Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » L’ONU spinge la “grande trasformazione tecnologica verde”:

L’ONU spinge la “grande trasformazione tecnologica verde”

Piuttosto che considerare la crescita economica e la sostenibilità come due obiettivi antitetici ed in competizione tra loro, dovremmo guardarli come due imperativi complementari che si supportano a vicenda: ciò sarà possibile solo quando abbracceremo un modello economico inclusivo caratterizzato da basse emissioni di carbonio e dall’efficienza energetica”. E’quanto Ban Ki-moon, segretario generale delle Nazioni Unite, scrive nell’incipit del  World Economic and Social Survey 2011, pubblicato dal Dipartimento degli Affari Economici e Sociali dell’ONU (UN/DESA), e dal titolo “The great green technological transformation”.

Allo stato attuale dei fatti, i governi mondiali devono affrontare l’importante decisione su come generare energia e gestire le risorse naturali, con l’obiettivo di evitare che la continua crescita della popolazione globale crei un’incessante pressione sulle risorse. Questa edizione del rapporto si propone dunque di guidare gli sforzi collettivi per raggiungere una rivoluzione tecnologica tale da rendere l’economia globale più pulita e sostenibile.

Il Survey delle Nazioni Unite è molto chiaro ed esplicativo: la crescita della popolazione, del reddito pro-capite, dell’utilizzo di energia e risorse, della produzione di rifiuti ed inquinamento, sono tutti fattori in fase crescente dai tempi della rivoluzione industriale, che, oggi, stanno minacciando di sorpassare i limiti della capacità, intesa come fonte e capienza, della Terra stessa.

Quali le possibili soluzioni? Secondo lo studio dell‘ONU, per evitare di superare il limite che potrebbe destabilizzare gli ecosistemi terrestri, è necessaria una fondamentale revisione tecnologica e trasformazione strutturale dei processi di produzione e consumo. L’obiettivo finale sarebbe la compiuta realizzazione e diffusione effettiva della green economy, che, sulla base delle considerazioni degli economisti delle Nazioni Unite, è caratterizzata essenzialmente da cinque elementi fondamentali: la riduzione della richiesta di risorse in generale e di energia in particolare; la sostituzione delle risorse non-rinnovabili con quelle rinnovabili; la sostituzione dei prodotti non-biodegradabili con quelli biodegradabili; la riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento; e, infine, la protezione della biodiversità e degli ecosistemi. Il progresso in campo  tecnologico sarà indispensabile in tutti questi ambiti.

Per quanto riguarda il settore dell’energia la sfida è quella di una transizione verso l’utilizzo globale di energia sostenibile, con la riduzione del target di emissioni. Una transizione che offrirebbe significative opportunità economiche sia ai Paesi industrializzati che a quelli economicamente emergenti, anche se questi ultimi essendo più vulnerabili, avrebbero bisogno del supporto delle comunità internazionale per l’acquisizione di competenze e di know-how tecnologico.

La seconda area chiave, in cui la rivoluzione tecnologica giocherebbe un ruolo importante verso la transizione alla green economy, è quella della sicurezza alimentare e dell’agricoltura. Entro il 2050 è previsto un aumento del fabbisogno di cibo del 70% in proporzione alla crescita delle popolazione. Con le attuali tecnologie agricole, tale fabbisogno non potrebbe essere soddisfatto se non contribuendo all’aumento delle emissioni di gas serra, dell’inquinamento delle falde acquifere e del degrado dei terreni. La sfida più grande sarebbe quindi quella di incentivare e promuovere lo sviluppo dell’agricoltura sostenibile nelle piccole e medie aziende agricole, poiché è stato dimostrato che operando ad una scala minore si ottengono risultati migliori in termini di sostenibilità e lotta alla povertà.

Un’altra area di intervento è quella relativa ai disastri naturali, i quali si sono quintuplicati nel corso degli ultimi quaranta anni. In questo caso i sistemi tecnologici esistenti sono soddisfacenti, sia per quel che concerne la possibilità di diminuire i rischi dei disastri, sia per il rispetto dell’ambiente. Bisognerebbe tuttavia assicurare una migliore gestione e integrazione dei programmi di riduzione dei disastri a livello intergovernativo.

I governi, attraverso questa serie di interventi, potrebbbero dunque trasformare il proprio sistema economico in un “Green sustainability-oriented National Innovation System” (G-NIS), non però senza che aumentino gli investimenti privati nel settore della Green Technology – un ambito che deve essere trattato come un settore industriale nascente, e quindi, bisognoso di un supporto incentivante, che includa anche un aumento degli investimenti pubblici in infrastrutture, e facilitazioni per sussidi e accesso al credito.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende