Home » Nazionali »Politiche » La saga dell’AIA: Clini rivendica, Squinzi accusa, i grillini rilanciano:

La saga dell’AIA: Clini rivendica, Squinzi accusa, i grillini rilanciano

marzo 12, 2013 Nazionali, Politiche

Secondo quanto dichiarato, nei giorni scorsi, dal presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, “è imprescindibile, se vogliamo continuare a essere un Paese ancora in grado di attrarre investimenti e mantenere uno sviluppo industriale moderno, esigere un nuovo quadro normativo ambientale allineato agli standard europei e un radicale intervento di semplificazione amministrativa sulle procedure”. Il contesto era quello della presentazione di uno studio di Confindustria che, in occasione del recepimento della direttiva sulle emissioni industriali (la 2010/75/UE che prevede, tra l’altro, da parte degli impianti industriali, l’applicazione della “BAT” – Best Available Technology - vale a dire le tecniche più efficaci per ottenere un elevato livello di protezione dell’ambiente nel suo complesso), ha realizzato un’analisi comparativa della disciplina di Autorizzazione Integrata Ambientale a livello europeo e internazionale.

L’occasione è valsa, al numero uno di Viale dell’Astronomia, per entrare nel merito della semplificazione delle regole ambientali e valutare l’impatto dell’AIA sulle imprese che “deve avvenire”, ha sostenuto Squinzi, “nel rispetto delle disposizioni comunitarie e degli standard prevalenti negli altri paesi, senza oneri impropri”, ha precisato. In effetti, in Italia, i tempi per il rilascio dell’AIA sono tra i più lunghi in Europa: variano dai 14 ai 21 mesi, e questo nonostante il D.Lgs. 18/02/2005 n. 59 – che attua la direttiva 96/61/CE, l’I.P.P.C. ( Integrated Pollution Prevention and Control), relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento – prescriva un termine massimo di 150 giorni e renda obbligatorio il rilascio dell’AIA. Non solo: il termine si allunga fino a superare i 20 mesi nel settore della raffinazione, fino ai 5 anni in quello della chimica e del termoelettrico. A rendere poi ancora più difficile, dal punto di vista delle imprese, il quadro burocratico, c’è, secondo Confindustria, la durata delle autorizzazioni, che da noi è molto più breve (5 anni) rispetto agli altri paesi europei (generalmente di 10 anni), mentre i costi sono elevatissimi.“Appare evidente”, ha commentato il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, “come la disciplina comunitaria in materia ambientale sia spesso recepita nel nostro paese in maniera più restrittiva rispetto a quanto richiesto dalla stessa UE (ad esempio per i limiti di emissioni, le sanzioni, gli oneri e le tariffe a carico delle imprese)”.

Al presidente di Confindustria ha risposto Corrado Clini. Il Ministro uscente per l’Ambiente, in una lettera indirizzata per l’occasione a Squinzi, ricorda come “in pochi mesi abbiamo rinnovato un’AIA che, nella prima versione, aveva richiesto 5 anni, un tempo assurdo e incompatibile con i tempi della competizione delle imprese nei mercati internazionali”. Clini ha aggiunto che “resta ancora molto da fare”: e infatti il disegno di legge sulla semplificazione, approvato dall’Aula della Camera, deve ancora completare l’iter al Senato. “Nel ddl”, scrive Clini, “avevo previsto una procedura chiara sulle modalità e sui tempi per le AIA, in modo tale da evitare il ripetersi della inaccettabile sequenza di conferenze di servizi interlocutorie che hanno lasciato aperte procedure per anni. Spero che la legge possa essere ripresa dal nuovo parlamento e approvata”. Il riferimento del titolare dell’Ambiente è al decreto – fatto approvare in Consiglio dei Ministri a fine febbraio – che istituisce la nuova Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) per le Piccole e medie imprese, inglobando una serie di adempimenti burocratici: l’autorizzazione passa dalla durata di 5 anni a 15, con la previsione di un monitoraggio annuale per verificare che la semplificazione effettivamente funzioni.

Ma nel mondo ambientalista c’è chi, al contrario, pensa che già il provvedimento del Governo sia troppo permissivo, una sorta di “liberi tutti per chi inquina”, più che di una semplificazione. E’il caso di Angelo Bonelli, il leader dei Verdi che, prima delle elezioni, lo aveva definito “un regalo elettorale per un sistema produttivo che lo stava aspettando con ansia: l’interesse dell’impresa a risparmiare tempo e denaro è prevalente rispetto alla tutela dell’ambiente e della salute”, ha chiosato Bonelli.

Sembrerebbe dunque che il tema delle regole sulla protezione ambientale da un lato, e quello delle norme sulla semplificazione degli adempimenti amministrativi a carico delle imprese dall’altro (le nuove norme riguarderanno “solo” le PMI, che però rappresentano circa l’80% del sistema produttivo italiano), polarizzino il dibattito pubblico del Paese. Eppure, semre Squinzi, nei giorni scorsi, ha aggiunto: “Riteniamo che la sfida della sostenibilità sia non solo un dovere etico morale, ma anche una straordinaria opportunità di innovazione tecnologica e di sviluppo“. E c’è già chi interpreta le parole del presidente di Confindustria in chiave di “avvertimento” rivolto all’esercito dei neo-eletti del M5S. Il movimento di Grillo, infatti – le cui politiche ambientali, il capo degli industriali ha definito con un’impostazione a metà strada “tra l’agreste e il bucolico” – in questo ambito, chiede regole più rigide.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende