Home » Nazionali »Politiche » Nasce la Rete dei Comuni SIN: “Le bonifiche devono diventare priorità”:

Nasce la Rete dei Comuni SIN: “Le bonifiche devono diventare priorità”

ottobre 3, 2013 Nazionali, Politiche

Le bonifiche dei Siti di Interesse Nazionale devono diventare priorità della politica nazionale. Lo chiedono a gran voce gli enti locali che si sono riuniti a Mantova per dare vita alla Rete dei Comuni per la Bonifica dei SIN. «Questo è solo l’inizio di un percorso – fanno sapere gli organizzatori – che deve portare la rete a presentare subito la “Carta di Mantova” alla Presidenza del Consiglio, al Ministero dell’Ambiente, al Ministero dello Sviluppo Economico aprendo tavoli di discussione che portino a breve all’avvio delle più improcrastinabili bonifiche».

In Europa i siti da bonificare sono circa 500.000. In Italia, l’ISPRA evidenzia che i siti potenzialmente contaminati sono oltre 15.000, dei quali 6.000 risultano essere accertati, 5.000 contaminati e 3.000 bonificati. 57 di questi siti sono stati definiti di “interesse nazionale per le bonifiche” (SIN) sulla base dell’entità della contaminazione ambientale, del rischio sanitario e dell’allarme sociale (DM 471/1999). I 57 siti comprendono aree industriali (dismesse, in corso di riconversione o in attività), aree che sono state oggetto in passato di incidenti con rilascio di inquinanti chimici e aree oggetto di smaltimento incontrollato di rifiuti anche pericolosi. L’ultimo atto normativo in materia (Decreto Ministeriale 11 gennaio 2013) ha portato 18 siti di interesse nazionale nelle competenze regionali. In virtù di questo recente decreto ad oggi i SIN sono 39 e i Comuni che ricadono in tali aree sono 187 per una popolazione di circa 4,5 milioni di abitanti.

Un territorio inserito all’interno dei SIN deve fare i conti in primo luogo con le criticità sanitarie. Il Progetto SENTIERI (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento), finanziato dal Ministero della Salute, ha valutato la mortalità della popolazione residente in 44 siti di interesse nazionale per le bonifiche in un periodo di otto anni prendendo in esame circa 6 milioni di residenti in 298 comuni. Sono state considerate 63 cause di morte, tumorali e non – tra queste ultime, malattie respiratorie, circolatorie, neurologiche e renali. La mortalità osservata supera la media della regione di appartenenza in 24 siti nel caso di tutte le patologie e in 28 siti nel caso dei tumori. In alcune situazioni i nessi causali sono chiari in particolare nei siti caratterizzati dalla presenza di amianto o di altre fibre asbestiformi: l’aumento della mortalità per mesotelioma pleurico è di circa 8 volte tra gli uomini e oltre 9 volte tra le donne a Casale Monferrato e di circa 5 volte in entrambi i generi a Biancavilla (CT).

Anche sulla questione bonifiche l’Italia sconta forti ritardi e mancanze. «Ritardi e mancanze sono cosi gravi da poter indurre la Commissione Europea ad attivare il percorso di procedura d’infrazione (l’ennesima) a carico dei nostro Paese» ha dichiarato Mariella Maffini, assessore all’Ambiente del Comune di Mantova e neo presidente della Rete SIN. «Scoraggiano – ha continuato Mariella Maffini – sia i recenti provvedimenti dell’amministrazione centrale che prospettano la possibilità di bonificare solo laddove “economicamente sostenibile” cosi come i dati emersi dai rapporti elaborati da lSPRA/lSS, da cui si evince che, a partire dall’istituzione dei siti di interesse nazionale, ben poche azioni di bonifica siano state portate a compimento. Siamo ormai motivatamente convinti che le citate criticità non siano risolvibili delegando all’amministrazione centrale ogni incombenza: occorre un nuovo protagonismo da parte nostra, che si traduca tempestivamente nella condivisione sia dei problemi che delle strategie da mettere in campo per dare finalmente avvio a concrete azioni di risanamento ambientale, essenziali per ridare competitività ai nostri territori oltreché per garantire ii diritto alla salute e all’ambiente pulito». Da questo spirito nasce la Carta di Mantova alla quale hanno aderito oltre il 75% degli enti locali inseriti nei SIN.

Nella Carta di Mantova i sindaci chiedono al Governo la dichiarazione dello “Stato di crisi ambientale e sanitaria” per tutti i siti inquinati di interesse nazionale, così da poter avviare percorsi di bonifica con carattere di massima urgenza. Chiedono inoltre la “predisposizione di un piano operativo delle bonifiche da parte dei Ministeri dell’Ambiente, Tutela del Territorio e del Mare e dello Sviluppo Economico che venga condiviso con i Comuni”. Per fare le bonifiche occorrono però soldi. A questo proposito i Comuni della Rete reclamano “la garanzia di adeguate risorse economiche e umane al Ministero dell’Ambiente, all’ISPRA e alle Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente, ciò al fine rendere sempre più efficiente la Pubblica Amministrazione deputata per legge alle valutazioni dei progetti, al rilascio delle autorizzazioni ed alle attività di monitoraggio e controllo, così da accelerare le procedure di bonifica dei SIN”.  Sul piano economico i Comuni auspicano infine un “provvedimento affinché la Cassa Depositi e Prestiti finanzi con asse ad hoc la messa in sicurezza, nei siti prioritari, dei fattori di rischio per salute e matrici ambientali, come da progetti esecutivi”.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende