Home » Internazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » La strategia energetica europea dopo la crisi ucraina:

La strategia energetica europea dopo la crisi ucraina Top Contributors

Il rapido precipitare degli eventi in Ucraina prima e tra Russia e Ucraina, poi, forse non del tutto imprevisto ma di sicuro non da tutti atteso, ha riportato al centro dell’attenzione il tema della dipendenza energetica dell’Europa. In verità, non ci sono stati particolari problemi né tantomeno interruzioni di fornitura e neanche tensioni sui prezzi all’ingrosso del gas naturale, e tuttavia l’impatto sui media è stato notevole; quasi inevitabile dunque che il Consiglio Europeo, tenutosi a Bruxelles il 20 e 21 marzo, se ne occupasse, a proposito della futura strategia “Energia & Clima” al 2030.

Anche per un motivo tecnico che è il caso di ricordare. Il consumo di gas d’inverno è maggiore per i consumi da riscaldamento. Per assicurare la continuità delle forniture e gestire fluttuazioni più o meno ampie di domanda e di offerta si ricorre storicamente agli stoccaggi, che permettono di disporre di gas in maniera differita rispetto all’estrazione o all’importazione. Gli stoccaggi si svuotano progressivamente durante i mesi freddi e perciò un’interruzione delle forniture a febbraio o anche a marzo, specie se accompagnata da freddo intenso può creare dei problemi. Come pure si è già verificato in passato, proprio in occasione delle tensioni russo-ucraine. La tempistica pertanto era, in effetti, preoccupante, anche se più in teoria che in pratica, dato che quest’inverno i consumi sono stati molto modesti.

È quindi facilmente comprensibile come nelle parole del presidente Van Rompuy, oltre alla riduzione della dipendenza di forniture di gas, fosse chiara l’esortazione affinché si acceleri per un’ulteriore diversificazione dei fornitori di energia, elaborando sistemi per aumentare il potere di trattativa, continuando a sviluppare le rinnovabili e le altri fonti autoctone, con un maggior coordinamento di sviluppo delle infrastrutture.

Più in generale, il Consiglio ha, di fatto, confermato le indicazioni presentate dalla Commissione Europea con la Comunicazione COM(2014) 15 del 22 gennaio 2014. A cominciare dall’efficienza energetica e dalla revisione della direttiva 2012/27/UE - che dovrebbe concludersi entro la fine di quest’anno – solo allora la Commissione valuterà l’eventuale necessità di modificarla.

La Direttiva 2012/27/UE chiede agli Stati membri di risparmiare energia agendo su edifici privati e pubblici, promuovendo diagnosi energetiche, contabilizzatori di calore, contatori intelligenti nonché sviluppo del mercato dei servizi energetici, prevedendo però solo degli obiettivi nazionali indicativi e quindi non vincolanti. Così come non sono previsti per le fonti rinnovabili che entro il 2030 dovrebbero arrivare a coprire il  27% dei consumi europei, ma, appunto, senza l’imposizioni di obiettivi nazionali.

Nel nuovo sistema di governance, basato su piani nazionali, agli Stati membri viene lasciata ampia flessibilità di intervenire sul proprio sistema energetico «nel modo più consono alle preferenze e alle circostanze nazionali». Con una progressiva evoluzione dei meccanismi di sostegno per le energie rinnovabili verso un sistema più efficiente in termini di costi e maggiormente basato sul mercato, nonché una più stretta convergenza dei regimi di sostegno nazionali oltre il 2020. Anche per il clima restano valide le proposte della Commissione: riduzione delle emissioni di gas serra del 40%, rispetto al 1990, da raggiungere unicamente mediante interventi interni all’Unione, senza l’apporto dei “meccanismi flessibili” del Protocollo di Kyoto (le riduzioni ottenute grazie a progetti realizzati in Paesi terzi) e riforma dell’Emission Trading System (ETS) con l’introduzione di una riserva per di quote da introdurre nel 2021, all’inizio del prossimo periodo di scambio.

Quello di marzo è dunque stato un passaggio interlocutorio, parte di un’ampia discussione che si svilupperà in vista della conferenza sul clima di Parigi 2015. Il prossimo e più incisivo è già previsto per ottobre di quest’anno. La ponderatezza delle decisioni è comprensibile «dato l’enorme impatto sulle nostre economie» per usare le parole di Van Rompuy. Facile dedurre che la marcia verso il 2030, che almeno per ora vede confermati gli ambiziosi obiettivo di lungo termine per il 2050, dovrà contemperare costi e benefici, per consumatori e imprese. Queste ultime dovranno avere una base forte e competitiva, in termini sia di produzione che di investimenti, quale motore principale di crescita economica e di occupazione. Parole che ricordano i tanti appelli degli industriali – l’ultimo quello delle associazioni confindustriali di Germania e Italia presentato in occasione del vertice italo-tedesco del 17 marzo – che lamentano un impatto troppo gravoso delle politiche green.

Va ricordato però che il Consiglio continua a considerare l’impegno ambientale un’opportunità industriale come si legge nel paragrafo “competitività e politica industriale” a proposito delle tecnologie abilitanti fondamentali, le KET, Key Enabling Technologies. Batterie per l’elettromobilità, materiali intelligenti, produzioni ad alto rendimento e bioprocessi industriali dovrebbero di conseguenza essere rafforzati individuando con rapidità i progetti di interesse europeo. A tal proposito è esplicito l’invito alla Commissione «a riferire sulle modalità con cui promuovere la tecnologia pulita mediante azioni concrete in tutte le pertinenti politiche dell’UE». Le tecnologie pulite resterebbero quindi elemento trasversale per la promozione della competitività dell’industria europea.

Antonio Sileo*

*Ricercatore IEFE Bocconi @ilFrancotirator

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende