Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Nitrati: la querelle incompiuta tra agricoltori italiani e Unione Europea:

Nitrati: la querelle incompiuta tra agricoltori italiani e Unione Europea

febbraio 19, 2013 Internazionali, Nazionali, Politiche

I conti non tornano”, tuona Enrico Chiesa, presidente di Confagricoltura Piacenza. E in effetti la partita sulla Direttiva Nitrati che si gioca tra Bruxelles e l’Italia è ancora aperta ed è diventata un terreno di scontro tra gli agricoltori, l’Europa e il Ministero dell’Ambiente.

Con “Direttiva nitrati” si intende la direttiva comunitaria 91/976/CEE, che prevede l’individuazione di zone vulnerabili da nitrati di origine agricola, nelle quali è introdotto il divieto di spargimento dei reflui degli allevamenti oltre il limite massimo annuo di 170 chili di azoto per ettaro, dimezzandoli di fatto rispetto a prima (il limite era 340 kg). Gli agricoltori lamentano il fatto che non saprebbero dove mettere metà dei liquami e del letame prodotti.

Il provvedimento è stato recepito dal nostro Paese col decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 52 e con il decreto ministeriale 7 aprile 2006. Ora, con la legge di stabilità è stato rimandato tutto al 2014 e quindi la direttiva entrerà in vigore tra un anno. E mentre lIspra e i ministeri dell’Ambiente e delle Politiche agricole stanno riperimetrando le zone vulnerabili ai nitrati, l’UE ha indicato all’Italia di applicare alle aree vulnerabili gli stessi limiti di quelle non vulnerabili. Il ministro Corrado Clini, di conseguenza, ha ordinato alle Regioni di applicare la direttiva.

Il fertilizzante organico è finito sotto accusa ingiustamente”, prosegue Chiesa. Il presidente di Coldiretti, Sergio Marini se la prende col ministro, accusandolo di aver invitato le Regioni ad applicare la direttiva senza prima modificare il perimetro delle zone vulnerabili, dicendosi pronto a mettere in campo una task force per monitorare le reali fonti di inquinamento. “Sono molto rammaricato di essere stato tacciato di arroganza dal presidente della Coldiretti, ma la posizione sui nitrati assunta dal governo è un atto dovuto”, taglia corto Clini, che chiarisce:  “Credo che sia interesse delle Regioni adottare, come già fatto dall’Emilia Romagna, misure chiare per rispettare la direttiva senza compromettere la produttività, tutelando le aziende agricole e le loro opportunità di accedere ai fondi UE. Va ricordato che dopo l’approvazione del Parlamento di una norma non coerente con le direttive europee in materia di inquinamento da nitrati, il commissario europeo Janez Potocnik ha scritto una lettera chiedendo all’Italia di dare entro cinque giorni indicazioni sul rispetto della direttiva europea”.

Per Angelo Basile, ricercatore CNR dell’Istituto dei Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo (Isafom), “l’argomento è complesso dal punto di vista della ricerca”, perché “i nitrati intervengono su diverse scale temporali e spaziali, hanno origine agricola, urbana e industriale. Le multe e i costi di smaltimento devono essere pagati da chi inquina, azienda agricola o industria, saperlo è difficile anche perché per capirne l’origine si usano gli isotopi ma è un’analisi costosa”, prosegue il ricercatore. Queste sostanze arrivano al suolo come azoto, come deiezioni animali: “Nella parte più attiva del terreno, a circa un metro, i nitrati entrano in contatto con i microrganismi che si rigenerano ogni mezz’ora, massimo un’ora. Tutto ciò che è prodotto entra nelle trasformazioni del suolo e vengono portate verso il basso, poi, lì le falde sono collegate tra di loro”.

Un fenomeno quindi complesso che difficilmente può essere inquadrato con norme universali, secondo Basile: “La direttiva UE non può stabilire una scala universale, poiché per farlo bisognerebbe prevedere cosa succede nel terreno: fare ricerca sui nitrati è difficile perché prevedere le reazioni è impossibile”. E se qualcuno porta come esempio positivo il caso dell’Olanda, che ha utilizzato liquami e letame come fertilizzante per le floricolture, Basile invita a essere cauti: “Come altri Paesi, l’Olanda ha chiesto una deroga alla direttiva UE per superare il limite dei 170 kg per ettaro dimostrando che non c’erano conseguenze ed è stata accettata. Anche alcune regioni italiane lo hanno fatto, soprattutto nel Nord dove gli allevamenti di bestiame sono più intensivi e quindi inquinano di più”. Il rischio, però, è che il limite imposto dalla UE possa essere devastante per alcune aree e assolutamente inconsistente per altre. “Bisogna trovare un equilibrio tra gli ettari e la quantità di capi. Molto dipende dalle condizioni agricole di un determinato terreno: in inverno, per esempio, o nelle zone più umide come la pianura Padana, la situazione dei nitrati diventa problematica, perché l’acqua provoca una reazione dell’azoto chiamata lisciviazione, ovvero scende più facilmente nel terreno, così come quando si fanno colture intensive e si concima anche d’inverno. È molto rischioso”. E l’Isafom grazie a un finanziamento dell’Europa per i progetti Life, con i quali si chiede di trasferire la conoscenza al territorio, ha creato un sistema web che permette a chiunque, agricoltori e aziende sul territorio, di gestire il proprio territorio, per capire la quantità di nitrati nel terreno.

Marta Rossi

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende