Home » Internazionali »Politiche » La guerra del clima:

La guerra del clima

marzo 9, 2010 Internazionali, Politiche

Verso il circo Concordia, Courtesy of Elisabetta2005, Flickr.comDa mesi i climatologi del riscaldamento globale e i loro oppositori si combattono per riaffermare, i primi, la validità dei propri studi, i secondi, la possibilità di avervi accesso e di poterli confutare. A farne le spese è il pubblico di cittadini, che assiste attonito e riceve informazioni contrastanti e frammentarie.

Tutto è cominciato lo scorso novembre, quando sono state diffuse su internet più di 1.000 mail sottratte illegalmente dal server del Centro di Ricerca sul Clima (CRU) della University of East Anglia. Da questa corrispondenza sembra emergere che Phil Jones, capo della CRU, e alcuni suoi colleghi abbiano cercato di falsificare alcuni dati sull’innalzamento delle temperature e di sottrarsi a richieste di diffusione dei dati stessi, per poter avvalorare l’ipotesi dell’influenza umana sui cambiamenti climatici.  

La vicenda è ora affidata ad una commissione parlamentare che stabilirà se i ricercatori hanno commesso reato o meno. Ascoltato in commissione, Jones ha ammesso di aver scritto mail equivoche, ma ha anche fermamente negato l’accusa di aver nascosto e falsificato dati.

Più recentemente, molti hanno contestato errori nell’ultimo rapporto redatto dalla Conferenza Intergovernativa Onu sui Cambiamenti Climatici (IPCC). Due innnazitutto: la previsione della scomparsa dei ghiacciai dell’Himalaya entro il 2035 e la notizia, non verificata, del presunto sprofondamento di metà del territorio dei Paesi Bassi sotto il livello del mare. Queste sviste hanno costretto l’IPCC a scusarsi pubblicamente e annunciare la creazione di un comitato di scienziati indipendenti per verificare le procedure di ricerca.

Il comitato indipendente farà una revisione del lavoro realizzato finora dall’IPCC in vista del quinto rapporto”, ha affermato Nick Nuttall, portavoce del Programma ambientale dell’Onu (Unep), durante la conferenza sui cambiamenti climatici tenutasi a Bali lo scorso dicembre. “I primi risultati dovrebbero essere presentati già ad ottobre, e speriamo che questo metta fine alle polemiche”.

Di fatto, i dubbi sull’attendibilità dei dati istituzionali hanno rilanciato l’opposizione di quanti non credono al principio della responsabilità umana nel processo di riscaldamento globale.

Una delle critiche mosse all’IPCC è quella di utilizzare come fonte anche la letteratura grigia, testi non diffusi dai tradizionali canali editoriali, come denuncia il telegraph.co.uk. In realtà, sono gli stessi scettici a chiedere che il dibattito sul clima comprenda anche fonti non accademiche, ma ugualmente documentabili.

E, se alcuni scienziati hanno scelto di difendersi dalle accuse e di tutelare i propri studi, altri, come la climatologa del Georgia Institute of Technology Judy Curry, incoraggiano una maggiore apertura: “I non addetti devono poter entrare nelle torri d’avorio della scienza, per il suo stesso bene – riporta il Guardian citando Curry – Einstein non ha cominciato la sua carriera a Princeton, ma all’ufficio patenti. Tiriamo dentro i blogger. Probabilmente c’è un Einstein tra loro”.

Dagli esperti e dagli “attivisti” del clima il discorso si allarga ai cittadini, sfiduciati da tanta confusione.

Il New York Times cita uno studio, condotto alla fine di dicembre da due università statunitensi, secondo cui il numero di americani che credono che il cambiamento climatico sia un’invenzione è più che raddoppiato dal 2008, dal 7% al 16%. Un altro 13% di americani è convinto, poi, che anche se il pianeta si stesse riscaldando, sarebbe un risultato dipendente da soli fattori naturali.

Mosse anche da questi segnali di scetticismo alcune istituzioni si stanno dunque sforzando di rendere il loro lavoro più trasparente. L’Agenzia Ufficiale Britannica sul Clima renderà pubblici, per la prima volta, i propri dati sulle temperature, mentre la National Academy of Sciences sta per pubblicare un documento divulgativo per sintetizzare quello che si sa – e non si sa – sui cambiamenti del clima globale.

“Gli scienziati devono continuamente guadagnarsi la fiducia della gente o rischiamo di cadere in un nuovo Medio Evo in cui l’ideologia vince sulla ragione”, ha affermato il responsabile IPCC Rajendra K. Pachauri.

Mariella Li Bergoli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende