Home » Nazionali »Politiche » Monica Frassoni: ecco il mio “Green New Deal”:

Monica Frassoni: ecco il mio “Green New Deal”

gennaio 15, 2013 Nazionali, Politiche

In vista delle elezioni 2013 di febbraio proseguono le interviste di Greenews.info a politici e amministratori, per cercare di comprendere, quali siano i programmi più concreti e credibili a favore dell’ambiente e della green economy.

Romano Prodi, alcuni anni fa, la definì “una forza della natura”. Europarlamentare dal 1999 nel gruppo dei Verdi e dal 2009 co-presidente del Partito Verde Europeo – rieletta con il 96% dei consensi – Monica Frassoni due anni fa, è stata inserita dal “Foreign Policy” di Washington tra i 100 “top global thinkers” (unica presenza italiana), con questa motivazione: “For taking green a mainstream“, ovvero per aver fatto crescere il peso delle tematiche ambientali nel mondo politico ed economico. Ma al netto dei riconoscimenti internazionali, Frassoni pare sempre avere avuto due parole d’ordine: Europa e Ambiente (non necessariamente in quest’ordine): oggi è candidata come indipendente nella lista di Sinistra Ecologia e Libertà per le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio. Un “decisione”, scrive sul proprio blog, “presa dopo un’attenta riflessione e con entusiasmo”.

Nonostante questo, i Verdi non l’hanno presa molto bene: prima il presidente Angelo Bonelli, con una dichiarazione che non lascia molto spazio alle interpretazioni (“Ormai è sotto gli occhi di tutti che il Partito democratico e SEL hanno costituito un’alleanza dannosa per l’ecologia e l’ambiente”), poi, alcuni giorni fa, l’appello dei Giovani Verdi Italiani alle sue dimissioni da co-Presidente dei Verdi Europei, in seguito alla candidatura nelle liste di SEL.

Ma quando, a Bruxelles, la raggiungiamo al telefono per l’intervista, la Frassoni chiarisce subito che non risponderà a domande che riaccendano la polemica tra lei e suoi vecchi compagni di partito – un partito, quello dei Verdi Italiani, dal quale è uscita formalmente già nel 2009: “Queste elezioni devono metterci in condizione di fare le necessarie scelte di politica economica, sociale ed ambientale verso il Green New Deal e l’Europa Federale. Non credo di essere stata né trasformista, né opportunista. La mia campagna elettorale non sarà contro i Verdi. Perché dovrebbe?”.

D) Come imposterà, dunque, la sua campagna elettorale?

R) Penso che oggi sia indispensabile non disperdersi e non cadere nel riflesso irrazionale di considerare come i nostri peggiori nemici coloro che ci sono politicamente più vicini, magari aiutando la vittoria della destra.

D) Non vede contraddizioni nella coalizione di cui fa parte il partito di Vendola?

R) Ho accettato la proposta di far parte delle liste di SEL, proprio consapevole dei rischi e dei limiti di una coalizione di centro-sinistra nella quale le opzioni ambientaliste sono maggioritarie in SEL ma non (ancora) nel Pd. Tuttavia, posizioni diverse in questo momento cosi grave per l’Italia, fondate sull’“imperfezione” del centro-sinistra, mi paiono in fondo un segno di mancanza di speranza, di sconfitta annunciata di fronte alla possibilità di mettere in marcia il cambiamento anche in Italia.

D) Da un osservatorio privilegiato come Bruxelles, riesce a individuare le priorità che l’Italia dovrebbe fare proprie per avviare questo cambiamento in chiave “green”?

R) Io amo parlare di Green New Deal, proprio per affrontare il tema complessivo della riconversione ecologica dell’economia e della società. Questo vuol dire che non possono più bastare poche “pennellate di verde” per affermare che conduciamo politiche ambientalmente sostenibili. Ma che dobbiamo fare i conti con precisi elementi di fatto – i cambiamenti climatici tra tutti – che vanno governati.

D) Come, concretamente?

R) Facendo scelte in materia energetica, di sviluppo urbano, di pianificazione del territorio, in materia di energia: scelte – e per questo parlo di riconversione ecologica – che sono di politica economica, in campo sociale e legislativo. Non basta dire, dunque “rendiamo l’Ilva meno inquinante”, sposando quest’approccio, occorre anche chiedersi: Come? Con quali regole? Con quali protezioni per il territorio e la gente che ci vive? A quale prezzo (anche economico)?

D) Quante domande…

R) È l’unico modo per uscire da una visione punitiva dell’ambientalismo, che storicamente è sempre stata più un’etichetta – “quelli del no”  – che ci hanno affibbiato e assolutamente non meritata (accanto al no c’è sempre un sì), ma che ci ha inseguiti costantemente. Oggi, come ambientalisti abbiamo il dovere di allargare al massimo i confini entro cui ci muoviamo. Ed è una delle ragioni per cui non ho aderito alla Costituente Ecologista, il soggetto politico ambientalista nato nel 2011 dalla federazione di alcune reti civiche e dagli stessi Verdi italiani.

D) Tornando agli obiettivi di questo Green New Deal?

R) Tre sono gli elementi fondamentali in seno a una riconversione del Paese in chiave ecologica: la sfida energetica, i nodi del consumo del territorio e del dissesto idro-geologico e, terzo, il tema dei diritti e, più in generale, della democrazia.

D) Vediamoli meglio: la questione energetica…

R) Rispetto al primo punto, che il piano energetico nazionale sia stato sottoposto a una consultazione pubblica dal Ministro dell’Ambiente uscente, Corrado Clini, è una buona notizia. È meno positivo il fatto che, all’interno, vi siano poi scelte in forte contraddizione con la necessità – riconosciuta oramai da tutti – di realizzare una strategia energetica fondata sulle rinnovabili e sull’efficienza energetica, le due priorità assolute. In quel piano, invece, c’è un po’ di tutto (trivelle, gas, carbone) e senza priorità. Uscire dalle contraddizioni, dunque, e mettere a sistema.

D) Il territorio: quali sono i nodi?

R) La questione del consumo del territorio è fondamentale ed è collegata al tema delle infrastrutture e delle grandi opere, dei trasporti insomma. Su questo, occorre aprire dialettica con il Pd, non facendo barricate ma discutendo. Proprio oggi ho finito di scrivere un ricorso indirizzato al commissario europeo per la concorrenza Almunia sulle concessionarie autostradali, un altro regalo che il governo Monti ha fatto alla lobby dei costruttori delle autostrade!

D) E cosa intende quando parla di “democrazia”?

R) Ecco, secondo me non possiamo più rimandare una riforma della politica, nei metodi e nei contenuti, che includa anche il tema della partecipazione civica, dei nuovi diritti, del pluralismo. Con l’urgenza di risolvere al cospetto dell’Europa e quanto prima, temi – anche simbolici – come i contenziosi aperti soprattutto in tema di rifiuti

D) Come vede il suo Paese nel contesto europeo? Cosa ci manca, se ci manca qualcosa, per contare?

R) Non è vero che l’Italia non conta in Europa: il problema è come. Dobbiamo tornare a pesare, proponendo una politica nuova e su questo, imbastire le alleanze. “Green Economy” non è una bella etichetta da appiccicare dopo aver fatto le cose, magari per renderle più accettabili. “Green Economy” comprende tutto il complesso di politiche del territorio, ad esempio quelle industriali, che incidono sui cambiamenti climatici. Sforziamoci di fare analisi di mercato non viziate ideologicamente, concentriamoci non solo sulla grande industria, ma anche su quei settori industriali (che tra l’altro sono il punto forte dell’Italia) di medio e piccolo cabotaggio ma che diano una chance anche all’ambiente. Basta spendere i miliardi per proteggere Sulcis e negare una possibilità all’ambiente. Il futuro o è verde o non è.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende