Home » Internazionali »Politiche » Mercato energetico europeo: gli esami non finiscono mai:

Mercato energetico europeo: gli esami non finiscono mai Top Contributors

febbraio 27, 2013 Internazionali, Politiche

Mentre l’inconsueta campagna elettorale italiana raggiungeva il culmine, con i più classici comizi finali, a Bruxelles, il 22 febbraio scorso, si svolgeva - nel disinteresse quasi totale dei media nazionali - la prima riunione del Consiglio Europeo, in tema energetico, la prima sotto il segno della presidenza irlandese.

All’ordine del giorno, gli effetti della produzione di biocombustibili sul cambiamento nell’utilizzo del territorio, il monitoraggio del processo di integrazione del mercato energetico interno e lo stato di negoziazioni relativo a un papabile regolamento che andrà a fissare standard uniformi di sicurezza nelle attività di esplorazione, prospezione e produzione di petrolio e gas naturale.

Entro luglio 2013 andrà al voto, al Parlamento Europeo, la bozza di direttiva presentata dalla Commissione nell’ottobre scorso. Alla base della proposta, l’intento di favorire l’incremento della produzione di energia da biocombustibili, senza trascurare, tuttavia, l’attenta valutazione, ab origine, dell’effettivo beneficio in termini di emissione di anidride carbonica. L’utilizzo dei terreni, strappati alle foreste, per fornire biocombustibili, infatti, potrebbe avere effetti inversi rispetto a quelli che si vorrebbero conseguire.

In materia, è il caso di fare solo un cenno alla nostra Strategia Energetica Nazionale, posta in consultazione dal Ministero dello Sviluppo Economico il 16 ottobre 2012 e mai più arrivata alla sua formulazione finale. L‘Italia confermava nella SEN l’impegno a garantire che entro il 2020, il 10% dei consumi nel settore trasporti sarebbe stato coperto dai biocombustibili, a un ritmo di circa 2,5 Mtep all’anno. Piena disponibilità anche per la revisione della direttiva prevista per il 2014, con cui decidere evoluzioni future del settore, nell’intento di potenziare sostegno e diffusione dei biocarburanti di seconda e terza generazione. Ma, ad oggi, la Strategia Energetica resta una bozza non riuscendo nemmeno a conseguire l’obiettivo (minimo) di lascito, di indirizzo (già) condiviso con stakeholder, per il nuovo Parlamento e il costituendo governo.

Sul tema del mercato interno europeo, invece, sotto esame lo stadio di integrazione del mercato energetico europeo, processo che, da calendario, dovrebbe concludersi entro il 2014. Al centro del dibattito, le questioni sollevate nella Comunicazione presentata al Consiglio dalla Commissione Europea lo scorso dicembre. Nonostante le riforme degli ultimi anni, rimane ancora molto da fare: altri mille miliardi di euro dovranno essere spesi per l’ammodernamento dei sistemi energetici esistenti. Ma agli obiettivi del 2050 non si arriverà, secondo l’analisi della Commissione, solo attuando riforme dall’alto: è necessaria la partecipazione dei consumatori finali che, nell’esercizio dei propri diritti e delle proprie facoltà, costituiranno una spinta dal basso alla concorrenzialità del mercato. Ciò anche a prescindere dal ricoprire o meno il ruolo di prosumer e dalle tecnicalità delle Smart Grid.

Se mantiene questo ritmo, alla data del 2014, l’UE potrebbe però mancare gli obiettivi: troppo lento il processo di adeguamento della normativa nazionale all’ordinamento comunitario in troppi Stati, mentre rimangono ancora, seppur più nascoste, tattiche nazionalistiche a protezione dell’interesse nazionale. Tuttavia sono diversi i risultati già conseguiti, specie in materia di concorrenza, integrazione dei mercati, sviluppo di borse e diversificazione delle forniture: in 20 Stati operano più di tre fornitori di energia elettrica principali, mentre sul fronte del gas naturale, tra il 2003 e il 2011 è decuplicato il numero delle piattaforme di negoziazione per lo scambio di gas, e il numero dei grandi esportatori di gas naturale in Europa è cresciuto da 14 nel 2000 a 23 nel 2010.

La lista dei desiderata è tuttavia ancora lunga: da ampliare ancora consapevolezza e potere dei consumatori e da sostenere investimenti tecnologici necessari per poter rendere le reti sempre più efficienti e aumentare il risparmio energetico, con chiaro riferimento al nuovo paradigma delle Smart Grid. Nel nuovo scenario la rete elettrica cambia completamente ruolo e funzioni, evolvendo gradualmente in rete intelligente o meglio “attiva”, dotata cioè di sottosistemi in grado di gestire e regolare più flussi elettrici, che viaggiano anche in modo discontinuo e bidirezionale e non più solamente dall’alto verso il basso, dalla produzione al consumo.

Siamo comunque arrivati all’ultima chiamata per quegli Stati che non hanno ancora recepito, in maniera corretta, le direttive del terzo pacchetto energetico. Dal settembre 2011 sono stati avviati dalla Commissione 19 procedimenti d’infrazione per  mancata attuazione della direttiva 2009/72/CE, per il mercato elettrico, e altri 19 per mancato recepimento della direttiva 2009/73/CE, per il mercato del gas. Al 24 ottobre 2012 soltanto 12 procedimenti sono stati chiusi, mentre gli altri rimangono pendenti.

L’Italia, incredibile dictu – ma neanche troppo incredibile, visto il grande slancio con cui furono recepite le prime direttive di apertura dei mercati elettrici e gas – vanta una situazione stranamente in regola, visto che il Decreto legislativo n. 93/2011 di attuazione del “Terzo pacchetto” è entrato in vigore già dal 29 giugno 2011.

Manuela Mischitelli e Antonio Sileo*

*Ricercatori IEFE Bocconi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende