Home » Nazionali »Politiche » Orsetto o scherzetto? I Verdi protestano contro la lista-civetta:

Orsetto o scherzetto? I Verdi protestano contro la lista-civetta

aprile 30, 2014 Nazionali, Politiche

Nel mese finale di campagna elettorale per le prossime elezioni europee e regionali del 25 maggio ecco che si ripresenta il film (già visto) delle liste civetta, i simboli quasi clonati e i nomi dalla pronuncia praticamente indistinta.

A farne le spese sono, questa volta, i candidati ambientalisti. Per questo lunedì sono state annunciate, davanti alla Prefettura di Torino, da Angelo Bonelli, portavoce per la Federazione dei Verdi, e da Oliviero Alotto, capolista di Green Italia per il Nord Ovest, le due azioni legali presentate contro la Lista dei Verdi-Verdi di Maurizio Lupi, che correrà alle regionali piemontesi con la coalizione di centrodestra di Gilberto Pichetto.

Usare la dicitura dei Verdi e abusare della loro storia è una cosa scandalosa - commenta Bonelli - e per contrastare questa farsa abbiamo deciso di fare una richiesta di risarcimento di un milione di euro in sede civile” per i danni di immagine che questa vicenda sta procurando, visto che la Federazione dei Verdi non ha nulla a che vedere con la formazione schierata nel centrodestra. Sarà consegnato anche un esposto al procuratore generale Marcello Maddalena, per verificare presunte voci di proposte di compravendita del marchio. “È importante garantire la democrazia e il rispetto dei diritti di tutti i cittadini votanti, che in questo modo rischiano di essere confusi e di cadere in inganno”.

È vero che le due liste si presentano su schede diverse, i Verdi Verdi di Lupi per le regionali e Green Italia solo per le europee (“perché - commenta Roberto Della Seta, fondatore di Green Italia - non c’erano le condizioni politiche per un’alleanza con il centrosinistra per le regionali”), ma il problema rimane, soprattutto in una regione già sconvolta dall’annullamento delle precedenti elezioni per una triste vicenda di firme false. “Quella che doveva essere l’occasione per chiudere un momento buio della politica piemontese – prosegue Della Seta – si ripresenta sotto le stesse insegne” di confusione e polemica.

E’di lunga data, del resto, la creatura di Lupi che proprio ieri ricordava, in risposta all’attacco della Federazione dei Verdi, di aver registrato il marchio ormai nel lontano 1991. Eppure, appena una settimana fa, l’Ufficio Elettorale Nazionale presso la Suprema Corte di Cassazione ha ribadito la sentenza del 2006, che chiariva l’appartenenza della parola “Verdi” alla sola Federazione dei Verdi e l’utilizzo illegittimo da parte di altri soggetti. Proprio perché a tutti i gradi di giudizio sono sempre state riconosciute le ragioni della Federazione dei Verdi, “ci scandalizza che il Consiglio regionale del Piemonte abbia potuto autorizzare la costituzione di un gruppo che utilizzasse tale dicitura”, spiegano i promotori dell’iniziativa di protesta.

Ma è possibile che ancora oggi, dopo tutti gli scandali e la disaffezione verso la politica, si faccia affidamento sull’errore dell’elettorato? Ed è possibile che quell’errore cavalchi sempre più temi “sensibili” come quelli dell’ambiente? A questo punto, a prescindere dai contenuti di programma di uno e dell’altro, avrebbe senso regolamentare in modo più chiaro la verifica sull’ammissibilità o meno delle liste, dei simboli e delle diciture. Sarebbe importante mettere a disposizione dei cittadini strumenti puliti e limpidi, indiscutibili, per esercitare il proprio diritto politico e di voto, senza rischiare – neanche in buona fede – che la scelta possa essere causata da un errore e quindi essere contestabile. O la chiarezza, al contrario, non è quello che cerca la politica “alla vecchia maniera”?

In realtà una soluzione sembra molto difficile o per lo meno lontana, nonostante le dichiarazioni e le proteste, sia a livello nazionale che regionale, dei vari candidati da una sponda all’altra (è di qualche giorno fa la dichiarazione dell’assessore alla cultura della Regione Piemonte Michele Coppola del Nuovo Centrodestra, che valuta indispensabile e urgente intervenire contro “i professionisti dell’imbroglio”). Ancora poche settimane fa l’Aula della Camera, infatti, ha salvato le liste civetta bocciando l’emendamento presentato da Renato Balduzzi di Scelta Civica, che chiedeva di assegnare alla coalizione solo i voti delle liste collegate che avessero raggiunto a livello nazionale almeno l’1% dei voti validi espressi.

Poco meglio, eccetto qualche eccezione, a livello locale. La Regione Piemonte si rifà all’articolo 9  della legge 108/1968 che non ammette la presentazione di contrassegni usati da altri partiti o raggruppamenti presentati in precedenza; in Friuli Venezia Giulia, l’articolo  30 della legge regionale 19/2013 entra più nello specifico e definisce che, pena rifiuto, il contrassegno “non deve essere identico o confondibile con quelli già presentati o notoriamente usati da altri partiti o gruppi politici. A tal fine costituiscono elementi di confondibilità, congiuntamente o isolatamente considerati, oltre alla rappresentazione grafica e cromatica generale, i simboli riprodotti, i singoli dati grafici, le espressioni letterali, le parole e le immagini che siano elementi di qualificazione degli orientamenti o fini politici del partito o gruppo politico di riferimento, anche se in diversa composizione o rappresentazione grafica”. La Regione Marche nel dicembre 2004 ha approvato, proprio su proposta dei Verdi, un articolo che considera inammissibili contrassegni elettorali confondibili con quelli di forze politiche già presenti in Consiglio Regionale o in Parlamento nazionale e europeo. Non saranno accettati quindi simboli, elementi grafici e denominazioni simili a quelli già registrati: per evitare ogni dubbio e prevenire i malintesi. “Alle elezioni europee (del 2004, ndr) solo nelle Marche la lista dei Verdi Verdi ha raccolto circa 600 voti con il mio nome come preferenza“, dichiarava Marco Moruzzi, allora capogruppo dei Verdi in Consiglio Regionale. “Elettori che evidentemente pensavano di dare il loro voto alla lista della Federazione dei Verdi. Uno scherzetto che a livello nazionale ci è costato un seggio in meno al Parlamento europeo”. E il caos continua.

E in Piemonte intanto si aspetta venerdì alle ore 15, giorno in cui il Tribunale amministrativo ha fissato l’udienza per la trattazione dei cinquanta ricorsi presentati in questi ultimi giorni contro le varie liste per la competizione regionale. Tutti contro tutti, insomma. Unico consiglio per gli elettori: informatevi, guardate e leggete bene cosa state votando!

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende