Home » Internazionali »Politiche » Mercato energetico europeo: gli esami non finiscono mai:

Mercato energetico europeo: gli esami non finiscono mai Top Contributors

febbraio 27, 2013 Internazionali, Politiche

Mentre l’inconsueta campagna elettorale italiana raggiungeva il culmine, con i più classici comizi finali, a Bruxelles, il 22 febbraio scorso, si svolgeva - nel disinteresse quasi totale dei media nazionali - la prima riunione del Consiglio Europeo, in tema energetico, la prima sotto il segno della presidenza irlandese.

All’ordine del giorno, gli effetti della produzione di biocombustibili sul cambiamento nell’utilizzo del territorio, il monitoraggio del processo di integrazione del mercato energetico interno e lo stato di negoziazioni relativo a un papabile regolamento che andrà a fissare standard uniformi di sicurezza nelle attività di esplorazione, prospezione e produzione di petrolio e gas naturale.

Entro luglio 2013 andrà al voto, al Parlamento Europeo, la bozza di direttiva presentata dalla Commissione nell’ottobre scorso. Alla base della proposta, l’intento di favorire l’incremento della produzione di energia da biocombustibili, senza trascurare, tuttavia, l’attenta valutazione, ab origine, dell’effettivo beneficio in termini di emissione di anidride carbonica. L’utilizzo dei terreni, strappati alle foreste, per fornire biocombustibili, infatti, potrebbe avere effetti inversi rispetto a quelli che si vorrebbero conseguire.

In materia, è il caso di fare solo un cenno alla nostra Strategia Energetica Nazionale, posta in consultazione dal Ministero dello Sviluppo Economico il 16 ottobre 2012 e mai più arrivata alla sua formulazione finale. L‘Italia confermava nella SEN l’impegno a garantire che entro il 2020, il 10% dei consumi nel settore trasporti sarebbe stato coperto dai biocombustibili, a un ritmo di circa 2,5 Mtep all’anno. Piena disponibilità anche per la revisione della direttiva prevista per il 2014, con cui decidere evoluzioni future del settore, nell’intento di potenziare sostegno e diffusione dei biocarburanti di seconda e terza generazione. Ma, ad oggi, la Strategia Energetica resta una bozza non riuscendo nemmeno a conseguire l’obiettivo (minimo) di lascito, di indirizzo (già) condiviso con stakeholder, per il nuovo Parlamento e il costituendo governo.

Sul tema del mercato interno europeo, invece, sotto esame lo stadio di integrazione del mercato energetico europeo, processo che, da calendario, dovrebbe concludersi entro il 2014. Al centro del dibattito, le questioni sollevate nella Comunicazione presentata al Consiglio dalla Commissione Europea lo scorso dicembre. Nonostante le riforme degli ultimi anni, rimane ancora molto da fare: altri mille miliardi di euro dovranno essere spesi per l’ammodernamento dei sistemi energetici esistenti. Ma agli obiettivi del 2050 non si arriverà, secondo l’analisi della Commissione, solo attuando riforme dall’alto: è necessaria la partecipazione dei consumatori finali che, nell’esercizio dei propri diritti e delle proprie facoltà, costituiranno una spinta dal basso alla concorrenzialità del mercato. Ciò anche a prescindere dal ricoprire o meno il ruolo di prosumer e dalle tecnicalità delle Smart Grid.

Se mantiene questo ritmo, alla data del 2014, l’UE potrebbe però mancare gli obiettivi: troppo lento il processo di adeguamento della normativa nazionale all’ordinamento comunitario in troppi Stati, mentre rimangono ancora, seppur più nascoste, tattiche nazionalistiche a protezione dell’interesse nazionale. Tuttavia sono diversi i risultati già conseguiti, specie in materia di concorrenza, integrazione dei mercati, sviluppo di borse e diversificazione delle forniture: in 20 Stati operano più di tre fornitori di energia elettrica principali, mentre sul fronte del gas naturale, tra il 2003 e il 2011 è decuplicato il numero delle piattaforme di negoziazione per lo scambio di gas, e il numero dei grandi esportatori di gas naturale in Europa è cresciuto da 14 nel 2000 a 23 nel 2010.

La lista dei desiderata è tuttavia ancora lunga: da ampliare ancora consapevolezza e potere dei consumatori e da sostenere investimenti tecnologici necessari per poter rendere le reti sempre più efficienti e aumentare il risparmio energetico, con chiaro riferimento al nuovo paradigma delle Smart Grid. Nel nuovo scenario la rete elettrica cambia completamente ruolo e funzioni, evolvendo gradualmente in rete intelligente o meglio “attiva”, dotata cioè di sottosistemi in grado di gestire e regolare più flussi elettrici, che viaggiano anche in modo discontinuo e bidirezionale e non più solamente dall’alto verso il basso, dalla produzione al consumo.

Siamo comunque arrivati all’ultima chiamata per quegli Stati che non hanno ancora recepito, in maniera corretta, le direttive del terzo pacchetto energetico. Dal settembre 2011 sono stati avviati dalla Commissione 19 procedimenti d’infrazione per  mancata attuazione della direttiva 2009/72/CE, per il mercato elettrico, e altri 19 per mancato recepimento della direttiva 2009/73/CE, per il mercato del gas. Al 24 ottobre 2012 soltanto 12 procedimenti sono stati chiusi, mentre gli altri rimangono pendenti.

L’Italia, incredibile dictu – ma neanche troppo incredibile, visto il grande slancio con cui furono recepite le prime direttive di apertura dei mercati elettrici e gas – vanta una situazione stranamente in regola, visto che il Decreto legislativo n. 93/2011 di attuazione del “Terzo pacchetto” è entrato in vigore già dal 29 giugno 2011.

Manuela Mischitelli e Antonio Sileo*

*Ricercatori IEFE Bocconi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende