Home » Internazionali »Politiche » Nessun dubbio: i cambiamenti climatici sono causa dell’uomo. E ora?:

Nessun dubbio: i cambiamenti climatici sono causa dell’uomo. E ora?

settembre 30, 2013 Internazionali, Politiche

“L’influenza umana sul sistema climatico è chiara”: venerdì scorso si è riunito a Stoccolma il Working Group 1 (WG1) dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), il più importante organismo scientifico in tema di cambiamenti climatici. E’ stato approvato e presentato al pubblico il primo volume del V Rapporto dell’IPCC, intitolato “Le Basi della Scienza”, che ha posto termine al dibattito sulla responsabilità dell’uomo rispetto ai cambiamenti del clima. La grande novità del nuovo Rapporto sono le conferme riguardo alla scienza del clima, convalidate da evidenze scientifiche più accurate rispetto agli studi precedenti. Su Twitter il nuovo Rapporto dell’IPCC sta generando un’ondata di messaggi con hashtag #debateisover.

Il Rapporto è il più completo e aggiornato studio sulle basi della scienza e della fisica riguardo ai cambiamenti climatici, a cui hanno lavorato 209 autori e 50 revisori scientifici di 39 Paesi, coadiuvati da più di altri 600 contributors. Contiene il risultato di nuovi studi sull’aumento della temperatura media del Pianeta, e una descrizione più “robusta” di vari aspetti tra cui l’utilizzo di nuovi, più precisi, modelli climatici, che hanno prodotto un numero maggiore di simulazioni. Inoltre un’analisi più approfondita di alcuni aspetti come effetto di nuvole, aereosol, radiazioni cosmiche e monsoni sui cambiamenti climatici ha portato una migliore comprensione di alcuni aspetti del sistema climatico e maggiori dati disponibili hanno permesso una migliore analisi delle incertezze;

Il riscaldamento del sistema climatico è inequivocabile, e dal 1950 molti dei cambiamenti osservati non hanno precedenti in decine di migliaia di anni”. Gli ultimi tre decenni sono stati i più caldi dal 1850, e di questi l’ultimo decennio è stato il più caldo in assoluto, sebbene il tasso di riscaldamento in questi ultimi anni (1998-2012) sia di 0,05°C a decennio, inferiore alla media del periodo 1951-2012 che ha registrato un aumento della temperatura di 0,12°C a decennio. In particolare, l’incremento di temperatura dell’oceano superficiale (entro i 700 metri) negli ultimi decenni è considerato virtualmente certo.

E’ estremamente probabile (al 95-100%) - ribadisce dunque il rapporto - che più della metà dell’aumento osservato della temperatura superficiale dal 1951 al 2010 sia stato provocato dall’effetto antropogenico sul clima (emissioni di gas-serra, aerosol e cambi di uso del suolo). Questo ha provocato il riscaldamento degli oceani, la fusione dei ghiacci e la riduzione della copertura nevosa, l’innalzamento del livello medio globale marino e ha modificato alcuni estremi climatici nella seconda metà del XX secolo”. Il precedente studio dell’IPCC, che risale al 2007, valutava invece del 90% la probabilità che l’uomo fosse il principale driver dell’aumento della temperatura media globale. Nel nuovo rapporto il grado di certezza è quindi stimato in crescita de 5-10%, con possibilità che la certezza sia assoluta (100%).

Per il futuro, l’IPCC avverte che “Le emissioni di gas serra che continuano a crescere provocheranno ulteriore riscaldamento nel sistema climatico. Il riscaldamento causerà cambiamenti nella temperatura dell’aria, degli oceani, nel ciclo dell’acqua, nel livello dei mari, nella criosfera, in alcuni eventi estremi e nella acidificazione oceanica. Molti di questi cambiamenti persisteranno per secoli”. Come ben spiegato da Climalteranti.it, l’aumento del livello del mare sta accelerando, ed è previsto in un range tra 50 e 80 centimetri entro la fine del secolo. L’estensione dei ghiacci continuerà ad assottigliarsi, tanto che probabilmente sarà possibile una fusione totale dei ghiacciai artici già entro il 2050.

L’IPCC identifica alcuni scenari, basati su diverse previsioni di aumento della concentrazione di gas serra in atmosfera: nello scenario più estremo (RCP8.5 nel report), l’aumento previsto è di 3.2°-5.4°C rispetto all’epoca preindustriale entro il 2100. Un incremento di questo tipo porterebbe a conseguenze catastrofiche per la società umana. L’IPCC in questo report ha introdotto per la prima volta uno scenario ottimista (RCP2.6), in cui la temperatura media raggiungerebbe un valore compreso tra +1° e +2,3°C: questo scenario prevede un drastico taglio delle emissioni di CO2 e altri gas serra nel giro di pochi decenni. Avverte infatti l’IPCC: “Le emissioni continue di gas ad effetto serra causeranno un ulteriore riscaldamento e cambiamenti in tutte le componenti del sistema climatico. Limitare il cambiamento climatico richiederà una sostanziale riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.”

Veronica Caciagli*

*Presidente 350.org Italia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

giugno 15, 2018

“Mutui verdi”: tassi d’interesse più bassi per i “green building”

La rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato ieri un nuovo schema pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un segnale importante da parte degli investitori, che dimostra come “l’edilizia sostenibile” stia diventando un mercato chiave per la crescita dell’Europa. Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di [...]

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

giugno 14, 2018

“Microinquinanti emergenti”: il lato oscuro delle sostanze chimiche quotidiane

Si sono conclusi con una tavola rotonda al Politecnico di Milano i due giorni di convegno promossi da Lombardy Energy Cleantech Cluster (LE2C) sul tema “Microinquinanti emergenti”, che ha visto un’ampia partecipazione di rappresentanti delle imprese, degli enti pubblici e dell’università, attirati da un tema di grande importanza, ma ancora poco noto al pubblico e poco trattato [...]

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

giugno 14, 2018

Il roadshow sulle rinnovabili di Elettricità Futura parte da Pescara

E’ partita da Pescara la prima tappa del roadshow “Le opportunità di sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore elettrico – Incontri con il territorio” organizzato da Elettricità Futura. Un’occasione di confronto tra istituzioni e aziende del settore elettrico con un particolare focus sullo sviluppo delle rinnovabili e le opportunità di finanziamento. Questa prima tappa, organizzata in [...]

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

giugno 6, 2018

“The Milk System”: Legambiente premia il documentario sulle storture della produzione del latte

Si è conclusa ieri, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, la XXI edizione di Cinemambiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dall’omonima associazione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema. Legambiente, che con i propri educatori ambientali supporta Cinemambiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e che ogni anno assegna un riconoscimento [...]

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

giugno 5, 2018

PMI e cambiamenti climatici: a Torino un progetto di adattamento

Le città del mondo si attrezzano per affrontare i mutamenti climatici e Torino, tra le italiane, è una delle più attive nel percorso finalizzato alla predisposizione di un piano di adattamento. In particolare attraverso il progetto europeo Life DERRIS, nato tre anni fa per favorire la creazione di una partnership pubblico-privato nella definizione di una strategia [...]

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

giugno 4, 2018

Elettricità Futura e ANIE Rinnovabili: “bene la piattaforma GSE per monitorare la produzione fotovoltaica”

La nuova Piattaforma per il monitoraggio degli impianti fotovoltaici di grande taglia rappresenta un primo passo del GSE per favorire il raggiungimento dell’obiettivo di 72 TWh di produzione fotovoltaica al 2030. Per proiettare il Paese verso la decarbonizzazione e garantire uno sviluppo che sia davvero sostenibile, sarà infatti importante non solo realizzare nuovi impianti FER, [...]

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

giugno 1, 2018

21° Cinemambiente: dall’arca di Anote al nulla di Iggy Pop

La 21°edizione del Festival Cinemambiente è stata inaugurata ufficialmente giovedì 31 maggio al Cinema Massimo di Torino, dove si è esibito dal vivo, in apertura, il meteorologo Luca Mercalli, nel suo ormai tradizionale appuntamento con “Il punto“, l’annuale rapporto  sullo stato del Pianeta stilato appositamente per il pubblico del Festival. Mercalli si è soffermato, in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende