Home » Impressioni di viaggio »Internazionali »Politiche »Rubriche » Maldive: si respira aria tossica e di rivolta:

Maldive: si respira aria tossica e di rivolta

Le dimissioni di Mohamed Nasheed dalla carica di presidente delle Maldive erano sembrate inizialmente dettate da pressioni dietro le quinte e non da un vero e proprio colpo di stato militare. Non e’ mai stato un segreto che molti nel paese non amassero la piega democratica e ambientalista presa dal giovane capo di stato, conosciuto per aver organizzato una seduta dei ministri sott’acqua, armati di muta da sub e bombola, per far risaltare la delicata situazione ambientale di uno degli arcipelaghi turistici piu’ famosi del mondo. Tuttavia, l’inaspettato cambio di leadership e il mancato appoggio di cui soffre ora Nasheed potrebbero essere stati facilitati proprio dall’aver disatteso alcune sue promesse ambientaliste.

Fonti locali testimoniano che era da almeno una ventina di giorni che a Male’, la capitale, l’aria si era fatta tesa; polizia e esercito in tenuta anti-sommossa animavano le preoccupazioni della popolazione ma, nonostante le avvisaglie, la situazione era stata ampiamente sottovalutata, sia dai media che dai residenti. Invece, con il passare delle ore e la diffusione delle notizie, la tensione ha raggiunto anche il resto del paese e ora anche a Hoovadhoo (atollo a 260 miglia a Sud di Male’) brucia la stazione di polizia e il palazzo di giustizia; mentre a Male’ vige il coprifuoco e aumentano disordini e rivolte.

Nel corso degli anni, Mohamed Nasheed e’ riuscito a costruirsi un appoggio nazionale e internazionale, conquistandosi la reputazione di ambientalista convinto e attivo per la protezione delle Maldive. Tuttavia, nonostante la coalizione di governo, non e’ mai riuscito a tirare dalla sua parte la polizia, l’ esercito e l’ala islamica piu’ fondamentalista, probabilmente i sostenitori del colpo di stato di pochi giorni fa. Un’altra cosa che in tre anni il presidente Nasheed non e’ riuscito a fare e’ stato affrontare la situazione di Theelafushi, chiamata anche Rubbish Island, dove l’immondizia dell’arcipelago continua a bruciare a cielo aperto.

Progetto nato durante il governo di Gayoom, Theelafushi era un reef semisommerso a circa 3 miglia ad ovest di Male’, che e’ stato convertito a zona industriale e immondezzaio della capitale dopo essere stato terrapienato con rifiuti solidi e ricoperto di sabbia. Piu’ che una discarica, Theelafushi e’ un vero e proprio inceneritore a cielo aperto dove lavoratori principalmente bengalesi si occupano di recuperare rifiuti vendibili e bruciare tutto il resto. Con stipendi da fame e pessime condizioni abitative, condividono l’isola con grandi aziende locali e internazionali che lavorano con sostanze tossiche e riempiono l’aria di diossina. Insomma, quest’isoletta a pochi chilometri dalla capitale dell’arcipelago delle Maldive e’ un posto molto poco salubre, tanto che un ragazzo bengalese, in un’intervista a un documentarista europeo, ha dichiarato che “sarebbe meglio stare in galera, almeno lì c’e’ fresco.”

Varie associazioni ambientaliste e attivisti denunciano da tempo la situazione e nel dicembre del 2011, in occasione dell’introduzione di un divieto governativo temporaneo di scaricare spazzatura a Theelafushi, un servizio della BBC aveva fatto luce sull’ altra faccia delle Maldive, quella che non si vede nei depliant. Le barche colme di rifiuti, per la maggior parte provenienti dai resort di lusso, avevano cominciato a scaricare i rifiuti nella laguna dell’isola, per via dei lunghi tempi di attesa dovuti al traffico di barche e immondizia.

Ora, a caldo degli eventi che stanno ulteriormente scuotendo l’aria delle Maldive, il movimento ambientalista si dice deluso da Nasheed, sostenendo che se avesse voluto dare risalto alla sua figura di ambientalista, avrebbe dovuto affrontare il problema concreto dei rifiuti e lasciare le riunioni  sottacqua, vestito da sub, al folclore successivo. Anche perche’, dicono gli abitanti, “con questi ritmi e’ possibile che siano i rifiuti e non il surriscaldamento globale a sommergere le Maldive.”

Tra le proposte degli ambientalisti c’è, ad esempio, l’introduzione di una tassa “una tantum” ai resort (che nei depliant si definiscono spesso “strutture ecosostenibili”), i principali produttori di rifiuti, tassa da pagare a seconda della grandezza e degli introiti della struttura. La tassa, aggiungono gli ambientalisti, avrebbe potuto essere usata per comprare un inceneritore che, nonostante non sia ancora una risoluzione al problema, per lo meno produrrebbe energia elettrica e inquinerebbe meno. Certo, l’impegno di Mohamed Nasheed nell’attirare l’attenzione globale sull’ambiente delicato del suo paese ha permesso di dare risalto mediatico alla vulnerabilita’ ambientale delle Maldive, spesso note solo come paradiso dei turisti di lusso, ma le problematiche locali, conseguenze dello sfruttamento turistico e industriale, sono state messe in secondo piano. Ora anche l’equilibrio politico e sociale e’ a rischio.

Mentre i turisti scappano a gambe levate dal paradiso tropicale, per paura di rivolte, e la comunita’ internazionale, le grandi corporation e gli operatori turistici seguono da vicino gli sviluppi della vicenda, i disordini non sembrano calmarsi. Nell’arcipelago conosciuto per essere un santuario della natura si respira aria di rivolta a pieni polmoni e, ahime’, anche aria tossica.

Marcella Segre

Antonio Mannu, Isola di Theelafushi

 

Antonio Mannu, Isola di Theelafushi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende