Home » Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » L’eterno ritorno dei Galletti della “scienza”:

L’eterno ritorno dei Galletti della “scienza”

Ecco la frase magica che salva sempre tutti i Ministri e le multinazionali dell’inquinamento: “dati scientifici che provino che le trivelle fanno male alla costa non ce ne sono“. Il mito del “dato scientifico” inoppugnabile torna, questa volta, sulla bocca di Gian Luca Galletti, il commercialista divenuto Ministro dell’Ambiente alla corte dell’onnipotente Matteo Renzi. E che, con grande senso dell’opportunità e piena consapevolezza del proprio mandato, ha dichiarato ieri che non sa ancora se andrà a votare al referendum del 17 aprile, e comunque se andrà voterà no, perché “col referendum si affronta il problema delle trivelle con l’ideologia, invece io dico di affrontarlo dal punto di vista scientifico”.

Caro Galletti, chiunque abbia studiato un po’di epistemologia, un po’di Popper e Kuhn o Feyerabend (mi rendo conto che la platea di politici e “classe dirigente” rientrante in questa categoria sia molto esigua), dovrebbe aver rinunciato da tempo alla pretesa di infallibilità della scienza. Ma lo ricordo solo come nota en passant, perché il problema è ben più triviale: troppo spesso si scopre infatti, a distanza di tempo, che i dati e gli studi “scientifici” che finiscono sui tavoli dei Ministri e dei decisori politici sono commissionati da scafati lobbisti e prodotti da “scienziati” compiacenti, finanziati – direttamente o indirettamente – proprio da quelle multinazionali che mai si affiderebbero alla ricerca scientifica se già non conoscessero l’esito di un responso a loro favorevole! I casi che potremmo citare sono infiniti, dai pesticidi all’amianto, dal tabacco al riscaldamento globale.

Ma c’è anche un altro escamotage, non meno pernicioso, che i lobbisti conoscono bene e che io chiamo il “trucco del cunctator” (il temporeggiatore, in omaggio a Quinto Fabio Massimo): per poter disporre di una base dati scientifica sufficientemente ampia ed “affidabile”, per provare le “correlazioni” causa-effetto ecc. servono decenni e ogni anno di mercato in più è manna economica e finanziaria per petrolieri, aziende agrofarmaceutiche e salvatori dell’umanità vari. L’OMS e il buon senso prescrivono che si dovrebbe, in questi casi, applicare il “principio di precauzione“, ma non tutti i governanti se ne ricordano.

Ora, entrando nel merito del referendum del 17 aprile (sul quale si stanno esercitando negli ultimi giorni – più o meno consapevolmente – i sabotaggi più fantasiosi), chiedo al ministro Galletti: veramente pensa che abbiamo bisogno di dati scientifici e occupazionali per decidere se ha senso mantenere le piattaforme petrolifere entro le 12 miglia dalle nostre coste? Qui non si tratta di numeri (anche in questo caso sui posti di lavoro si è detto tutto e il contrario di tutto), ma di scegliere un modello di sviluppo per il nostro Paese. Si dovrebbe umilmente riconoscere che la decisione stessa, in passato, di autorizzare quelle trivellazioni, è stata una decisione scellerata, compiuta senza alcuna visione strategica né rispetto per la vocazione turistica ed enogastronomica che potrebbe reggere una buona fetta dell’economia italiana. Oggi siamo ancora in tempo per bloccare questo scempio e cambiare rotta, ma va fatto subito. E che siano un Partito che si autoproclama “Democratico” e un Ministro dell’Ambiente a boicottare questa consultazione pubblica è semplicemente vergognoso.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende