Home » Idee »Internazionali »Politiche » La Rivoluzione Verde secondo Woodrow Clark:

La Rivoluzione Verde secondo Woodrow Clark

marzo 3, 2010 Idee, Internazionali, Politiche

Pubblichiamo l’intervista di Letizia Tortello, inviata di Greenews.info, al Premio Nobel Woodrow W. Clark, ospite ieri, a Torino, del forum internazionale Biennale Democrazia – Sostenibilità. Ricordiamo a chi volesse intervenire nel dibattito, rispetto ai temi trattati da Clark e da Bruno Pampaloni, che può farlo nella pagina di Greenews.info su Facebook, raggiungibile dalla nostra homepage.

Woodrow Clark, Courtesy of Biennale DemocraziaDimenticatevi la cosiddetta economia tradizionale”. Parola dell’americano Woodrow W. Clark, economista e Premio Nobel per la Pace 2007 (vinto insieme ad Al Gore), che ha tenuto ieri sera, al Teatro Regio di Torino, una lectio magistralis sui temi sostenibilità e sviluppo, nell’ambito del forum Democrazia 2.0.

L’epoca della seconda rivoluzione industriale deve necessariamente concludere la sua parabola. In fretta. Per aprire la strada a una terza rivoluzione industriale”, in cui il mondo abbandoni le tradizionali energie a combustibile fossile e scelga quelle rinnovabili, come il sole, l’acqua, il vento, il calore della Terra. Una rivoluzione già partita in Europa – come già ricordava Jeremy Rifkin - prima che in altre parti del mondo. “Bisogna definire oggi il mondo in un modo nuovo. E’ una sfida ma anche un destino, perché non ci può essere altra via che lo sviluppo di un’economia verde per l’auto-conservazione e il sostentamento della Terra”, chiarisce Clark senza esitazione.

Un destino inevitabile, dunque, quello delle fonti rinnovabili. Un confronto che vince, già in partenza, sulla concorrenza/alternativa rappresentata dal nucleare: troppo costoso, troppo pericoloso, troppo difficile da gestire, poco profittevole su lunga scala e per lunghi tempi. In un’intervista esclusiva a Greenews.info lo scienziato californiano ci spiega perché solo le fonti rinnovabili sono compatibili con i parametri di crescita mondiali.

 “Basta guardarsi intorno: prendiamo la velocità a cui è cresciuta Shanghai negli ultimi 18 anni. Nel ’92, quando l’ho visitata la prima volta, non c’erano che biciclette, lontana anni luce da tutte le auto che ha oggi. Così la Cina: detiene la palma d’oro del paese più inquinante e continua a investire per costruire, ogni mese, una centrale nucleare e una a carbone. Prendiamo poi Dubai, l’esempio opposto: da qualche anno si è decisa a voler diventare il primo stato della nuova economia verde. Io allora mi chiedo: che cos’è veramente l’economia verde? E’ la risposta che dobbiamo dare ai nostri figli per il loro futuro. Contro il riscaldamento globale del clima. Non voglio sapere come sarà tra 50 anni, voglio capire cosa stiamo facendo ora per evitare che tra 50 anni non ci sia futuro”.

L’uranio per Clark non è una risposta concreta e credibile. “Per una questione di sicurezza [safety, il primo punto con cui Clark smonta le tesi dei sostenitori del nucleare, NdR]. Negli anni ’90 lavoravo al Laurence Livermore Laboratory della California, il secondo più grande centro di energia atomica d’America. Stoccavamo le scorie radioattive nella Yucca Mountain. In una discussione con altri 25 colleghi, tra ingegneri, fisici, chimici, tecnici, ferventi difensori – a differenza mia – del nucleare, nessuno di loro ha detto con certezza di voler abitare vicino alla centrale. Avevano paura. Il problema dello smaltimento dei rifiuti d’uranio non ha al momento soluzione sicura, né l’avrà prima di 60 anni. Sono dati del Programma EITER, che coinvolge Francia, Giappone e Usa. Ora, posto che l’uranio è una fonte non rinnovabile che esisterà sulla Terra ancora per – fate bene attenzione – 60 anni, poi finirà, al pari del petrolio e del gas, un po’ prima del carbone, sarebbe assurdo buttare i propri dollari in un’opera ipercostosa come una centrale (si spendono tra i 6 e gli 8 miliardi di dollari per la costruzione) resa completamente sicura solo dopo l’esaurimento della risorsa che gli serve per alimentarsi!”. 

Qui entra in gioco il secondo nodo del ragionamento anti-nucleare di Clark: la sostenibilità locale e la trasmissione dell’energia (transmission). “L’energia nucleare che fosse eventualmente prodotta, a costi elevatissimi, deve essere poi distribuita. Anche molto lontano dalle centrali. Perché non è che si possa costruire la centrale nel proprio cortile. In questo passaggio di trasporto, dal centro alla periferia, si perde circa 1/3 dell’efficienza. Non sarebbe dunque meglio avere tutti quanti in casa piccole centrali solari o a vento, che ci rendono completamente autonomi e autosufficienti?”. Il modello è quello delle 12 comunità sostenibili già attive nel mondo, come Clark spiega, durante l’intervento al Regio, alla folla di giovani presenti: realtà come Friedrichshafen, in Danimarca, che stanno investendo per liberarsi una volta per tutte di ogni forma di combustibile, biomasse comprese. Dalla conchiglia si può capire il mollusco, dalla casa l’inquilino, diceva Victor Hugo.

“Tutto quello che possiamo immaginare, la natura ce l’ha già dato – continua Clark nella nostra intervista – e Obama sbaglia di grosso se decide di sbloccare gli investimenti per la costruzione delle centrali ferme da 30 anni. Ha dei consiglieri inadeguati e si contraddice. Io sto lavorando per fargli cambiare idea, ma non mi risulta, in ogni caso, che abbia ancora firmato. La responsabilità dei governi è grande. Lo dico il più chiaramente possibile: devono disinvestire subito da quei progetti, rimuovere tutti i finanziamenti, i sussidi e gli incentivi fiscali a chi usa carburante di natura fossile. Fatto ciò, avranno i soldi per creare programmi di energie rinnovabili sufficienti per soddisfare il fabbisogno di uffici, palazzi governativi, stadi, grossi e piccoli magazzini, abitazioni dei privati”. Questa la prima mossa. Poi la seconda: la “rivoluzione verde” nelle nostre case. “E’ questione di educazione, di cultura di un popolo”, dice Clark. Chi pensa al bene altrui ha già assicurato il proprio.

 Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende