Home » Internazionali »Politiche » L’Europa festeggia all’ombra della PAC:

L’Europa festeggia all’ombra della PAC

maggio 9, 2012 Internazionali, Politiche

«Abbiamo bisogno di un’agricoltura imperniata sul food, la cui dimensione sia direttamente collegata al territorio». Nella frase pronunciata ieri dal Ministro dell’Agricoltura Mario Catania all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, dove ha tenuto una lectio magistralis, ci sono alcuni dei punti caldi della trattativa sulla Politica Agricola Comunitaria. Che restano sullo sfondo, ma sempre vivi, anche oggi, che si celebra la Festa dell’Europa, per ricordare il discorso del Ministro degli Esteri francese Robert Schuman, che nel 1950 enunciò gli ideali all’origine dell’Unione Europea.

In questa cornice, il tema dell’evoluzione, nei prossimi anni, della PAC, una delle politiche europee più longeve (pochi mesi fa ha compiuto 50 anni) e consistenti, visto che rappresenta ancora circa il 40% dei fondi del bilancio europeo, è quanto mai attuale.

Il confronto sui diversi aspetti del sostegno all’agricoltura e allo sviluppo rurale è in corso da mesi, ma finalmente, dopo vari dibattiti, adesso, come ha sottolineato qualche giorno fa lo stesso Catania, «cominciamo a fare sul serio». Sul tavolo, le questioni aperte sono diverse, a partire dalla definizione di “agricoltore attivo”, che nasconde dietro di sé un problema ben più rilevante: fare in modo che gli aiuti comunitari vadano effettivamente alle aziende agricole che producono cibo, piuttosto che a terreni improduttivi gestiti da società che fanno altro.  La questione è stata sollevata il 17 aprile scorso dalla Corte dei Conti Europea che, analizzando i diversi aspetti critici della proposta del Commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos,  ha sottolineato anche per il futuro «il rischio che i contributi europei possano andare a chi non esercita alcuna attività agricola». Rimprovero a cui Ciolos ha risposto avanzando la proposta di una lista nera di soggetti che, in futuro, non potranno ricevere gli aiuti europei. Tra di essi ci sarebbero aeroporti,  circoli sportivi, campi da golf, società immobiliari e ferroviarie che, nonostante possiedano anche terreni agricoli, saranno esclusi dal nuovo sistema di finanziamento della Pac. Un’idea che non trova del tutto d’accordo l’Italia, anche se il ministro Catania sull’argomento si è espresso chiaramente: «Vogliamo una definizione buona, che consenta veramente agli Stati membri di fare la differenza tra chi vive di agricoltura e fa dell’agricoltura la propria attività professionale, e chi invece si trova a possedere dei terreni come elemento collaterale nella propria esistenza». Problema che si potrebbe almeno in parte superare, sottolinea il presidente della commissione Agricoltura del Parlamento Europeo Paolo De Castro, attraverso una semplificazione delle procedure, visti i «rischi di complessità che comporterebbe applicare la definizione di agricoltore attivo proposta dall’Esecutivo Ue e la necessità di renderla più equilibrata nella sua dimensione e nelle modalità per applicarla».

Altra questione aperta, i criteri per la ripartizione dei fondi tra i Paesi europei, con un duello in corso tra gli stati con più superficie agricola, e quelli meno estesi, come l’Italia, ma con diverse produzioni di qualità: «Non è possibile fare una ripartizione degli stanziamenti soltanto sulla base delle superficie agricola degli Stati membri ma bisogna, al contrario, prendere in considerazione anche altri criteri a partire dal valore della produzione agricola dei singoli Paesi», ha spiegato il Ministro dell’Agricoltura, determinato ad andare avanti nonostante questa tesi abbia «ricevuto il sostegno di un gruppo di delegazioni relativamente limitato». Ossia Olanda, Belgio, Slovenia e in parte Danimarca.

Infine, si sta discutendo di come modulare il sostegno alle realtà locali e alla filiera corta, chiesto anche dal Comitato delle Regioni, che riunisce i rappresentanti degli enti locali dell’Unione Europea. Parlando a Bruxelles a fine aprile, Ciolos ha sottolineato l’importanza del “chilometro zero”: «Dobbiamo riconoscere che le filiere corte sono un aspetto della diversità agricola di cui finora non si è tenuto conto a sufficienza. Sono un elemento importante della nostra strategia globale che mira a ridare valore aggiunto agli agricoltori esortandoli a non puntare tutto sullo stesso cavallo (i pochi grandi gruppi della distribuzione agroalimentare)». L’intenzione dell’Europa non è però «creare nuovi ostacoli o mettere i grandi contro i piccoli o le filiere corte contro le filiere lunghe».  Piuttosto, «ripensare i modi dell’approvvigionamento alimentare», in modo da «incoraggiare gli agricoltori a lanciarsi in questa attività».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende