Home » Internazionali »Politiche » No, we couldn’t:

No, we couldn’t

dicembre 19, 2009 Internazionali, Politiche

Barack Obama, Courtesy of Geograficamente.comE’passato poco più di un anno dall’elezione a Presidente degli Stati Uniti di Barack Obama, l’uomo del cambiamento e della speranza, il cui motto “Yes, we can” ha fatto il giro del mondo. Eppure a Copenhagen anche lui ha dovuto indirettamente ammettere di non avercela fatta dichiarando, con la consumata abilità dei politici a “girare la frittata”, che “questa non è la fine del cammino, è solo l’inizio”.  

Ora e nei prossimi giorni molti dei leader politici presenti dovranno ingegnarsi a giustificare, nei rispettivi paesi, l’evidente insuccesso della Conferenza ONU sul Clima – perchè di insuccesso si è trattato.

C’è solo una cosa, tuttavia, peggiore di un accordo debole e insignificante ed è spacciarlo per un buon accordo. Non si deve essere degli psicologi per capire che, nella vita come nel lavoro e nella politica, il primo passo per migliorare è riconoscere l’errore ed applicarsi per evitare di ripeterlo. Ma il rischio che già si palesa è che, dopo due settimane di maxi-conferenza, con 193 Paesi presenti, 110 capi di stato e di governo, 45.000 accreditati (e tonnellate di CO2 emesse nell’atmosfera per organizzarla), si senta l’esigenza di giustificarne comunque l’utilità, parlando di accordo “imperfetto” ma importante, di “intesa“, anche se non vincolante, e avanti così. No, diciamocelo chiaramente: per decidere quello che (non) si è deciso a Copenhagen non era il caso di organizzare un vertice di questa portata e con tali aspettative. Come rilevato già ieri dal delegato del Vaticano, “la montagna ha partorito un topolino”.   

Questi i risultati: nessun target di riduzione obbligatorio delle emissioni; una generica prescrizione a “mantenere l’aumento della temperatura globale entro i 2 gradi”; impegno dei paesi industrializzati a mettere per iscritto entro il 1 febbraio 2010 la riduzione (volontaria) di CO2 nel periodo 2015-2020;azioni di mitigazione in base alle loro specifiche caratteristiche nazionali” per i Paesi in via di sviluppo, con l’impegno biennale a fare rapporto sui risultati degli interventi; stanziamento a breve termine di 30 miliardi di dollari dal 2010 al 2012, per favorire la transizione a tecnologie pulite nei paesi poveri, con l’obiettivo di raggiungere (forse) i 100 miliardi di dollari entro il 2020.  

Cifre che espresse in questo vuoto normativo significano ben poco. Se non forse la ripartizione del cosiddetto fast start, pronto subito: 3,6 miliardi dagli USA, 11 dal Giappone e 10,6 dall’Unione Europea – il padrone di casa del vertice, che voleva fare da apripista e si è visto chiudere sotto il naso il deludente “Copenhagen Accord“ dai meno ambiziosi (e più sbrigativi) USA insieme a Cina, India, Brasile e Sud Africa.

L’astuto Presidente Sarkozy non ha perso stempo a distogliere l’attenzione pubblica dall’insuccesso lanciando la palla avanti: “ci rivedremo fra sei mesi a Bonn per continuare il lavoro”.  

Andrea Gandiglio

Sull’irrilevanza dell’Unione Europea a Copenhagen si veda Enzo Bettiza, “Gattopardi d’Europa“, La Stampa, 19 dicembre 2009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende