Home » Internazionali »Politiche » No, we couldn’t:

No, we couldn’t

dicembre 19, 2009 Internazionali, Politiche

Barack Obama, Courtesy of Geograficamente.comE’passato poco più di un anno dall’elezione a Presidente degli Stati Uniti di Barack Obama, l’uomo del cambiamento e della speranza, il cui motto “Yes, we can” ha fatto il giro del mondo. Eppure a Copenhagen anche lui ha dovuto indirettamente ammettere di non avercela fatta dichiarando, con la consumata abilità dei politici a “girare la frittata”, che “questa non è la fine del cammino, è solo l’inizio”.  

Ora e nei prossimi giorni molti dei leader politici presenti dovranno ingegnarsi a giustificare, nei rispettivi paesi, l’evidente insuccesso della Conferenza ONU sul Clima – perchè di insuccesso si è trattato.

C’è solo una cosa, tuttavia, peggiore di un accordo debole e insignificante ed è spacciarlo per un buon accordo. Non si deve essere degli psicologi per capire che, nella vita come nel lavoro e nella politica, il primo passo per migliorare è riconoscere l’errore ed applicarsi per evitare di ripeterlo. Ma il rischio che già si palesa è che, dopo due settimane di maxi-conferenza, con 193 Paesi presenti, 110 capi di stato e di governo, 45.000 accreditati (e tonnellate di CO2 emesse nell’atmosfera per organizzarla), si senta l’esigenza di giustificarne comunque l’utilità, parlando di accordo “imperfetto” ma importante, di “intesa“, anche se non vincolante, e avanti così. No, diciamocelo chiaramente: per decidere quello che (non) si è deciso a Copenhagen non era il caso di organizzare un vertice di questa portata e con tali aspettative. Come rilevato già ieri dal delegato del Vaticano, “la montagna ha partorito un topolino”.   

Questi i risultati: nessun target di riduzione obbligatorio delle emissioni; una generica prescrizione a “mantenere l’aumento della temperatura globale entro i 2 gradi”; impegno dei paesi industrializzati a mettere per iscritto entro il 1 febbraio 2010 la riduzione (volontaria) di CO2 nel periodo 2015-2020;azioni di mitigazione in base alle loro specifiche caratteristiche nazionali” per i Paesi in via di sviluppo, con l’impegno biennale a fare rapporto sui risultati degli interventi; stanziamento a breve termine di 30 miliardi di dollari dal 2010 al 2012, per favorire la transizione a tecnologie pulite nei paesi poveri, con l’obiettivo di raggiungere (forse) i 100 miliardi di dollari entro il 2020.  

Cifre che espresse in questo vuoto normativo significano ben poco. Se non forse la ripartizione del cosiddetto fast start, pronto subito: 3,6 miliardi dagli USA, 11 dal Giappone e 10,6 dall’Unione Europea – il padrone di casa del vertice, che voleva fare da apripista e si è visto chiudere sotto il naso il deludente “Copenhagen Accord“ dai meno ambiziosi (e più sbrigativi) USA insieme a Cina, India, Brasile e Sud Africa.

L’astuto Presidente Sarkozy non ha perso stempo a distogliere l’attenzione pubblica dall’insuccesso lanciando la palla avanti: “ci rivedremo fra sei mesi a Bonn per continuare il lavoro”.  

Andrea Gandiglio

Sull’irrilevanza dell’Unione Europea a Copenhagen si veda Enzo Bettiza, “Gattopardi d’Europa“, La Stampa, 19 dicembre 2009

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende