Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Le strategie energetiche secondo Ugo Bardi: “discontinuità delle rinnovabili? Basta immagazzinarle, come le fragole”:

Le strategie energetiche secondo Ugo Bardi: “discontinuità delle rinnovabili? Basta immagazzinarle, come le fragole”

ottobre 2, 2014 Internazionali, Nazionali, Politiche

La crisi ucraina è tutt’altro che esaurita, il Governo Renzi continua a parlare di trivellazioni petrolifere in Italia e il Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, martedì 30 rende un’informativa al Senato in cui ammette che il nostro sistema “può gestire eventuali interruzioni delle forniture di gas russo fino a tre mesi”, ma che, in caso di stop, si avrebbero “inevitabili conseguenze in termini di aumento dei prezzi del gas“. Intanto il Parlamento Europeo ascolta (e “boccia”) in audizione il nuovo Commissario all’Ambiente, Karmenu Vella, che non nega le proprie simpatie per le tecniche di “fracking”. Poi però, quando si va all’ONU, all’Assemblea sui cambiamenti climatici, è tutto un inno alle rinnovabili e alla riduzione delle emissioni. In Italia e in Europa sembra regnare la peggiore confusione sulle politiche energetiche. Ne abbiamo parlato con il Prof. Ugo Bardi, presidente ASPO, l’associazione per lo studio del “picco petrolifero” e docente di Chimica Fisica presso l’Università di Firenze, che stamattina interverrà a Piacenza alla conferenza Ricerche e sfruttamento delle risorse naturali in Italia. Opportunità o problema?“, organizzata dal Consiglio Nazionale dei Geologi.

D) Professor Bardi, secondo il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, il nostro sistema “può gestire eventuali interruzioni delle forniture di gas russo fino a tre mesi”, anche se in caso di stop, si avrebbero “inevitabili conseguenze in termini di aumento dei prezzi del gas”. Lei cosa ne pensa?

R) Innanzi tutto una premessa: la Russia ha una produzione di gas abbastanza stabile e probabilmente riuscirà a mantenere questi livelli di produzione ancora per alcuni anni. Il problema del gas è che si trasporta male e in grandi quantitativi: ci sono due modi per farlo, attraverso i gasdotti e con la più costosa (del 20-30% in più) tecnologia del Liquified Natural Gas (LNG), che si ottiene sottoponendo il gas naturale, dopo opportuni trattamenti di depurazione e disidratazione, a successive fasi di raffreddamento e condensazione. In quest’ultimo caso, il trasporto a grande distanza dal luogo di produzione avviene via mare: il Giappone non può non importare gas tramite LNG per via della sua posizione geografica mentre l’Europa, dipendendo quasi esclusivamente da Russia e Libia, lo fa tramite gasdotti.

D) Chiaro. Dunque, qual è l’attuale situazione energetica, in Europa?

R) L’Europa sta diventando sempre più dipendente da petrolio e gas ma i pozzi dei mari del Nord – che li hanno forniti fino ad oggi – si stanno esaurendo e dunque è costretta a importare gas, non solo dalla Russia, ma anche dalla Libia e dal Nord Africa. Bisogna correre ai ripari, dunque…

D) Cosa vuol dire concretamente rendersi “indipendenti”?

R) In nessun luogo del mondo esiste l’autosufficienza energetica perché nessun Paese basa la propria economia sull’energia rinnovabile. Una delle prime cose da fare, sarebbe, per adesso, quella di variare almeno le sorgenti da cui importiamo: non è la via maestra, ma almeno non dipenderemmo da un solo Paese. Il problema è che abbiamo già investito in contratti a lungo termine, nonché in gasdotti e oleodotti dalla Russia che attraversano in gran parte l’Ucraina. E pensi che l’Italia, rispetto ad altri paesi europei, è meno dipendente dalla Russia!

D) Quali sarebbero secondo lei gli ostacoli alla diversificazione delle fonti?

R) Il primo problema che si presenta nel momento in cui si decidesse di diversificare le sorgenti è quello di adattarsi a un prezzo maggiore. C’è chi sostiene che il costo del gas americano sia talmente basso (circa 4-5 dollari per Thousand Cubic Feet) rispetto a quello russo (intorno ai 10 dollari) che converrebbe importare dagli USA. La ragione per cui in America  il gas è più economico è per via del “gas di scisto”(o Shale Gas), un tipo di gas metano derivato da argille che è prodotto in giacimenti non convenzionali, situati tra i 2.000 e i 4.000 metri di profondità e raggiungibili attraverso tecniche di “perforazioni orizzontali e fratturazioni idrauliche” (il cosiddetto “fracking“, NdR). L’estrazione dello shale gas solleva timori, ancora irrisolti, circa i rischi ambientali derivanti dall’estrazione. Durante l’estrazione, infatti, il gas di scisto libera nell’atmosfera una quantità di metano, un gas fortemente attivo nel causare l’effetto serra. Per quanto riguarda la durata di queste risorse, esistono diverse scuole di pensiero: quella secondo cui il gas di scisto avrebbe una prospettiva di pochi anni e quella che, al contrario, ipotizza una trentina d’anni o anche un secolo…

D) Come se ne esce?

R) Non se ne esce! Il problema è che gli USA sono a loro volta importatori di gas dal Canada e non hanno gas in eccesso: tutta l’idea si basa sul concetto che gli Usa avranno gas in eccesso nei prossimi anni, ma non è affatto detto che questo ci sarà. Nel frattempo, dovremmo spendere miliardi per le infrastrutture per il trasporto di una risorsa che potrebbe non arrivare mai.

D) Lei quale scenario prefigura?

R) Secondo me, lo scenario secondo cui i russi chiuderebbero i rubinetti del gas, appare molto improbabile e si tratta esclusivamente di una operazione a favore del gas americano: c’è un mercato europeo che per le sole importazioni dalla Russia, vale circa 50 mld di dollari l’anno, un mercato – al momento – monopolio di pochi produttori mediterranei (Libia, Nord Africa oltre alla Russa, principalmente).

D) Può spiegarci meglio?

R) La mia opinione è che nei prossimi anni tutto si acquieterà: facciamo un role play, come quello che infliggo ai miei studenti: ammettiamo che lei sia un produttore di gas americano e voglia ingrandire il suo mercato ma ha un prodotto che non sa come vendere perché fuori prezzo. Allora cosa fa? Spaventa il suo concorrente, chiaro! In realtà, però, il prodotto non può venderlo perché non c’è ancora il modo di esportarlo ma così facendo, ottiene finanziamenti per continuare a produrlo e realizzare facilities per un’ipotetica esportazione nel futuro…

D) Dunque?

R) Per un certo periodo, quindi, continueremo ad assistere a una certa tensione geopolitica che si manifesterà con la riproposizione dello spauracchio di buttare fuori la Russia dal mercato del gas europeo. Ma ci vorranno anni prima che questa eventualità possa avvenire (se mai accadrà), nel frattempo, noi non abbiamo molta scelta. Produciamo poco gas e non abbiamo altri strumenti se non le rinnovabili.

D) Perché allora non lo facciamo?

R) Si tratta di una decisione politica più che tecnica. Quando c’è da spendere miliardi di euro, la necessità di avere una strategia a lungo termine è sopravanzata dagli interessi delle diverse lobby in campo. In Italia, il governo sta facendo un grosso sforzo per favorire la lobby dei combustibili fossili, che è tuttora più potente di quella delle rinnovabili.

D) A chi oppone la discontinuità di produzione delle fonti rinnovabili, cosa dice?

R) Sulla discontinuità delle energie rinnovabili, dico che è un problema che hanno anche le fragole, che però si possono congelare e, anche se sono meno buone, potranno così essere mangiate anche a dicembre. Lo stesso vale per l’energia rinnovabile: si può immagazzinare. Sarà più costosa, ma si tratta di una strada percorribile e senza alternativa.

Ilaria Donatio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende