Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » L’India fa inciampare Copenhagen:

L’India fa inciampare Copenhagen

Courtesy of Matthew McDermott (Flickr)Il Ministro dell’Ambiente Indiano Jairam Ramesh non è nuovo a sollevar polemiche. Dopo la questione dei ghiacciai dell’Himalaya (che, secondo il Ministero Indiano, non accuserebbero le conseguenze del riscaldamento globale), un nuovo attacco viene sferrato alla già iper-criticata Conferenza sul Clima di Copenhagen.

Gli obiettivi che, finalmente, sembravano aver messo d’accordo, almeno a parole, la comunità internazionale e il mondo scientifico sono stati raccolti in una bozza pronta per l’inizio del vertice, il 7 dicembre prossimo: emissioni globali ridotte del 20% (rispetto ai livelli del 1990) entro il 2020 e 80% del taglio a carico dei paesi industrializzati, al fine di evitare che l’aumento di temperatura superi la temuta soglia dei 2 gradi.

La battuta d’arresto, però, non tarda ad arrivare. Dopo che sia il presidente statunitense Barack Obama, sia il premier cinese Wen  Jabao hanno annunciato, nei giorni scorsi, la loro presenza al vertice, ecco che l’India rischia di rovinare la festa: “Se la bozza danese contiene indicazioni temporali, allora arriviamo ad un fallimento. La bozza, che non si basa su stime realistiche, è totalmente inaccettabile da noi”- ha detto il ministro Ramesh alla PTI (Press Trust of India). Le economie emergenti come CinaSud AfricaBrasile, hanno preparato, insieme all’India, una bozza rappresentativa delle proprie posizioni, che è in corso di discussione oggi a Copenaghen. Questioni, a detta di Ramesh, non negoziabili.

Il Ministro, come l’intero governo indiano, è contrario a qualsiasi limite temporale e numerico in fatto di taglio di emissioni, ma riterrebbe in ogni caso più “realistico” guardare al 2050, anziché al 2020. La decisione indiana di non accettare il 2020 come anno di punta massima per le emissioni, nasce dalla constatazione di Ramesh che le emissioni pro capite (nuovo metro proposto) dell’India sono molto basse. “Abbiamo già detto che siamo pronti a discutere sul livello di efficienza energetico. Ma dobbiamo avere un senso di realismo, che paiono non avere i paesi sviluppati, su quello che i paesi in via di sviluppo possono o non possono fare”, ha aggiunto.

Infine, né barriere economiche sulle merci ad alto impatto climatico prodotte nei Paesi in Via di Sviluppo, nè controlli internazionali saranno accettati – se non bilanciati da aiuti economici, oggetto di un’altra pendente querelle. Mentre i Paesi in via di sviluppo chiedono 400 miliardi l’anno, la bozza prevede un fast-start di 10-12: un divario decisamente non trascurabile.

Ilaria Burgassi

Aggiornamento:

La Cina, uno dei principali inquinatori del pianeta, ha aggiunto la propria voce a quella dell’India: “I paesi sviluppati devono tener conto delle preoccupazioni e degli interessi dei paesi in via di sviluppo”, ha detto ai giornalisti il portavoce del Ministero degli esteri cinese Qin Gang. Questa presa di posizione arriva poco tempo dopo il ‘consiglio di guerra’ tenutosi a Pechino che ha riunito – venerdì e sabato scorsi – Cina, India, Brasile, Sudafrica e Sudan (presidente di turno del G-77, l’organizzazione dei paesi in via di sviluppo), per arrivare a una posizione comune da portare a Copenaghen. La Cina aveva già anticipato, la scorsa settimana, che nessun accordo sarà raggiunto a Copenaghen se i paesi sviluppati non rispetteranno i loro impegni in materia di riduzioni delle loro emissioni di gas serra. Pechino ha affermato per la prima volta, il 26 novembre, di voler ridurre entro il 2020 le sue emissioni di gas serra del 40-45% per unità di prodotto interno lordo in rapporto al 2005, sottolineando però che tra le priorità della Cina rimane comunque la crescita economica.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

giugno 1, 2017

TOBike: una caccia al tesoro urbana per festeggiare i 7 anni

Dopo i 20 anni di Cinemambiente, nella Torino “green” si celebra un altro compleanno: [TO]BIKE, il servizio di bike sharing cittadino, compie sette anni. Inaugurato nel 2010, dalla sua attivazione ad oggi ha registrato 27.500 abbonati annuali, che ogni anno percorrono sulle oltre 1.100 biciclette gialle circolanti in città circa 3.700.000 chilometri. Come già lo scorso anno l’intento [...]

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

maggio 31, 2017

Buon compleanno Cinemambiente! A Torino apre l’edizione n. 20

La 20° edizione del Festival Cinemambiente è la prima che si tiene nell’Antropocene, la nuova epoca geologica segnata dalle attività umane, da poco formalmente riconosciuta dalla società scientifica internazionale. La coincidenza temporale sarà lo spunto ideale per “Il punto” di Luca Mercalli, che apre ufficialmente il cartellone degli appuntamenti (alle ore 21 di stasera al [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende