Home » Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » L’eterno ritorno dei Galletti della “scienza”:

L’eterno ritorno dei Galletti della “scienza”

Ecco la frase magica che salva sempre tutti i Ministri e le multinazionali dell’inquinamento: “dati scientifici che provino che le trivelle fanno male alla costa non ce ne sono“. Il mito del “dato scientifico” inoppugnabile torna, questa volta, sulla bocca di Gian Luca Galletti, il commercialista divenuto Ministro dell’Ambiente alla corte dell’onnipotente Matteo Renzi. E che, con grande senso dell’opportunità e piena consapevolezza del proprio mandato, ha dichiarato ieri che non sa ancora se andrà a votare al referendum del 17 aprile, e comunque se andrà voterà no, perché “col referendum si affronta il problema delle trivelle con l’ideologia, invece io dico di affrontarlo dal punto di vista scientifico”.

Caro Galletti, chiunque abbia studiato un po’di epistemologia, un po’di Popper e Kuhn o Feyerabend (mi rendo conto che la platea di politici e “classe dirigente” rientrante in questa categoria sia molto esigua), dovrebbe aver rinunciato da tempo alla pretesa di infallibilità della scienza. Ma lo ricordo solo come nota en passant, perché il problema è ben più triviale: troppo spesso si scopre infatti, a distanza di tempo, che i dati e gli studi “scientifici” che finiscono sui tavoli dei Ministri e dei decisori politici sono commissionati da scafati lobbisti e prodotti da “scienziati” compiacenti, finanziati – direttamente o indirettamente – proprio da quelle multinazionali che mai si affiderebbero alla ricerca scientifica se già non conoscessero l’esito di un responso a loro favorevole! I casi che potremmo citare sono infiniti, dai pesticidi all’amianto, dal tabacco al riscaldamento globale.

Ma c’è anche un altro escamotage, non meno pernicioso, che i lobbisti conoscono bene e che io chiamo il “trucco del cunctator” (il temporeggiatore, in omaggio a Quinto Fabio Massimo): per poter disporre di una base dati scientifica sufficientemente ampia ed “affidabile”, per provare le “correlazioni” causa-effetto ecc. servono decenni e ogni anno di mercato in più è manna economica e finanziaria per petrolieri, aziende agrofarmaceutiche e salvatori dell’umanità vari. L’OMS e il buon senso prescrivono che si dovrebbe, in questi casi, applicare il “principio di precauzione“, ma non tutti i governanti se ne ricordano.

Ora, entrando nel merito del referendum del 17 aprile (sul quale si stanno esercitando negli ultimi giorni – più o meno consapevolmente – i sabotaggi più fantasiosi), chiedo al ministro Galletti: veramente pensa che abbiamo bisogno di dati scientifici e occupazionali per decidere se ha senso mantenere le piattaforme petrolifere entro le 12 miglia dalle nostre coste? Qui non si tratta di numeri (anche in questo caso sui posti di lavoro si è detto tutto e il contrario di tutto), ma di scegliere un modello di sviluppo per il nostro Paese. Si dovrebbe umilmente riconoscere che la decisione stessa, in passato, di autorizzare quelle trivellazioni, è stata una decisione scellerata, compiuta senza alcuna visione strategica né rispetto per la vocazione turistica ed enogastronomica che potrebbe reggere una buona fetta dell’economia italiana. Oggi siamo ancora in tempo per bloccare questo scempio e cambiare rotta, ma va fatto subito. E che siano un Partito che si autoproclama “Democratico” e un Ministro dell’Ambiente a boicottare questa consultazione pubblica è semplicemente vergognoso.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

febbraio 16, 2017

Le novità del Ciclopi di Pisa, laboratorio nazionale di bike sharing

24  nuove stazioni, tutte  attivate  (l’ultima  in  ordine  cronologico  quella di  Piazza  dei Cavalieri) e per  altre  10 c’è  la  domanda  di  finanziamento al Ministero  dell’Ambiente. Con 5.300  abbonamenti, 170 bici (di cui 30 nuove) e 1.000 viaggi al giorno, Pisa si conferma, tra le città italiane di medie dimensioni, una buona pratica per il bike [...]

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

febbraio 15, 2017

Il Parlamento UE firma il CETA. Slow Food: “si innesca una guerra al ribasso che distruggerà i piccoli produttori”

Con 408 voti a favore e 254 contrari, il Parlamento Europeo apre le porte al CETA l’accordo economico e commerciale globale tra l’UE e il Canada: «Ancora una volta siamo di fronte a un trattato che intende affermare gli interessi della grande industria, a scapito sia dei cittadini che dei produttori di piccola scala. Ciò [...]

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

febbraio 14, 2017

Fiper e il mistero dei prezzi dei Titoli di Efficienza Energetica. Un’analisi per capire i rialzi anomali

Fiper, la Federazione dei Produttori da Energia Rinnovabile, ha presentato ai propri associati la ricerca “Analisi sul mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE)” allo scopo di fare chiarezza sull’andamento a dir poco anomalo sul mercato dell’energia proprio dei TEE.  Nel corso del 2016, infatti, si sono registrati scambi a prezzi particolarmente alti rispetto alla [...]

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

febbraio 14, 2017

Premio EMAS Italia 2017: candidature aperte fino al 3 marzo

Il Comitato Ecolabel Ecoaudit e l’ISPRA, in concomitanza con l’assegnazione dell’EMAS Award 2017 indetto dalla Commissione Europea, intendono dare riconoscimento e visibilità alle organizzazioni registrate EMAS premiando quelle che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e, soprattutto, raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con questo riconoscimento [...]

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

febbraio 14, 2017

Vaquita, la piccola focena che rischia l’estinzione. Solo più 30 esemplari al mondo

E’ allarme rosso per la vaquita, la più piccola focena del mondo. L’SOS arriva dal Comitato Internazionale per il Recupero della Vaquita (che fa capo allo IUCN), secondo il quale ne resterebbero appena 30 individui in natura, visto che la già risicatissima popolazione stimata lo scorso anno è ormai dimezzata. Endemica del Nord del Golfo della [...]

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

febbraio 13, 2017

Verso il SUV “ecologico”? Ford punta ai Millenials e annuncia il primo modello 100% elettrico entro il 2020

Motivata da una forte coscienza sociale, predisposta a esperienze di possesso on demand, e con una grande apertura alla condivisione di beni e servizi propria della sharing economy, la generazione dei Millennials (i nati tra il 1980 e il 2000) sta cambiando il modo con cui le aziende – tra cui i costruttori di automobili [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende