Home » Internazionali »Politiche » L’accordo sul clima USA-Cina visto “da dietro”: impegni senza vincolo né sanzioni. Ma il gioco ora cambia:

L’accordo sul clima USA-Cina visto “da dietro”: impegni senza vincolo né sanzioni. Ma il gioco ora cambia

novembre 17, 2014 Internazionali, Politiche

L’accordo siglato l’11 novembre tra Stati Uniti e Cina per la riduzione delle emissioni di gas serra segna indubbiamente un momento di svolta nel lento e farraginoso iter dei negoziati internazionali sul clima. I due maggiori produttori di gas climalteranti del pianeta, dopo anni di ostruzionismo verso qualunque accordo internazionale sul riscaldamento globale, hanno finalmente sottoscritto un accordo bilaterale che definisce obiettivi “concreti” di riduzione delle rispettive emissioni. O forse no?

Nel testo siglato da Obama e Xi Jinping si legge che gli Stati Uniti “intendono” ridurre le proprie emissioni del 26%-28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2025 e “fare il possibile per” ridurle del 28%; la Cina, dal canto suo, “intende” raggiungere il proprio picco di emissioni di CO2 “intorno al” 2030 e “fare il possibile per” raggiungerlo prima.

Si tratta quindi di comuni e condivise intenzioni verso degli obiettivi da raggiungere e di un impegno (non vincolante), da parte di entrambi, a fare il possibile per raggiungerli prima del previsto e con il massimo dei risultati. Bene. Le buone intenzioni e l’unità d’intenti sono certamente condizioni necessarie al buon funzionamento e all’efficacia di un accordo internazionale, ma non sufficienti.

L’accordo tra Stati Uniti e Cina è a base meramente volontaria. Non contiene quindi alcun impegno o obiettivo legalmente vincolante, non prevede organismi di controllo sul rispetto degli obiettivi prefissati né, tanto meno, sanzioni in caso di mancato raggiungimento degli stessi.

Entrando poi nel merito degli impegni presi, l’obiettivo di riduzione degli Stati Uniti era già noto a giugno, mentre la Cina non si è impegnata a limitare progressivamente le proprie emissioni di CO2, bensì a fare il possibile per raggiungere, intorno al 2030, il livello massimo delle stesse, per poi, forse, cominciare a ridurle.

A poche settimane dal COP20 di Lima e in vista di nuovi difficili negoziati per un nuovo impegno globale post-Kyoto verso Parigi 2015, viene quindi da chiedersi se questo accordo bilaterale possa davvero essere definito “storico” e per quali motivi.

Difficile pensare che possa rivelarsi cruciale nell’urgente lotta al riscaldamento globale. Non lo è stato, dal 2005 ad oggi, il Protocollo di Kyoto, pur con obiettivi legalmente vincolanti per i paesi industrializzati, un comitato di conformità incaricato di vigilare sul rispetto degli impegni presi, meccanismi flessibili capaci di fare delle emissioni abbattute una merce di scambio e una fonte di possibile guadagno, responsabilità e oneri comuni ma differenziati in base al livello di crescita e sviluppo dei singoli Paesi. Gli obiettivi si sono rivelati insufficienti. Se oggi l’Unione Europea proclama un obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra del 40% (rispetto ai valori del 1990) entro il 2030, l’India prevede di incrementare le proprie del 60% tra il 2020 e il 2040 e non mostra alcuna intenzione di volersi sedere al tavolo delle trattative. Senza il coinvolgimento e l’impegno dei cosiddetti Paesi in Via di Sviluppo e nuovi obiettivi, più stringenti, per tutti, il rischio di non riuscire a limitare l’innalzamento delle temperature a soli 2°C è pressoché inevitabile. Perché dovrebbe riuscirci un accordo bilaterale non vincolante, se pur tra grandi potenze inquinanti?

L’accordo è però certamente “storico” per i tempi e i modi con cui è stato raggiunto ed è per questo che Robert Falkner, esperto di negoziati internazionali sul clima alla London School of Economics, lo definisce un “game changer”. Stati Uniti e Cina hanno per la prima volta una visione comune sul clima. Ci sono arrivati in solo 50 giorni di trattative dopo diversi anni di totale assenza di confronto e dialogo in seno ai negoziati della Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCC). L’hanno fatto con gran riserbo e nell’interesse esclusivo di entrambi senza dover contrattare la propria posizione con gli altri Paesi industrializzati dell’Annex I, né dover condividere e concordare la propria linea d’azione con le altre potenze attualmente escluse dai vincoli di Kyoto, tra cui Sud Africa, India e Brasile. L’hanno fatto a seguito di concrete misure di riduzione delle emissioni nazionali adottate quasi in contemporanea e, soprattutto, l’hanno fatto senza prendersi impegni vincolanti, ma legando gli obiettivi a investimenti comuni di ricerca e sviluppo, accordi commerciali e programmi di crescita dei rispettivi settori di green economy.

Ebbene, se fino a poche settimane Stati Uniti e Cina potevano rappresentare uno degli alibi per il fallimento di ogni tentativo di raggiungere un efficace accordo globale sul clima, oggi rappresentano uno scomodo ma vero interlocutore in sede di negoziato e questo sì, è un fatto storico.

La cruciale COP di Parigi, a dicembre 2015, vedrà quindi a confronto, da una parte, gli storici fautori di Kyoto, fiaccati da anni di sterili trattative e frustrati da miseri risultati, dall’altra Stati Uniti e Cina, forti del consueto peso politico ed economico e di una nuova posizione comune sul cambiamento climatico e sulla tipologia di impegni da assumersi per farvi fronte.

A detta di Falkner questo nuovo scenario potrebbe definitivamente sbloccare i negoziati internazionali. Resta da vedere come e con quali conseguenze per l’ambiente e il clima del pianeta.

Emiliano Giovine – Avvocato, esperto in diritto internazionale, dottorando presso l’Università di Utrecht, già consulente all’UNEP di Ginevra, Legal Officer presso JRC della Commissione Europea.

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende