Home » Idee »Nazionali »Politiche » Parchi e green economy: l’appello del Gruppo di San Rossore alla politica:

Parchi e green economy: l’appello del Gruppo di San Rossore alla politica Top Contributors

ottobre 10, 2012 Idee, Nazionali, Politiche

Il dibattito sui parchi e le aree protette, iniziato male proprio nel ventennale della legge quadro non è mai decollato, avvitandosi rovinosamente tra provvedimenti penalizzanti e paralizzanti e  ipotesi ora cervellotiche ora confuse.

Se una cosa in tanto bailamme ha avuto conferma è che la legge del ‘91 con i guai delle nostre aree protette non c’entra affatto. C’entra invece e nemmeno poco la sua pessima e  quasi sempre assente gestione ministeriale. Una latitanza che ha favorito e incoraggiato anche le Regioni, incluse quelle con alle spalle le tradizioni e i risultati più significativi, ad una gestione che sta producendo esiti allarmanti un po’ dappertutto, come abbiamo potuto verificare nell’incontro nazionale di settembre a Pisa, promosso dal Gruppo di San Rossore.

In alcuni incontri più recenti, che hanno impegnato i parchi e le associazioni ambientaliste,  si è tornati a discutere del ruolo  dei parchi che richiederebbe – per taluni – di essere riconsiderato e rivisto profondamente e ci si è inoltre chiesti se i parchi sono green economy. Vediamo come i due aspetti sono connessi e perché possono rischiare di portarci di nuovo fuori strada.

Intanto la domanda non è se i parchi sono economia verde, ma se questa aiuta e in che modo i compiti dei parchi. E’ chiaro che un’ economia che non produca i disastri dell’ILVA non può che favorire l’impegno e l’iniziativa dei parchi e non perché l’economia verde non abbia implicazioni ambientali, anche delicate, sotto il profilo del paesaggio e dell’uso dei territori, specie agricoli e forestali, ma in ragione di un prevedibile e auspicabile  minore impatto ambientale rispetto a quello che a suo tempo ha avuto, ad esempio, l’agricoltura.

Non cambia dunque la missione dei parchi, ma il contesto entro cui essa deve svolgersi e attuarsi. Ecco perché parlare di revisione profonda della ruolo  delle aree protette, come si è fatto in un recente incontro in Abruzzo, rischia di creare pericolosi equivoci e ambiguità. Del resto, che, sulla base di questa esigenza,  fosse venuta la proposta di allargare la rappresentanza negli enti parco a talune categorie, come gli agricoltori, non sorprende perché essa incide non poco sui compiti dei parchi. Li snatura perché essi non sono rivolti a settori o specifici ambiti, ma in virtù di due articoli della Costituzione – il 9 e il 38 – devono assicurare ai cittadini – e non alle categorie – un ambiente bello, sano e usufruibile. Le attività molteplici e variegate che si svolgono all’interno di un territorio protetto – e non solo quelle economiche – devono, oggi come ieri, conformarsi a quei principi e valori a cui è preposto il parco. Non è certo un caso che dei parchi si sia parlato come  laboratori e anche come palestra per politiche ambientali in grado non solo di garantire beni comuni ai cittadini, ma anche di coinvolgerli in questo disegno.

Insomma, non è il parco che deve dare garanzie alla economia verde, ma proprio il contrario. Ed è per questo che l’ente parco è composto da rappresentanze istituzionali  e culturali. Si tratta dell’unico caso in cui una competenza ambientale fondamentale  è affidata ad un soggetto espressione della filiera istituzionale, che non ha riscontri  neppure nei comparti affini e fondamentali come il suolo e il paesaggio. Tanto è vero che, in carenza della legge quadro le Regioni, non potendo ricorrere all’ente poi previsto dalla 394, ricorsero a soggetti come i consorzi che però, per legge, erano preposti non a gestire nuove competenze ma competenze ‘vecchie’, ma in maniera collegiale. Tanto che, in caso di scioglimento, queste competenze ritornavano senza morti e feriti alle rispettive case madri. Il parco no, perché esso non gestisce in maniera collegiale competenze dei comuni o delle province e neppure delle Regioni, ma competenze ‘aggiuntive’ per tutti e per di più in maniera integrata – vedi il rapporto terra-mare.

Qui non c’è nulla da cambiare, neppure se si mette mano – come si è già cominciato a fare – alla riduzione delle rappresentanze negli enti parco, ciò non deve tuttavia alterare e compromettere questa peculiarità istituzionale e culturale delle nostre aree protette. E non è certamente un caso che questa deriva dei parchi coincida con lo scombussolamento in atto del nostro assetto istituzionale, compreso ora quello regionale dopo le comunità montane e ancor più le province, che sta rimettendo in discussione il titolo V della Costituzione rimasto – e anche questo non per caso – del tutto ignorato specialmente dal Ministero dell’Ambiente, come già aveva fatto, disinvoltamente, anche con il Decreto Bassanini.

Ora, che su questo sfondo, per niente rassicurante, la politica brilli per la sua latitanza e inadempienza è oggi fuor di dubbio. Nell’incontro di fine settembre in San Rossore la politica non ne è uscita bene ed è per questo che come Gruppo vorremmo, proprio in questa direzione, riuscire a far sentire la voce di chi dalle istituzioni e dalle forze politiche si aspetta meno porcate e più impegni seri e chiari.

Renzo Moschini*

* Coordinatore del Gruppo di San Rossore per il rilancio dei parchi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende