Home » Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Lord Stern e la Prestigiacomo ospiti di “Otto e Mezzo”:

Lord Stern e la Prestigiacomo ospiti di “Otto e Mezzo”

novembre 27, 2009 Nazionali, Politiche, Rassegna Stampa

Courtesy of la7.itNella puntata di ‘Otto e mezzo’, in onda ieri sera su La7, il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha dovuto fronteggiare, in collegamento da Londra, l’ex vice-presidente della World Bank Lord Nicholas Stern, autore del rapporto sulle problematiche ambientali sconfessato pochi mesi fa dal Senato Italiano.

La discussione entra subito nel vivo: secondo Lord Stern il vertice di Copenhagen sarà “la riunione più importante dalla seconda guerra mondiale in poi” e se si raggiungerà un accordo, sarà l’inizio di un periodo economicamente dinamico”. Apprezzando la decisione del Premier Silvio Berlusconi di partecipare alla Conferenza, Stern aggiunge che “l’Italia è in una posizione per avere un grande ruolo in questa rivoluzione” dove potrà continuare ”a esprimere la sua leadership”.

La provocazione della conduttrice Lilly Gruber sull’affermazione del Presidente del Consiglio, “Parlare di emissioni in un periodo di crisi economica è come uno che ha la polmonite e pensa di fare la messa in piega”, non viene dunque raccolta, né dall’inglese, né dalla Prestigiacomo; anche se la connessione tra crisi e tematica ambientale non si esaurisce in poche battute.

La crisi economica ha costretto i vari governi ad effettuare forti tagli e questo rischia di rallentare gli sforzi in materia ambientale. In Italia i tagli derivanti dalla finanziaria di Tremonti incideranno certamente sulle politiche ambientali del Ministero, che dovrà operare delle scelte. La priorità, rassicura la Prestigiacomo, sarà la difesa del suolo, per il quale saranno stanziati 11 miliardi di euro. Ciò che urge è  ”finanziare investimenti in tecnologia” – attraverso la cooperazione – con cifre che corrispondono ad uno 0,1% del Pil mondiale. Un piccolo sforzo che permetterebbe di avviare “una nuova rivoluzione industriale”. “L’’Italia –aggiunge Stern- è in una posizione per avere un grande ruolo in questa rivoluzione: l’Italia è culla di tecnologia e di grandi imprenditori” e poi “non é altamente inquinante, si trova in una via di mezzo in Europa”.

Una via di mezzo che è tuttavia costata al nostro paese pesanti sanzioni per il mancato raggiungimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto. Ma queste cifre, ci si chiede, dovranno essere effettivamente versate nelle casse dell’Unione Europea? Il Ministro Prestigiacomo aggira parzialmente la domanda ricordando che il debito che l’Italia dovrebbe pagare si è assottigliato: nella penisola, infatti, si è registrata un’inversione del trend (le emissioni non aumenterebbero più al crescere del Pil), grazie ai cospicui investimenti nel campo dell’energia pulita e della sostenibilità.

L’ultima spinosa questione resta legata alla legge (approvata due settimane prima del G8 a l’Aquila) con cui il Senato svincola il Governo dalle “teorie catastrofiste” raccolte nel Rapporto Stern del 2006. La mozione “negazionista” del Senato non sembra tuttavia scomporre il suo autore che, pur riconoscendo un valido operato del governo in materia ambientale, aggiunge, con malcelato sorriso, che le nozioni “bocciate” dal Senato godono di una base scientifica conclamata.

Ilaria Burgassi

Il video della puntata:

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende