Home » Internazionali »Politiche » L’Europa festeggia all’ombra della PAC:

L’Europa festeggia all’ombra della PAC

maggio 9, 2012 Internazionali, Politiche

«Abbiamo bisogno di un’agricoltura imperniata sul food, la cui dimensione sia direttamente collegata al territorio». Nella frase pronunciata ieri dal Ministro dell’Agricoltura Mario Catania all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, dove ha tenuto una lectio magistralis, ci sono alcuni dei punti caldi della trattativa sulla Politica Agricola Comunitaria. Che restano sullo sfondo, ma sempre vivi, anche oggi, che si celebra la Festa dell’Europa, per ricordare il discorso del Ministro degli Esteri francese Robert Schuman, che nel 1950 enunciò gli ideali all’origine dell’Unione Europea.

In questa cornice, il tema dell’evoluzione, nei prossimi anni, della PAC, una delle politiche europee più longeve (pochi mesi fa ha compiuto 50 anni) e consistenti, visto che rappresenta ancora circa il 40% dei fondi del bilancio europeo, è quanto mai attuale.

Il confronto sui diversi aspetti del sostegno all’agricoltura e allo sviluppo rurale è in corso da mesi, ma finalmente, dopo vari dibattiti, adesso, come ha sottolineato qualche giorno fa lo stesso Catania, «cominciamo a fare sul serio». Sul tavolo, le questioni aperte sono diverse, a partire dalla definizione di “agricoltore attivo”, che nasconde dietro di sé un problema ben più rilevante: fare in modo che gli aiuti comunitari vadano effettivamente alle aziende agricole che producono cibo, piuttosto che a terreni improduttivi gestiti da società che fanno altro.  La questione è stata sollevata il 17 aprile scorso dalla Corte dei Conti Europea che, analizzando i diversi aspetti critici della proposta del Commissario all’Agricoltura Dacian Ciolos,  ha sottolineato anche per il futuro «il rischio che i contributi europei possano andare a chi non esercita alcuna attività agricola». Rimprovero a cui Ciolos ha risposto avanzando la proposta di una lista nera di soggetti che, in futuro, non potranno ricevere gli aiuti europei. Tra di essi ci sarebbero aeroporti,  circoli sportivi, campi da golf, società immobiliari e ferroviarie che, nonostante possiedano anche terreni agricoli, saranno esclusi dal nuovo sistema di finanziamento della Pac. Un’idea che non trova del tutto d’accordo l’Italia, anche se il ministro Catania sull’argomento si è espresso chiaramente: «Vogliamo una definizione buona, che consenta veramente agli Stati membri di fare la differenza tra chi vive di agricoltura e fa dell’agricoltura la propria attività professionale, e chi invece si trova a possedere dei terreni come elemento collaterale nella propria esistenza». Problema che si potrebbe almeno in parte superare, sottolinea il presidente della commissione Agricoltura del Parlamento Europeo Paolo De Castro, attraverso una semplificazione delle procedure, visti i «rischi di complessità che comporterebbe applicare la definizione di agricoltore attivo proposta dall’Esecutivo Ue e la necessità di renderla più equilibrata nella sua dimensione e nelle modalità per applicarla».

Altra questione aperta, i criteri per la ripartizione dei fondi tra i Paesi europei, con un duello in corso tra gli stati con più superficie agricola, e quelli meno estesi, come l’Italia, ma con diverse produzioni di qualità: «Non è possibile fare una ripartizione degli stanziamenti soltanto sulla base delle superficie agricola degli Stati membri ma bisogna, al contrario, prendere in considerazione anche altri criteri a partire dal valore della produzione agricola dei singoli Paesi», ha spiegato il Ministro dell’Agricoltura, determinato ad andare avanti nonostante questa tesi abbia «ricevuto il sostegno di un gruppo di delegazioni relativamente limitato». Ossia Olanda, Belgio, Slovenia e in parte Danimarca.

Infine, si sta discutendo di come modulare il sostegno alle realtà locali e alla filiera corta, chiesto anche dal Comitato delle Regioni, che riunisce i rappresentanti degli enti locali dell’Unione Europea. Parlando a Bruxelles a fine aprile, Ciolos ha sottolineato l’importanza del “chilometro zero”: «Dobbiamo riconoscere che le filiere corte sono un aspetto della diversità agricola di cui finora non si è tenuto conto a sufficienza. Sono un elemento importante della nostra strategia globale che mira a ridare valore aggiunto agli agricoltori esortandoli a non puntare tutto sullo stesso cavallo (i pochi grandi gruppi della distribuzione agroalimentare)». L’intenzione dell’Europa non è però «creare nuovi ostacoli o mettere i grandi contro i piccoli o le filiere corte contro le filiere lunghe».  Piuttosto, «ripensare i modi dell’approvvigionamento alimentare», in modo da «incoraggiare gli agricoltori a lanciarsi in questa attività».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende