Home » Internazionali »Politiche » Lima chiama all’azione per il clima: aperta la roadmap per Parigi 2015:

Lima chiama all’azione per il clima: aperta la roadmap per Parigi 2015

dicembre 15, 2014 Internazionali, Politiche

“Lima Call for Climate Action”: è questo il nome dell’accordo sui cambiamenti climatici uscito dalle estenuanti negoziazioni di Lima, Perù, dove si è svolta la ventesima Conferenza delle Parti sui cambiamenti climatici. “Abbiamo trascorso molte lunghi giorni e notti cercando un compromesso – ha dichiarato il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, presente al summit in qualità di portavoce dell’Unione Europea nel semestre di presidenza italiana – Ringraziamo la presidenza peruviana della COP per la sua leadership e guida durante le negoziazioni. Anche se è stata una conferenza difficile, è importante mantenere lo spirito di ottimismo e il momentum politico che ha portato a Lima. Il risultato di Lima fornisce una base solida per le prossime negoziazioni”.

Soddisfatto anche il presidente della COP 20, il ministro dell’ambiente del Perù Manuel Pulgar-Vidal: “Possiamo farcela, possiamo lavorare insieme e arrivare a raggiungere a Parigi un grande successo”, ha affermato. Il più grande risultato di questa tornata negoziale è l’aumento degli impegni di finanziamento per il Green Climate Fund, il fondo per i cambiamenti climatici creato a Cancun nelle negoziazioni del 2010: ha raggiunto 10,2 miliardi di dollari, con alcuni impegni finanziari arrivati oltre dai Paesi industrializzati che hanno contribuito per la stragrande maggioranza del totale, anche da Messico, Perù e Colombia. L’Italia si è impegnata a contribuire con 250 milioni di Euro; Stati Uniti per 3 miliardi di dollari; Gran Bretagna, Germania e Francia per circa un miliardo di dollari ciascuno. In realtà, le cifre necessarie per la finanza climatica saranno ben maggiori nei prossimi anni, e come ricordato anche nel Lima Call for Climate Action, i Paesi industrializzati si sono già impegnati a mobilizzare almeno 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020.

Il testo negoziale approvato contiene alcuni elementi strenuamente richiesti dai Paesi in via di sviluppo, ovvero la riconferma del principio di responsabilità comune ma differenziata, introdotto già nella Convenzione UNFCCC del 1992, ma adesso a rischio; il meccanismo Lost & Damage, ovvero lo strumento attraverso il quale i Paesi in via di sviluppo particolarmente vulnerabili alle conseguenze dei cambiamenti climatici potranno ricevere delle compensazioni per le calamità naturali legate al clima che sono ormai inevitabili; è stata sdoganato il principio in base al quale le negoziazioni riguarderanno di pari passo le azioni di mitigazione, ovvero il taglio delle emissioni di gas serra, e di adattamento ai cambiamenti del clima già in corso; è stato deciso che il segretariato preparerà un report di sintesi per valutare quale sarà l’effetto aggregato degli impegni di riduzione di emissioni degli Stati.

Lima fallisce invece nel definire, o anche nel tentare di definire, la natura legale del prossimo accordo: ogni dichiarazione in tal senso porta a immediate divisioni, facendo prevedere un acceso dibattito su questo punto nel prossimo anni. Inoltre, da Lima esce anche un documento, chiamato “Elementi per una bozza di testo negoziale” che dovrebbe costituire la base del futuro trattato di Parigi, ma che è ancora assolutamente aperto a tutte le possibili opzioni, dagli obiettivi alla durata e contenuti. Gli impegni degli Stati per la riduzione delle emissioni di gas serra non erano invece in discussione qua a Lima, in quanto era già stato deciso che dovranno essere comunicati al segretariato dell’UNFCCC entro il 31 marzo prossimo.

L’approvazione finale del Lima Call for Climate Action è stata molto applaudita da tutti i delegati: solo poche ore prima della conclusione, l’esito del summit era incerto e l’accordo sembrava lontano. Ogni gruppo negoziale ha fatto un passo indietro su alcuni punti per arrivare al compromesso. Dai discorsi conclusivi di tutti i gruppi negoziali e Stati presenti, perfino da quelli che negli anni precedenti si erano sempre espressi in maniera molto critica rispetto al processo negoziale come Bolivia e Venezuela, è arrivato l’apprezzamento per il risultato.

Forse quello che rimarrà di questa COP è il sentimento finale dei delegati presenti, di nuova speranza di possibilità di collaborazione, che, insieme alla crescita delle pressioni dei cittadini nelle molte manifestazioni, potrebbero portare a un momentum positivo per quelli che si annunciano come i negoziati mondiali più complessi e importanti della storia. I prossimi appuntamenti per affinare testo e contenuti sono Ginevra a febbraio e Bonn a giugno; ma siamo già in piena strada per Parigi.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

maggio 26, 2018

Pistaaa! Inaugura il primo tratto della ciclabile tra Monferrato e Torinese

Le associazioni CioCheVale, Fiab-MuovitiChieri, Il Tuo Parco e Asset, hanno comunicato che il 27 maggio 2018 alle ore 17.00 a Moriondo Torinese, verrà inaugurato il primo tratto della ciclovia su strade bianche del progetto “Pistaaa: La Blue Way Piemontese“, che permette di collegare i Comuni di Moriondo Torinese e Buttigliera d’Asti. Si tratta di un primo piccolo tratto, ma dal [...]

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende