Home » Internazionali »Politiche »Rassegna Stampa » L’Unione Europea apre agli OGM:

L’Unione Europea apre agli OGM

OGM, Courtesy of IlSerpentediGaleno.comUna moratoria che resisteva in Europa dal 1998. E che ora ce l’ha fatta a cadere, scatenando in tutta la UE un coro di proteste bipartisan, dalle forze politiche, alle associazioni, ai privati. E’ di ieri infatti la notizia che la Commissione europea ha dato il via libera alla coltivazione delle colture di tipo Ogm (Organismi Geneticamente Modificati). Tutto è avvenuto a tempo di record: il Commissario alla Salute John Dalli ha annunciato che sarà possibile, dalla prossima estate, la semina della patata transgenica ‘Amflora’ (commercializzata dalla multinazionale tedesca Basf) che servirà a produrre carta, mangimi ed altri tre mais transgenici, destinati ad essere impiegati nell’alimentazione umana e animale.

Un provvedimento che ha creato imbarazzo anche tra gli stati membri dell’Unione, che restano, per il momento, solo 6 su 27 ad aver aperto le porte alla coltivazione degli Ogm. Primi fra tutti Repubblica Ceca e Germania, dove i contratti tra industria e produttori sono in via di definizione. E poi Spagna, Romania, Polonia, Slovacchia e Portogallo, mentre dal 2011 dovrebbero iniziare anche Olanda e Svezia. Irremovibili gli altri: Francia e Italia si sono già pronunciati con un secco no, pensando addirittura a un referendum per far valere la clausola di salvaguardia del proprio prodotto agricolo.

Bruxelles, dal canto suo, rassicura: la “superpatata” autorizza la coltivazione a fini industriali (per la produzione di carta o mangimi animali). Questo per poter garantire una netta separazione, in qualsiasi momento dei cicli produttivo e distributivo, tra Amflora e le patate non Ogm destinate all’alimentazione. Il senso è, insomma, che non ci troveremo a mangiare Ogm.  

Prima di Amflora si contano già alcuni precedenti: in passato era stato autorizzato il mais ‘Mon 810′ (che tra poco necessita di un rinnovo), mentre rimangono ancora da decidere le autorizzazioni per altri tre (il mais BT11 della Syngenta, il 1507 della Pioneer, l’Nk603 della Monsanto).

Anche organizzazioni nazionali, come Confagricoltura in Italia, invitano ad aprire gli occhi nei confronti di quella che secondo loro è un’inutile demonizzazione: “da anni i mangimi degli allevamenti, da cui nascono le nostre migliori produzioni alimentari, contengono vegetali transgenici – dicono in una nota – e finora nessuno se n’è accorto né ha fatto polemica“. Rincarano la dose, aggiungendo come gli “organismi biotech sono componente essenziale della dieta quotidiana in tutti gli allevamenti nazionali, compresi quelli delle filiere simbolo del Made in Italy, dal Parmigiano al prosciutto San Daniele”. Un rovescio della medaglia troppo spesso taciuto, a detta loro, che “potrebbe invece dare una mano decisiva in molti comparti produttivi che risentono oggi della crisi”.

Ma dallo stesso Europarlamento le reazioni al provvedimento sono state gelide. E repentine. I più decisi oppositori all’ingresso della patata Amflora sono i Verdi. Ma anche molti esponenti del Ppe hanno espresso perplessità sulla fine della moratoria. Accusano la Commissione di “cedere alle esigenze delle multinazionali”. Considerando per giunta che alcune ricerche sembrano mettere in allerta sul pericolo prodotto dall’amido di Amflora: alcune ricerche dicono che contiene un gene marker resistente alla kanamicina e alla neomicina, due antibiotici molto rilevanti per la salute umana (ad esempio per la cura della tubercolosi). “Ancora non si conosce se e quanto sia pericolosa – ha osservato il segretario nazionale dei Verdi Cecile Duflot. Ci sono degli studi sui topi, che hanno rilevato conseguenze negative sul fegato, ma questi lavori scientifici vanno comunque approfonditi prima di mettere la patata sul mercato”.

La circospezione è molta. Tanto che in Italia si è alzato subito un muro da parte del governo, assolutamente contrario a qualsiasi forma di compromesso sugli Ogm. “Il rischio di contaminazione con i prodotti che finiscono sulle nostre tavole è troppo alto – afferma il ministro dell’agricoltura Luca Zaia – è inevitabile che l’utilizzo di Ogm intacchi l’intera catena alimentare ripercuotendosi anche sul benessere dell’uomo. Dobbiamo salvaguardare il futuro nostro e quello dei nostri figli”. Conclude dicendo: “non escludo un referendum perché anche la questione dei profitti è molto dubbia: non è vero che i contadini che producono Ogm guadagnino di più. Chiedetelo a un agricoltore Usa che coltiva Ogm, direbbe che fa fatica a sbarcare il lunario.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

febbraio 24, 2017

Officinae Verdi e Manni Group lanciano GMH4.0, soluzione per il “green social housing”

In Italia oltre la metà del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, circa 500.000 alloggi, è classificato ad elevato consumo energetico (classi E, F e G): per questo motivo le famiglie che vi abitano spendono oltre il 10% del loro reddito per elettricità e gas, a causa della bassa efficienza e di uno dei costi energetici [...]

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

febbraio 23, 2017

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di [...]

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

febbraio 23, 2017

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

Tecnologie e progetti innovativi a forte impatto sociale o ambientale. Queste le soluzioni social venture per un’economia sostenibile, presentate in occasione della nona edizione italiana della Global Social Venture Competition (GSVC), premio internazionale ideato dall’Università di Berkeley (Usa) per favorire e sviluppare le idee imprenditoriali destinate a questo settore. L’evento, ospitato presso il Centro Convegni [...]

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

febbraio 23, 2017

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

Bicincittà, il più esteso network di bike sharing italiano (con oltre 110 comuni serviti) aderisce anche quest’anno alla campagna M’Illumino di Meno di Caterpillar-RAI Radio 2, in programma per venerdì 24 febbraio. BicinCittà, per questa edizione, ha  pensato  ad  un’originale  iniziativa  collaterale per sostenere in maniera più efficace la campagna: l’abbonamento sospeso. Così come a Napoli è [...]

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

febbraio 21, 2017

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

L’«alba di una nuova rivoluzione agricola»  è  lo slogan scelto dalla terza edizione di Biogas Italy, l’evento annuale del CIB, Consorzio Italiano Biogas, che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio allo Spazio Nazionale Eventi del Rome Life Hotel. L’evento, promosso in collaborazione con Ecomondo Key Energy, ospiterà gli “Stati Generali del Biogas e [...]

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende