Home » Nazionali »Politiche » “Meno di un chilometro di autostrada”. I Verdi contro il Ministero dell’Ambiente:

“Meno di un chilometro di autostrada”. I Verdi contro il Ministero dell’Ambiente

dicembre 31, 2015 Nazionali, Politiche
La riunione di Galletti ha partorito il nulla. Il Ministro dell’Ambiente continua ad essere imbarazzante e inadeguato e farebbe meglio a farsi da parte. Uno stanziamento di 12 milioni di euro è semplicemente offensivo: si tratta di una cifra che equivale, a malapena, al costo di un chilometro di autostrada. L’Italia ha bisogno di provvedimenti strutturali che si possono adottare solo con scelte economiche e infrastrutturali”. E’ Angelo Bonelli, leader dei Verdi Italiani a scagliarsi, nella forma più esplicita, contro quella che a molti è sembrata una farsa da dare in pasto ai cittadini, più che una seria riunione di coordinamento Stato-Regioni e Comuni contro lo smog.

La lotta all’inquinamento - prosegue Bonelli - e’ la più importante infrastruttura di cui l’Italia, oggi, ha bisogno. La riunione di oggi (ieri, N.d.R), per responsabilità del Ministro dell’Ambiente Galletti, è stata un’occasione perduta. Perché questo incontro non è stato convocato congiuntamente al Ministro dei Trasporti Del Rio, dell’Economia Padoan e dello Sviluppo Economico Guidi?”.

“Per affrontare l’emergenza smog – conclude Bonelli – noi Verdi chiediamo investimenti per 23 miliardi in 5 annicifra che rappresenta esattamente la metà dei danni che ogni anno subiamo per l’inquinamento - stimati dall’Agenzia Europea per l’Ambiente in 47 miliardi di euro . Con queste risorse si possono realizzare 200 km di rete tram e metro superficie, si possono acquistare 1.000 treni per i pendolari, concedere bonus trasporti nel contratto pubblico e privato a qualunque livello per i lavoratori che lasciano la macchina a casa; realizzare almeno 5 mila boschi urbani, incentivare l’acquisto di auto elettriche, l’efficientamento energetico di tutto il patrimonio edilizio, la realizzazione di vie ciclabili e finanziare la mobilità condivisa, potenziare le agenzie regionali di protezione  dell’ambiente per i controlli ambientali, a partire dalle aree industriali”.

Un attacco duro all’operato del Ministero dell’Ambiente, che non resta però isolato nel mondo ambientalista, né incentrato unicamente sulla figura di Galletti. Già alla vigilia della riunione di coordinamento romana, Roberto della SetaFrancesco Ferrante scrivevano sull’Huffington Post: “Tra le pochissime certezze di questa fine 2015 all’insegna dell’emergenza smog, una si staglia su tutte: il Ministero dell’ambiente non serve a nulla”. Dopo essere stato creato negli anni ’80 per dare spazio e peso di governo alle politiche ambientali, argomentano i fondatori di Green Italia, a proposito del dicastero oggi guidato da Galletti, “da almeno un decennio, è peggio che inutile: è dannoso, limita la possibilità di costruire per l’Italia un futuro prossimo e meno prossimo in cui l’ambiente diventi sinonimo di benessere, di vero sviluppo”.

E’ evidente, dunque, che non si tratta di una provocazione “passeggera”, a caldo, ma di una rottura storica tra i partiti ambientalisti e il Ministero, definito “un ministero di serie B. Un contentino da dare ai partiti minori o a esponenti politici di seconda e terza fila, generalmente del tutto digiuni della materia“.  Ma il punto fondamentale, secondo Della Seta e Ferrante, è che “il Ministero dell’Ambiente sempre di più rappresenta un alibi, un diversivo rispetto a politiche generali che dell’ambiente semplicemente se ne infischiano“.

Basta dunque ai proclami, agli annunci per i media, alle misure occasionali, ai provvedimenti “d’emergenza”, basta al “Renzi Show” – è la sintesi degli attacchi di queste ore – e si avviino, invece, interventi strutturali e di ampio respiro, che consentano una reale attuazione della green economy in Italia. “Renzi vuole comportarsi da quel grande modernizzatore che dice tutti i giorni di essere? – concludono Della Seta e Ferrante – Cancelli il Ministero dell’Ambiente e affidi a uno bravo, non uno preso a caso, un Ministero delle Città. L’ambiente sentitamente ringrazierebbe!”.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende