Home » Internazionali »Politiche » Nel blu dipinto di blu: fondo europeo per la pesca e nuove regole per le navi rottamate:

Nel blu dipinto di blu: fondo europeo per la pesca e nuove regole per le navi rottamate

ottobre 31, 2013 Internazionali, Politiche

È il mare il grande protagonista dell’ultima settimana europea. Sia sul fronte parlamentare che su quello dell’esecutivo, la politica UE ha dato ampia rilevanza a ciò che troppo spesso viene dimenticato essere una risorsa ed un patrimonio inestimabili.

L’Europarlamento, in particolare, ha dato il proprio parere favorevole a due fondamentali iniziative. I deputati hanno approvato, in via definitiva, le nuove regole per l’eco-riciclo delle vecchie navi UE. Il fenomeno che le riguarda è assai peculiare e pericoloso per l’ambiente e la salute. Queste imbarcazioni, infatti, spesso cambiano bandiera e finiscono sulle spiagge principalmente dei Paesi del Sudest asiatico. Si tratta di Paesi come India, Pakistan e Bangladesh che attraverso questo Regolamento dovrebbero essere incentivati ad investire in strutture di riciclo adeguate. Il nuovo testo prevede che le navi europee vengano smantellate, con il loro carico di sostanze nocive, come amianto, PCB, mercurio e altri composti chimici pericolosi, solo in strutture specializzate, incluse in una lista a livello comunitario. Tuttavia, non sono coinvolte solo le imbarcazioni UE, ma anche quelle extra UE nel momento in cui attraccano in un porto europeo, visto che dovranno fornire l’inventario dei materiali pericolosi presenti al loro interno. Bocciata invece la proposta di una tassa da applicare ad ogni nave che entra in un porto europeo. L’idea era quella di convogliare le risorse così ottenute in un fondo per la eco-rottamazione. Su questo punto, la palla torna, quindi alla Commissione Europea, che dovrà valutare se elaborare entro il 2015 la proposta di un meccanismo che incentivi lo smantellamento sostenibile.

Decisioni che dovrebbero mettere a tacere anche le voci che volevano un trasferimento all’estero della Costa Concordia, naufragata il 13 gennaio 2012 all’Isola del Giglio. Pochi giorni fa, anche il Ministro Orlando aveva sottolineato l’importanza che l’intero ciclo di trattamento e smaltimento del relitto restasse in Italia, proprio per scongiurare la possibilità che vengano portati rifiuti in Paesi che non hanno una normativa adeguata.

La seconda novità riguarda, invece, il nuovo Fondo europeo per le attività marittime e la pesca (Feamp) relativo al periodo 2014-2020. Strasburgo ha deciso di destinare 6,5 miliardi di Euro con diverse novità. Prima fra tutte, la concessione di un importante sostegno all’occupazione e alla formazione dei giovani pescatori. Il nuovo Fondo darà la possibilità ad un pescatore di 50 anni di assumere un giovane che ha meno di 30 anni, finanziando per due anni il suo salario per un totale di 40mila Euro. Inoltre, due terzi del tempo del giovane saranno impiegati in attività lavorative ed un terzo, nella formazione su tecniche di pesca sostenibili. Il raddoppiamento dei fondi stanziati per la raccolta dei dati fornirà poi, la possibilità di valutare meglio come gli stock ittici avranno bisogno di recupero. In questo modo sarà più facile esercitare una pesca eco-compatibile e combattere più efficacemente la pratica illegale nelle acque europee. Aiuti UE saranno, infine destinati all’acquisto di attrezzature di pesca più selettive per la movimentazione, lo sbarco e lo stoccaggio delle catture indesiderate. Tuttavia, viene data la possibilità ai pescherecci sotto i 12 metri di rimanere in mare più a lungo e di aumentare la loro operatività.

L’Assemblea ha, invece, respinto l’emendamento per reintrodurre l’aiuto UE al rinnovamento della flotta. Questi finanziamenti si sono conclusi nel 2002. Una loro reintroduzione avrebbe pericolosamente aumentato la capacità della flotta, aumentato le dimensioni dei pescherecci e provocato la distruzione dei pochi stock ittici in salute rimasti. Il via libera del Parlamento dà l’avvio ai negoziati con Consiglio e Commissione, l’obiettivo è quello di rendere operativo il FEAMP già dal gennaio 2014.

L’orientamento europeo è in linea con quanto affermato dal  Wwf nel Manifesto per un Mediterraneo di Qualità. Un Mediterraneo di Qualità, si legge nel documento, ha acque senza rifiuti, navi che non colpiscono i cetacei, ha relitti non velenosi e aree marine protette che funzionano. Ha una pesca sostenibile, coste rocciose, spiagge, scogli e falesie; ha turisti responsabili, biodiversità, tartarughe libere di nuotare. È senza piattaforme per l’estrazione di idrocarburi.

Tuttavia, le cifre relative alle risorse idriche a livello planetario sono allarmanti, i mari e gli oceani stanno diventando sempre più la discarica del pianeta visto che 10 milioni di tonnellate di rifiuti finiscono nelle acque di tutto il mondo ogni anno, e che i rifiuti di plastica costituiscono l’80% degli scarti presenti nell’Atlantico e nel Pacifico, con conseguenze fatali per numerose specie marine.

Al fine di essere ancora più incisivi nella preservazione dell’habitat marino, la Commissione Europea sta valutando dunque le opzioni per impostare un obiettivo UE di riduzione quantitativa dei rifiuti marini, come richiesto nel 7° Programma d’Azione Ambientale e come deciso alla Conferenza internazionale sullo sviluppo sostenibile Rio +20, dove è stato preso l’impegno di ottenere significative riduzioni dei rifiuti marini per evitare danni all’ambiente costiero e marino entro il 2025. Per fare ciò l’Esecutivo di Bruxelles ha deciso di ricevere input interpellando i cittadini e le parti interessate attraverso una consultazione pubblica che rimarrà aperta fino al 18 dicembre 2013. Il questionario contiene una serie di azioni che potrebbero essere intraprese da parte di consumatori e commercianti, dell’industria della plastica, del trasporto e della pesca, dal lato delle ONG, delle autorità locali e nazionali e dei responsabili politici dell’UE per ridurre la presenza e l’impatto dei rifiuti marini.

I risultati emersi, assieme alla revisione delle Direttive sugli imballaggi e sulle discariche potrebbero confluire in una Comunicazione più ampia in materia di rifiuti da adottare nel 2014.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende