna idea dei possibili effetti collaterali sul clima.

Certe volte anche gli scienziati farebbero bene a pensare di più prima di parlare.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

giugno 28, 2017

Ecotessitrici della Sardegna, un filo che arriva fino all’arcipelago giapponese di Okinawa

Un legame stretto, nonostante 10 mila chilometri di distanza, tra la Sardegna e l’arcipelago di Okinawa in Giappone. Isole che condividono la lunga aspettativa di vita, sono tra le popolazioni  più longeve del mondo. Merito di uno stile di vita semplice e sano. Ma un altro filo che unisce  è la custodia di antiche tradizioni, come  la [...]

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

giugno 27, 2017

TrenoBus delle Dolomiti: per tutta l’estate un servizio intermodale per ciclisti e trekker

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di [...]

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende