Home » Nazionali »Politiche » Obiettivo defiscalizzazione e riconversione del territorio. Intervista a Angelo Bonelli:

Obiettivo defiscalizzazione e riconversione del territorio. Intervista a Angelo Bonelli

gennaio 22, 2013 Nazionali, Politiche

In vista delle elezioni 2013 di febbraio proseguono le interviste di Greenews.info a politici e amministratori, per cercare di comprendere, quali siano i programmi più concreti e credibili a favore dell’ambiente e della green economy.

Prendiamo atto della pressoché totale espulsione degli ecologisti dall’alleanza Pd-Sel, a partire dalle candidature che il maggior partito del centro-sinistra ha presentato”. Angelo Bonelli, presidente della Federazione dei Verdi Italiani, è lapidario nel ribadire la tesi già formulata, pochi giorni fa, di fronte al Consiglio Federale Nazionale, occasione in cui è stata ufficializzata l’adesione al movimento Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia.

La relazione di Bonelli è stata votata all’unanimità dal Consiglio, insieme alle seguenti richieste: quella di sostituire il colore nero della scritta “INGROIA” con il colore verde; quella di integrare il programma del procuratore aggiunto di Palermo (in aspettativa per motivi elettorali) con l’idea di una conversione ecologica complessiva della società; infine, quella di costruire liste equilibrate, formate da persone competenti provenienti dalla “società civile” e dalle forze politiche, e caratterizzate dalla parità di genere.

Oggi sappiamo che almeno l’ultima delle tre proposte avanzate dai Verdi è rimasta inevasa, considerata la prevalenza, nella lista arancione, di candidati indicati da partiti, tutti a rischio estinzione o già estinti (i comunisti di Diliberto, l’Idv di Di Pietro, i rifondaroli di Prc). Per usare le parole di Luigi De Magistris, il sindaco di Napoli (che comunque continua ad appoggiare Rivoluzione Civile), “la lista non è stata rivoluzionaria”.

D) Bonelli, accanto all’assenza di candidati provenienti dalla tradizione ambientalista (escluso Realacci), cosa non le va a genio delle scelte fatte dal Partito Democratico e dal centro-sinistra in vista dell’appuntamento elettorale?

R) Certamente l’impostazione generale, di non aver voluto aprire il confronto sullo stop al cemento e sulla lotta al consumo del suolo e al dissesto idrogeologico, sull’archiviazione di opere inutili che producono debito come la Tav in Val di Susa per aumentare il trasporto pubblico nelle città e per i pendolari, sulla lotta all’inquinamento e la conversione ecologica dell’economia. In sintesi, Pd e Sel hanno scelto di escludere la questione ecologica dalla loro agenda.

D) Non è un po’ presto per stabilirlo?

R) Affatto, osserviamo i fatti: il Pd ha compiuto scelte politiche che vanno nella direzione dell’assoluta eco-indifferenza. Anche l’apertura ai centristi di Monti è significativa: perché dovrebbero allearsi dopo e non l’hanno fatto, invece, prima? Io leggo in quest’impostazione una logica sviluppista che è la stessa che privilegia scelte energetiche del passato – quelle che ancora contemplano carbone e petrolio e marginalizzano le fonti rinnovabili – quelle che ignorano i processi di innovazione di processo e di prodotto su cui gli altri paesi, oramai, puntano da anni…e poi c’è l’affaire Ilva, occorre aggiungere altro?

D) Nel 2012, lei si è candidato a sindaco di Taranto, arrivando al terzo posto dopo il sindaco uscente e il candidato del centrodestra e prendendo il 12% di preferenze: come se lo spiega?

R) Sono comunque consigliere comunale a Taranto e capogruppo dei Verdi: in una delle città più inquinate d’Europa, ha molto senso. La tragedia di Taranto, dove, come si legge nelle carte della Procura, ci si ammala e si muore a causa dell’inquinamento non interessa a questa politica e i Verdi non possono stare in silenzio e non far nulla. Sull’emergenza sanitaria e ambientale di Taranto stiamo assistendo alla fiera dell’ipocrisia della politica, che in questi anni e’ stata in silenzio e connivente con chi ha inquinato. Il governatore Vendola è colui che in Puglia non ha fatto nulla su Ilva: lui ha gravi responsabilità. Possibile che ci fosse bisogno dell’intervento della magistratura per portare a galla cose che lui in 10 anni alla presidenza della Regione non ha visto?

D) E’questa la ragione per cui ha avviato un processo politico di creazione di un nuovo movimento ecologista in Italia? Lei è stato il primo proponente della Costituente Ecologista, sentiva il bisogno di un soggetto “alternativo”?

R) Assolutamente sì. La cultura ecologista, quella che contraddistingue i Verdi, è sì vicina alla sinistra, ma se questa sbaglia, non possiamo non denunciarlo, perché attiene alla stessa visione strategica della società e dell’economia che vorremmo costruire. La vicenda di Taranto, in fondo, cosa ci suggerisce? Che in questo Paese non c’è una cultura ecologista, non esiste una strategia di cambiamento dei processi industriali: quella che c’è in Germania, ed è stata evidente per la trasformazione del bacino Ruhr; che c’è a Bilbao dove un polo industriale e inquinante è stato poi riconvertito ed è diventato uno snodo turistico fondamentale; che c’è in Pennsylvania, ex città dell’acciaio e ora della new economy.

D) Quali sono le priorità dei Verdi all’interno della proposta politica di Rivoluzione Civile?

R) La nostra è una scelta civica che riguarda tutti e che mette al centro legalità, lotta alla corruzione e al professionismo della politica, e il nostro ruolo è in chiave di modernizzazione e di cambiamento. I primi obiettivi sono la defiscalizzazione e la creazione di “aree no tax” e una riconversione territoriale e urbanistica.

D) Alcuni giorni fa il decreto del ministro Clini ha stabilito che i rifiuti di Roma devono essere trattati dagli impianti del territorio. È possibile? Cosa pensa di questa decisione?

R) Penso che fino a quando il governo non farà investimenti in raccolta differenziata, non realizzerà impianti di compostaggio che separino il secco dall’umido, non compierà scelte per la riduzione dei rifiuti, a Roma la situazione non cambierà. Il problema delle risorse che mancano esiste ma è secondario, perché innanzi tutto manca la volontà politica: anche quando le risorse c’erano, non è stato fatto nulla e infatti l’unico che si è avvantaggiato da questo immobilismo della politica è stato il monopolista della gestione rifiuti.

D) Mi dica come possono tradursi le priorità dei Verdi in concrete politiche sul territorio.

R) Innanzi tutto, l’economia deve essere reimpostata in rapporto ai temi ecologici, devono essere fatti investimenti in trasporti pubblici, occorre dichiarare guerra al consumo del suolo, prendere le risorse dalle opere inutili, dire un no definitivo alla Tav in Val di Susa e al ponte sullo Stretto di Messina. E poi convincersi che non c’è ecologia se non c’è ecologia sociale, un cambiamento interiore che si traduce all’esterno in politiche concrete.

D) Cos’è per Angelo Bonelli la “green economy”?

R) È una visione di società diversa, all’interno della quale ci siano più democrazia, una redistribuzione delle risorse, una migliore qualità della vita, un lavoro duraturo e la totale assenza di fonti fossili.

Ilaria Donatio

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende