Home » Impressioni di viaggio »Internazionali »Politiche »Rubriche » Maldive: si respira aria tossica e di rivolta:

Maldive: si respira aria tossica e di rivolta

Le dimissioni di Mohamed Nasheed dalla carica di presidente delle Maldive erano sembrate inizialmente dettate da pressioni dietro le quinte e non da un vero e proprio colpo di stato militare. Non e’ mai stato un segreto che molti nel paese non amassero la piega democratica e ambientalista presa dal giovane capo di stato, conosciuto per aver organizzato una seduta dei ministri sott’acqua, armati di muta da sub e bombola, per far risaltare la delicata situazione ambientale di uno degli arcipelaghi turistici piu’ famosi del mondo. Tuttavia, l’inaspettato cambio di leadership e il mancato appoggio di cui soffre ora Nasheed potrebbero essere stati facilitati proprio dall’aver disatteso alcune sue promesse ambientaliste.

Fonti locali testimoniano che era da almeno una ventina di giorni che a Male’, la capitale, l’aria si era fatta tesa; polizia e esercito in tenuta anti-sommossa animavano le preoccupazioni della popolazione ma, nonostante le avvisaglie, la situazione era stata ampiamente sottovalutata, sia dai media che dai residenti. Invece, con il passare delle ore e la diffusione delle notizie, la tensione ha raggiunto anche il resto del paese e ora anche a Hoovadhoo (atollo a 260 miglia a Sud di Male’) brucia la stazione di polizia e il palazzo di giustizia; mentre a Male’ vige il coprifuoco e aumentano disordini e rivolte.

Nel corso degli anni, Mohamed Nasheed e’ riuscito a costruirsi un appoggio nazionale e internazionale, conquistandosi la reputazione di ambientalista convinto e attivo per la protezione delle Maldive. Tuttavia, nonostante la coalizione di governo, non e’ mai riuscito a tirare dalla sua parte la polizia, l’ esercito e l’ala islamica piu’ fondamentalista, probabilmente i sostenitori del colpo di stato di pochi giorni fa. Un’altra cosa che in tre anni il presidente Nasheed non e’ riuscito a fare e’ stato affrontare la situazione di Theelafushi, chiamata anche Rubbish Island, dove l’immondizia dell’arcipelago continua a bruciare a cielo aperto.

Progetto nato durante il governo di Gayoom, Theelafushi era un reef semisommerso a circa 3 miglia ad ovest di Male’, che e’ stato convertito a zona industriale e immondezzaio della capitale dopo essere stato terrapienato con rifiuti solidi e ricoperto di sabbia. Piu’ che una discarica, Theelafushi e’ un vero e proprio inceneritore a cielo aperto dove lavoratori principalmente bengalesi si occupano di recuperare rifiuti vendibili e bruciare tutto il resto. Con stipendi da fame e pessime condizioni abitative, condividono l’isola con grandi aziende locali e internazionali che lavorano con sostanze tossiche e riempiono l’aria di diossina. Insomma, quest’isoletta a pochi chilometri dalla capitale dell’arcipelago delle Maldive e’ un posto molto poco salubre, tanto che un ragazzo bengalese, in un’intervista a un documentarista europeo, ha dichiarato che “sarebbe meglio stare in galera, almeno lì c’e’ fresco.”

Varie associazioni ambientaliste e attivisti denunciano da tempo la situazione e nel dicembre del 2011, in occasione dell’introduzione di un divieto governativo temporaneo di scaricare spazzatura a Theelafushi, un servizio della BBC aveva fatto luce sull’ altra faccia delle Maldive, quella che non si vede nei depliant. Le barche colme di rifiuti, per la maggior parte provenienti dai resort di lusso, avevano cominciato a scaricare i rifiuti nella laguna dell’isola, per via dei lunghi tempi di attesa dovuti al traffico di barche e immondizia.

Ora, a caldo degli eventi che stanno ulteriormente scuotendo l’aria delle Maldive, il movimento ambientalista si dice deluso da Nasheed, sostenendo che se avesse voluto dare risalto alla sua figura di ambientalista, avrebbe dovuto affrontare il problema concreto dei rifiuti e lasciare le riunioni  sottacqua, vestito da sub, al folclore successivo. Anche perche’, dicono gli abitanti, “con questi ritmi e’ possibile che siano i rifiuti e non il surriscaldamento globale a sommergere le Maldive.”

Tra le proposte degli ambientalisti c’è, ad esempio, l’introduzione di una tassa “una tantum” ai resort (che nei depliant si definiscono spesso “strutture ecosostenibili”), i principali produttori di rifiuti, tassa da pagare a seconda della grandezza e degli introiti della struttura. La tassa, aggiungono gli ambientalisti, avrebbe potuto essere usata per comprare un inceneritore che, nonostante non sia ancora una risoluzione al problema, per lo meno produrrebbe energia elettrica e inquinerebbe meno. Certo, l’impegno di Mohamed Nasheed nell’attirare l’attenzione globale sull’ambiente delicato del suo paese ha permesso di dare risalto mediatico alla vulnerabilita’ ambientale delle Maldive, spesso note solo come paradiso dei turisti di lusso, ma le problematiche locali, conseguenze dello sfruttamento turistico e industriale, sono state messe in secondo piano. Ora anche l’equilibrio politico e sociale e’ a rischio.

Mentre i turisti scappano a gambe levate dal paradiso tropicale, per paura di rivolte, e la comunita’ internazionale, le grandi corporation e gli operatori turistici seguono da vicino gli sviluppi della vicenda, i disordini non sembrano calmarsi. Nell’arcipelago conosciuto per essere un santuario della natura si respira aria di rivolta a pieni polmoni e, ahime’, anche aria tossica.

Marcella Segre

Antonio Mannu, Isola di Theelafushi

 

Antonio Mannu, Isola di Theelafushi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende