Home » Internazionali »Politiche » Land grabbing: quando gli squali della finanza diventano “agricoltori”:

Land grabbing: quando gli squali della finanza diventano “agricoltori”

marzo 25, 2014 Internazionali, Politiche

All’indomani della crisi economica globale, si è aperta una caccia alla terra di proporzioni gigantesche. Come documenta il recente rapporto del californiano Oakland Institute, think tank indipendente  - “Down on the farm. Wall Street: America’s new farmer” – un’area “che corrisponde a otto volte quella del territorio britannico, è stata comprata o presa in locazione nella parte del mondo in fase di sviluppo, tra il 2000 e il 2011”. Il report parla di una nuova generazione di “investitori istituzionali” – hedge fund, private equity e fondi pensione – che sta avidamente traendo profitto dai terreni coltivati, violando la sicurezza alimentare e calpestando i diritti acquisiti dalle popolazioni su quelle terre. Questo fenomeno ha toccato il suo apice nel 2008, quando i prezzi del cibo si impennarono insieme all’interesse degli investitori. Oggi, si legge sul report, “ha sconfinato in una vera e propria bolla finanziaria e speculativa”.

La corsa all’accaparramento delle terre nei paesi in via di sviluppo provoca inevitabilmente conflitti sociali ed economici, a causa dell’impatto pesantissimo che le comunità residenti lamentano sul proprio stile di vita: impedimento dell’accesso ai pascoli, alle fonti idriche e alle altre risorse necessarie per la sussistenza, che di fatto costringono ad abbandonare le abitazioni.

Organizzazioni internazionali (anche italiane) si sono mobilitate per fare da cassa di risonanza e offrire il proprio sostegno alle popolazioni. È quello che è successo in Senegal, nel 2011, quando il progetto di un’azienda, la Senhuile SA controllata per il 51 per cento dall’italiana Tampieri Financial Group SpA e al 49 per cento dalla società senegalese a capitale misto Senéthanol, prevedeva di affittare ben 20mila ettari della riserva di Ndiael, intorno alla quale  sorgono una quarantina di villaggi abitati da decenni da comunità autoctone.

Ardo Sow, portavoce dei villaggi del Ndiael che resistono al progetto, è volato in Europa insieme a una delegazione di esponenti delle comunità locali per sensibilizzare la società civile affinché chieda alla Tampieri di porre fine a un progetto controverso. Ardo non usa mezzi termini. “La nostra indignazione è enorme. Una prima analisi  dei possibili impatti sociali e ambientali è stata condotta solo mesi dopo l’inizio del progetto. Come se non bastasse le mappe usate dai tecnici per il loro studio presentavano solamente sei dei 40 villaggi compresi nell’area e interessati dall’attività di accaparramento delle terre”.

Organizzazioni come ActionAid impegnata nella lotta alla povertà e all’esclusione sociale e Re:Common, associazione che promuove la giustizia ambientale ed economica e, con loro, soggetti internazionali come Peuple Solidaires, Grain, Oakland Instutute, il Conseil Nacional de Concertation et de Coopération des Ruraux e ENDA Pronat, hanno intrapreso una battaglia per sostenere la protesta degli agricoltori senegalesi, firmando, insieme alle reti e associazioni senegalesi e internazionali,  l’appello urgente alla Tampieri affinché ponga fine al progetto.

Ma questa sorta di nuova espansione coloniale, fenomeno antico che la crisi globale ha rinfocolato, portando – si calcola – a quasi 227 milioni di ettari di terra, in tutto il mondo, venduti o affittati ad altri soggetti rispetto alle comunità che su quelle terre vivono e grazie ad esse sopravvivono, è destinata a generare sempre più povertà e distruzione ambientale.

È successo anche, nel 2008-2009, in Madagascar, nella Regione di Ihorombe, nella parte meridionale del Paese, dove un’altra azienda italiana, Tozzi Green, braccio attivo nel campo delle rinnovabili di Tozzi Holding Group, aveva in progetto di realizzare piantagioni di Jatropha (piante arbustive che hanno numerosi composti tossici), per produrre agro-combustibili sfruttando complessivamente 100mila ettari di terreno. Il primo accordo di affitto di 6.500 ettari, siglato con il governo centrale malgascio per 30 anni, porta il vantaggioso prezzo per ettaro di 10 euro l’anno. Ma secondo la normativa nazionale, l’azienda avrebbe dovuto avviare un processo trasparente di consultazione delle popolazioni residenti. La Tozzi sostiene di averlo realizzato, mentre le comunità che su quei territori sono dedite all’allevamento di zebù (bovino domestico delle regioni tropicali e subtropicali dell’Africa e dell’Asia) – unica economia locale di sussistenza – sostengono il contrario.

Dipendiamo totalmente dagli zebù, sono la nostra banca”, racconta uno dei “sindaci” di queste comunità incontrati dall’associazione Re:Common – “quando dobbiamo coltivare la terra ci serviamo degli zebù per ammorbidirla, dagli zebù derivano alcuni medicamenti, e se ci servono soldi per andare in ospedale, vendiamo uno zebù. Senza l’uccisione e la condivisione della carne con la comunità, da noi non si possono tenere né matrimoni, né funerali”. Le piantagioni di Jatropha, pianta sconosciuta a quei popoli, non danno alcun beneficio economico sostanziale ai contadini malgasci che lamentano di non aver visto neppure tutti i posti di lavoro promessi per la sua coltivazione, a titolo compensativo per il sacrificio imposto.

“Ci sono diverse interpretazioni del land grabbing”, spiega a Greenews.info, Roberto Sensi, Policy Officer diritto al cibo di ActionAid. “Alcuni – come ActionAid -  lo leggono come una violazione sistematica dei diritti fondamentali: dove si sia in assenza di un consenso preventivo, si sostanzia una violazione ad essere informati; là dove il progetto metta a repentaglio la sicurezza alimentare dei popoli, si sostanzia una violazione del loro diritto al cibo che include tanto il diritto ad alimentarsi che quello di accedere agli strumenti per procurarselo. Poi, ad essere scalfito”, prosegue, “c’è il diritto di abitare: anche se nessuno materialmente li caccia, loro sono costretti ad andare via se il lavoro agricolo muta strutturalmente (da un modello labour intensive a uno capital intensive)”.

“Il caso di Tampieri, che ActionAid segue, è un investimento industriale critico per le modalità con cui è stato realizzato: il tipo di sviluppo agricolo che propone si pone in profonda contraddizione con i bisogni alimentari delle popolazioni che abitano su quei territori: in primo luogo, perché è stato realizzato dall’azienda senza consenso delle comunità locali o di gran parte di esse, ma in presenza della sola autorizzazione governativa; in secondo luogo, perché il progetto implica una coltivazione distensiva, su 20mila ettari, che va a modificare profondamente le caratteristiche produttive di quel territorio, ponendo una serie di rischi di carattere sociale e ambientale”.

Non è l’unico caso. “Dal 2008”, spiega Sensi, “c’è stata un’ondata di investimenti agricoli di questo tipo, tesi ad acquisire il controllo sull’uso della terra per realizzare produzione agricola da esportazione. I principali trainer di questi investimenti, sono stati, da un lato, la domanda alimentare in crescita; e dall’altro i bisogni alimentari dei paesi emergenti che hanno spinto, inizialmente, diverse aziende di nazioni come la Cina e i paesi del Golfo, ad andare a cercare altrove, terre per produrre cibo e sfamare la propria popolazione”.

Nei paesi poveri la terra ovviamente costa poco ed è più facile acquisirne il controllo, talvolta anche attraverso processi di corruzione. Il tutto per dar vita alla pur utile produzione di biocarburanti “in presenza di politiche europee che la incentivano”, rileva Sensi.

Questa nuova corsa alla terra, che “assume la forma di appropriazione indebita della terra”, spiega ancora l’attivista di Action Aid  -è  indebita non perché il controllo avvenga in modo illegale, ma perché al di là dei meccanismi formali che sono sempre rispettati (l’azienda in questione, ad esempio, ha ricevuto regolarmente in affitto gli ettari di terra di cui il proprietario è lo Stato), ci sono dinamiche sostanziali che non possono essere né sottovalutate né ignorate”: la struttura fondiaria di quei paesi, infatti, ha un carattere prettamente consuetudinario.“Questo diritto d’uso non dovrebbe passare in secondo piano rispetto a quello di proprietà: questi investimenti pretendono di modernizzare un’agricoltura che le aziende – dal loro punto di vista – giudicano arretrata, esportando un modello agricolo-intensivo industriale”.

Oggi ci sono almeno sei investimenti di terre da parte di aziende italiane in Senegal (in passato ce ne sono stati molti di più ma alcuni progetti sono falliti), per un ammontare di terra pari a circa 145mila ettari: “Oltre il 3% della terra agricola senegalese: l’equivalente della provincia di Milano”, sottolinea Sensi, “in un Paese che importa il 60% del proprio cibo, e che ha una popolazione affamata che supera il 20%”.

Le persone sottonutrite, nel mondo, vivono tutte in aree rurali: “A soffrire la fame, ancora oggi, nel mondo, è proprio l’agricoltore e, dunque, le politiche pubbliche da attuare dovrebbero essere di natura profondamente diversa. Non dovrebbero prevedere l’ingresso del grande investitore che fa fuori il piccolo contadino, piuttosto, dovrebbero sostanziarsi in politiche di sostegno alla piccola agricoltura contadina”, come da decenni sostiene anche Slow Food.

ActionAid e le altre organizzazioni che tentano di aiutare i contadini senegalesi hanno raccolto, con il loro appello alla Tampieri, oltre 30mila firme, affinché l’azienda italiana ponga fine al progetto.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

novembre 21, 2019

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

Al via venerdì 22 novembre la seconda edizione di Canapa Expo presso il Parco Esposizioni Novegro a Milano. Centinaia di espositori e professionisti da Italia, Spagna, Germania, Danimarca, Svizzera e Paesi Bassi saranno a disposizione di famiglie, appassionati, curiosi, addetti ai lavori, medici e scienziati con migliaia di prodotti, sevizi e informazione per raccontare a 360° un settore che, complessivamente, si stima in crescita, al 2025, a 146 miliardi di dollari di [...]

Ecomondo 2019 apre nel segno del “Green New Deal”

novembre 5, 2019

Ecomondo 2019 apre nel segno del “Green New Deal”

Perché si realizzi davvero un Green New Deal serve cambiare marcia, in tutto il mondo. Sarà questo il messaggio diffuso alla Fiera di Rimini, dove Italian Exhibition Group, dal 5 all’8 novembre, organizza Ecomondo 2019 la grande piattaforma fieristica dedicata alla circular economy, affiancata da Key Energy il salone delle energie rinnovabili, dal biennale Sal.Ve. salone [...]

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende