Home » Nazionali »Politiche » Legge di Stabilità 2014: prorogati gli ecobonus. Ma passano anche le norme su stadi e spiagge:

Legge di Stabilità 2014: prorogati gli ecobonus. Ma passano anche le norme su stadi e spiagge

dicembre 27, 2013 Nazionali, Politiche

Dopo un rush finale blindato dal voto di fiducia, il Senato ha approvato definitivamente la legge di stabilità 2014. Come ha ammesso lo stesso Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, la legge, nel suo iter parlamentare, ha dovuto difendersi dal ritorno degli “assalti alle diligenze” che in passato trasformavano le vecchie “leggi finanziarie” in provvedimenti omnibus. Tuttavia, secondo alcuni, anche nella manovra economica targata Letta non mancano interventi di tipo localistico e settoriale. Per certi versi, è il caso di due norme che non sono piaciute alle associazioni ambientaliste.

Il primo caso riguarda le spiagge. La legge di stabilità 2014 introduce una sanatoria dei contenziosi sui canoni del demanio. I «procedimenti giudiziari pendenti alla data del 30 settembre 2013 per il pagamento dei canoni e degli indennizzi per l’utilizzo dei beni demaniali marittimi e delle relative pertinenze» possono essere risolti pagando in un’unica soluzione il 30% delle somme dovute oppure il 60% con un massimo di sei rate. Per Legambiente si è trattato di un “regalo di Natale” per i gestori. «Questo condono è uno scandalo  - ha dichiarato il presidente Vittorio Cogliati DezzaSe prima si volevano vendere le spiagge, ora si decide di regalarle direttamente, perché di vero e proprio regalo si tratta se si decide di sanare con il 30% del dovuto i contenziosi con quanti non hanno digerito i timidi adeguamenti tariffari voluti dal Governo Prodi. Perché lo Stato deve rinunciare agli introiti – peraltro bassissimi – che gli spettano, quando gli stabilimenti balneari continuano ad incassare cifre elevatissime rispetto ai canoni richiesti?».

L’associazione ambientalista ricorda che in Italia «nel 2012 sono stati incassati dallo Stato appena 102 milioni di euro dai canoni demaniali a fronte di un fatturato da parte delle circa 30.000 imprese balneari che si aggira intorno ai 10 miliardi di euro. I canoni di concessione, tradizionalmente risibili, erano stati timidamente adeguati dalla finanziaria 2007 e portati a 1,27 euro per metro quadro all’anno per le aree scoperte e 2,12 euro mq. anno per le aree dove insistono attività».

Il secondo caso controverso riguarda gli stadi. La Legge di stabilità stanzia un fondo da 45 milioni di euro per «assicurare interventi per la sicurezza strutturale e funzionale degli impianti sportivi e la loro fruibilità, nonché per il loro sviluppo e ammodernamento». La realizzazione degli  interventi, tuttavia, non dà diritto ad una volumetria aggiuntiva per la costruzione di complessi residenziali ma potranno essere realizzati solo interventi per la fruibilità dell’impianto sportivo.  Seppur mitigata rispetto alla sua formulazione iniziale, la misura è stata contestata da WWF e FAI: «I 45 milioni di euro in tre anni destinati a questi impianti sportivi – hanno affermato le associazioni – potrebbero essere meglio impiegati per il nostro disastrato patrimonio edilizio scolastico o per mettere in sicurezza antisismica gli edifici pubblici». FAI e WWF hanno, inoltre, lamentato la presenza nella norma del termine sviluppo, temendo che possa essere, in fase applicativa, interpretato nel senso di comprendere anche la costruzione di nuovi stadi con ulteriore consumo di suolo. In quest’ottica, rispetto alla formulazione iniziale, la norma prevede che «gli interventi, laddove possibile, siano realizzati prioritariamente mediante recupero di impianti esistenti o relativamente a impianti localizzati in aree già edificate». Se è vero che il diavolo si nasconde nei dettagli, che dire però dei termini “laddove possibile” e “prioritariamente”? Sembra di ascoltare la solita musica della normativa italiana, scritta per la libera interpretazione…

Dal punto di vista ambientalista, la legge di stabilità 2014 lascia qualche rammarico anche sul capitolo “ecobonus”. Fino all’ultimo c’è chi ha sperato che la proroga introdotta per il 2014 si potesse trasformare in una stabilizzazione del provvedimento. «Purtroppo – ha dichiarato Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera – il Governo non ha approvato in sede di legge di stabilità le proposte della Commissione Ambiente di estendere e stabilizzare l’ecobonus. Richieste ribadite da un Ordine del Giorno di cui sono primo firmatario e sottoscritto da tutti i gruppi politici, accolto dal Governo e che impegnava l’esecutivo ad ampliare e stabilizzare l’ecobonus. In particolare ad estendere il consolidamento antisismico e a rendere l’eco-bonus applicabile anche alla bonifica dall’amianto, ai soggetti incapienti e all’edilizia residenziale pubblica”. Lo stesso Ordine del Giorno avrebbe inoltre dovuto impegnare il Governo ad assumere ogni iniziativa utile per l’allentamento dei vincoli del Patto di Stabilità interno per consentire agli Enti Locali con risorse da investire, di realizzare interventi di efficientamento energetico degli edifici e di messa in sicurezza antisismica degli edifici pubblici, a partire dalle scuole e dagli ospedali. «Tra le richieste fatte al Governo – ha ricordato Realacci – anche quella di approntare senza ritardi, né sottovalutazioni il Piano di Azione Nazionale per l’Efficienza Energetica, che l’Italia deve presentare in sede europea entro aprile 2014».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende