Home » Nazionali »Politiche » Ostaggi dello smog: l’appello del WWF per provvedimenti strutturali:

Ostaggi dello smog: l’appello del WWF per provvedimenti strutturali

ottobre 20, 2017 Nazionali, Politiche

Di fronte allo sforamento di tutti i limiti degli inquinanti in molte città il WWF sottolinea come sia oltremodo necessario, ormai, che le istituzioni locali, regionali e nazionali agiscano con provvedimenti urgenti ma strutturali, non solo contingenti.

“È certamente positivo, oltreché necessario dare consigli ai cittadini e porre limiti temporanei alla mobilità – scrive in un comunicato l’associazione ambientalista - ma la vera questione è che sono anni che non ci si occupa più in modo serio di intervenire sulle fonti di inquinamento. Sappiamo bene che la responsabilità per questa situazione è del traffico su gomma, dell’uso degli inquinanti in agricoltura e degli allevamenti, delle centrali a carbone, dei riscaldamenti (anche se oggi ancora spenti, per lo più): occorre ridurre l’inquinamento proveniente da tutte queste attività, non c’è più tempo per rinvii”.

Il piano di decarbonizzazione, che il nostro Paese deve varare, potrebbe essere, secondo il WWF, una buona occasione per intervenire con una visione unica e non solo settoriale: abbattere la CO2 “killer del clima”, infatti, servirebbe anche ad eliminare contemporaneamente altri inquinanti che arrecano enormi danni diretti alla salute. “Sono decenni – prosegue la nota – che le istituzioni a tutti i livelli sembrano avere scarso interesse per il traffico urbano e lo sposatamento di persone e merci”.

Il settore della distribuzione merci ha avuto, al contrario, una quasi completa deregulation negli anni, con il rischio che le città “smart” del futuro non traggano nessuno dei possibili benefici dalla rivoluzione tecnologica, ma anzi aumentino il caos e l’inquinamento. “Dal governo alle regioni, passando per i comuni, mai come oggi le parole d’ordine devono essere visione e azione“, conclude il WWF.

Intanto a Torino, una delle città italiane in cui il problema dello smog è storicamente più grave – e dove l’altro ieri il livello di concentrazione delle polveri sottili (PM10) è schizzato a 114 microgrammi per metro cubo (più del doppio del valore limite, fissato a 50 microgrammi) – l’Assessorato all’Ambiente ha invitato i cittadini ad adottare una serie di precauzioni a tutela della propria salute. L’assessore Alberto Unia ha infatti consigliato di evitare attività fisica intensa e prolungata all’aperto – in particolare per gli anziani, i bambini e i soggetti con patologie cardiorespiratorie. L’invito è quello di rimanere il più possibile in ambienti chiusi, evitando anche di aprire porte e finestre. Qualora invece ci si debba spostare a piedi o in bicicletta, l’esortazione è a farlo per il più breve tempo possibile muovendosi lontano dalle vie più trafficate. Una situazione gravissima, in cui il cittadino è – letteralmente – ostaggio dello smog.

Per contrastare questa situazione il capoluogo piemontese ha iniziato, da alcuni mesi, a lavorare sulla diffusione della mobilità elettrica, promuovendo la crescita della rete di ricarica. Proprio a partire dal 16 ottobre, il circuito è stato infatti allargato alle 230 colonnine del car sharing privato di Bluetorino, che svilupperà progressivamente il servizio, fino a 500 unità di ricarica sul territorio cittadino.

“Un’ampia rete di punti per la ricarica – ha spiegato l’Assessore ai Trasporti e alla Viabilità, Maria Lapietra - costituisce un requisito indispensabile per favorire lo sviluppo della mobilità elettrica. Con a disposizione altre 230 colonnine in varie zone della città, i possessori di auto elettriche potranno rifornirsi in modo più facile e veloce. Torino si può oggi considerare come uno dei centri urbani del nostro Paese più attrezzati per incentivare l’uso di mezzi a basso o nullo impatto ambientale. Una condizione che, già in futuro prossimo, potrà portare benefici alla qualità dell’aria e, più in generale, a quella della vita in città.

Redazione Greenews.info

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende