Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » Medici per l’Ambiente: “L’ambientalizzazione dell’ILVA è impossibile”:

Medici per l’Ambiente: “L’ambientalizzazione dell’ILVA è impossibile” Top Contributors

Già nel 1987 l’Organizzazione Mondiale della Sanità definiva l’area di Taranto “ad elevato rischio ambientale. Negli anni successivi una lunga serie di contributi scientifici ha dimostrato le responsabilità dell’ILVA nella presenza, parallelamente alla compromissione ambientale, di danni sanitari a carico di lavoratori e residenti di qualunque età (soprattutto bambini).

La situazione di rischio per la salute persiste tuttora. Le evidenze disponibili dimostrano anche l’improponibilità dei progetti di “ambientalizzazione”. Qualunque sarà il combustibile utilizzato per alimentare il siderurgico e nonostante tutti i possibili accorgimenti tecnici, livelli produttivi tali da creare profitti per il gestore saranno inevitabilmente associati all’emissione di quantità intollerabili di inquinanti ed a conseguenze ambientali e sanitarie prevedibili e misurabili, che andranno a perpetrare la discriminazione e le disuguaglianze in una popolazione che ha già pagato un prezzo altissimo in termini di mortalità e morbosità.

Tutto questo, inoltre, avverrebbe nella regione italiana con la maggiore produzione di gas climalteranti da sorgenti industriali (con ILVA ancora una volta in primo piano), complicando enormemente il raggiungimento degli obblighi internazionali sottoscritti dal nostro Paese per il contenimento dei cambiamenti climatici.

Ai richiami dell’Istituto Superiore di Sanità sulla “urgenza di interventi finalizzati a ripristinare la qualità dell’ambiente” e motivati dagli eccessi di mortalità e morbosità ripetutamente riscontrati soprattutto in età pediatrica, si sono sino ad ora ricevute risposte unicamente finalizzate a confermare la tirannia del diritto dei privati a produrre acciaio su qualunque altro diritto, compreso quello alla salute.

Le evidenze disponibili sono state sino ad ora sistematicamente ignorate, con il risultato di un’esposizione indebita e di un’amplificazione del divario tra la salute possibile e la salute reale della popolazione, che ha raggiunto livelli inaccettabili per un Paese civile.

La mancata interruzione dell’attività inquinante dell’ILVA genera enormi danni economici per l’incremento esponenziale dei costi sanitari (almeno 400 milioni di euro/anno secondo la European Environmental Agency), per i danni spesso irreversibili subiti da intere categorie imprenditoriali (ad es. allevatori, mitilicoltori, agricoltori) e per le conseguenze dei cambiamenti climatici, grandi amplificatori di criticità preesistenti. Tali pesanti costi, tuttavia, non sono sino ad ora mai stati seriamente considerati nel bilancio decisionale sulla prosecuzione o sull’interruzione dell’operatività dell’ILVA.

In caso di prosecuzione dell’attività, ancora una volta, a profitti per pochi corrisponderebbero costi distribuiti sull’intera comunità tarantina e inammissibili sofferenze. Appare anche insostenibile il voler considerare la prosecuzione dell’attività ILVA come strumento di difesa del lavoro. Circa un terzo delle denunce di malattie professionali in Puglia vengono dalla provincia di Taranto e molte di queste riguardano tumori professionali. Appare ininterrotta la serie delle morti bianche all’interno del siderurgico, si continua a parlare di esuberi e la presenza dell’ILVA non migliora le prospettive di ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, considerato che proprio in provincia di Taranto c’è il tasso di disoccupazione giovanile più alto a livello regionale e tra i più alti a livello nazionale.

Non è questo il modello di lavoro da difendere. I lavoratori di Taranto hanno bisogno di uno Stato che crei finalmente per loro una via di fuga, impegnandosi a costruire proposte di lavoro rispettose della dignità umana e alternative rispetto alla subordinazione ad uno dei più spietati ricatti occupazionali, quello dello scambio tra lavoro e salute. Il voler perseverare sullo “scenario ILVA” come unico possibile, obiettivo perseguito sino ad ora dallo Stato con l’imposizione di numerosi decreti legge, ha evidentemente fallito a Taranto il suo principale proposito, quello di salvaguardare insieme ambiente, salute e lavoro, generando senza soluzioni di continuità ulteriori rischi e danni sanitari per tutti e forme di impiego non rispettose della dignità dei lavoratori. Le possibilità alternative di lavoro, di sviluppo imprenditoriale e di riconversione economica sono fattori negoziabili. La salute e la dignità umana non lo sono e non dovranno mai più esserlo.

ISDE Italia – Associazione Medici per l’Ambiente

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende