Home » Internazionali »Nazionali »Politiche »Rassegna Stampa » Nucleare: sì, no o domani? Il dibattito su Medidea Review:

Nucleare: sì, no o domani? Il dibattito su Medidea Review

Una centrale nucleare, Courtesy of Energia360Nel caos del dibattito sul nucleare, che rischia di rendere difficile la formazione, da parte di ciascuno, di un’idea indipendente e documentata sul tema, segnaliamo ai nostri lettori due interventi antitetici appena pubblicati da Medidea Review, il trimestrale on-line di politica, cultura e idee per il Mediterraneo, che ci sono sembrati particolarmente pacati, sintetici e rappresentativi delle ragioni del pro e del contro.

Il primo intervento, ”No, meglio la quarta generazione“, è di Ermete Realacci, deputato Pd e Presidente Onorario di Legambiente, che illustra, senza pregiudizi e con estrema chiarezza, le motivazioni di chi è contratrio alla costruzione, prevista dal Governo, di centrali nucleari cosiddette di “terza generazione”. Anche tralasciando le questioni sulla sicurezza e sulla gestione delle scorie, sostiene Realacci, un ritorno al nucleare, ad oggi, non è comunque auspicabile in quanto antieconomico e incapace di generare quei benefici (in termini di costi elettrici e di emissioni) che i sostenitori di questa opzione avanzano.

A Realacci risponde il Ministro Claudio Scajola (Pdl), nell’intervento dal significativo titolo “Se lo dice Obama“. Scajola, difensore dell’opzione nucleare, fa infatti riferimento alla scelta del presidente americano Barack Obama - da molti considerato uno dei principali fautori della green economy - di avviare negli Stati Uniti due nuove centrali nucleari, dopo uno stallo durato trent’anni (scelta per altro criticata da suoi sostenitori come Jeremy Rifkin Woodrow Clark). Scajola fa leva sull’esigenza, per mantenere una competitività industriale del paese, di disporre di energia a costi allineati con quelli del resto d’Europa, mentre in Italia attualmente sono del 30% più alti. Ma non solo. Secondo la maggior parte dei medici, sostiene Scajola (che cita l’oncologo Umberto Veronesi), i rischi per la salute umana della produzione di energia attraverso la tecnologia nucleare sono nettamente inferiori alle fonti fossili, principale causa dell’inquinamento atmosferico, che genera il 4% dei tumori.

Comunque la si pensi un tema così complesso e delicato merita una seria ed attenta riflessione.

Andrea Gandiglio

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

novembre 21, 2019

Canapa Expo: una vetrina a 360° su un settore in crescita costante

Al via venerdì 22 novembre la seconda edizione di Canapa Expo presso il Parco Esposizioni Novegro a Milano. Centinaia di espositori e professionisti da Italia, Spagna, Germania, Danimarca, Svizzera e Paesi Bassi saranno a disposizione di famiglie, appassionati, curiosi, addetti ai lavori, medici e scienziati con migliaia di prodotti, sevizi e informazione per raccontare a 360° un settore che, complessivamente, si stima in crescita, al 2025, a 146 miliardi di dollari di [...]

Ecomondo 2019 apre nel segno del “Green New Deal”

novembre 5, 2019

Ecomondo 2019 apre nel segno del “Green New Deal”

Perché si realizzi davvero un Green New Deal serve cambiare marcia, in tutto il mondo. Sarà questo il messaggio diffuso alla Fiera di Rimini, dove Italian Exhibition Group, dal 5 all’8 novembre, organizza Ecomondo 2019 la grande piattaforma fieristica dedicata alla circular economy, affiancata da Key Energy il salone delle energie rinnovabili, dal biennale Sal.Ve. salone [...]

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende