Home » Idee »Nazionali »Politiche » Parchi e green economy: l’appello del Gruppo di San Rossore alla politica:

Parchi e green economy: l’appello del Gruppo di San Rossore alla politica Top Contributors

ottobre 10, 2012 Idee, Nazionali, Politiche

Il dibattito sui parchi e le aree protette, iniziato male proprio nel ventennale della legge quadro non è mai decollato, avvitandosi rovinosamente tra provvedimenti penalizzanti e paralizzanti e  ipotesi ora cervellotiche ora confuse.

Se una cosa in tanto bailamme ha avuto conferma è che la legge del ‘91 con i guai delle nostre aree protette non c’entra affatto. C’entra invece e nemmeno poco la sua pessima e  quasi sempre assente gestione ministeriale. Una latitanza che ha favorito e incoraggiato anche le Regioni, incluse quelle con alle spalle le tradizioni e i risultati più significativi, ad una gestione che sta producendo esiti allarmanti un po’ dappertutto, come abbiamo potuto verificare nell’incontro nazionale di settembre a Pisa, promosso dal Gruppo di San Rossore.

In alcuni incontri più recenti, che hanno impegnato i parchi e le associazioni ambientaliste,  si è tornati a discutere del ruolo  dei parchi che richiederebbe – per taluni – di essere riconsiderato e rivisto profondamente e ci si è inoltre chiesti se i parchi sono green economy. Vediamo come i due aspetti sono connessi e perché possono rischiare di portarci di nuovo fuori strada.

Intanto la domanda non è se i parchi sono economia verde, ma se questa aiuta e in che modo i compiti dei parchi. E’ chiaro che un’ economia che non produca i disastri dell’ILVA non può che favorire l’impegno e l’iniziativa dei parchi e non perché l’economia verde non abbia implicazioni ambientali, anche delicate, sotto il profilo del paesaggio e dell’uso dei territori, specie agricoli e forestali, ma in ragione di un prevedibile e auspicabile  minore impatto ambientale rispetto a quello che a suo tempo ha avuto, ad esempio, l’agricoltura.

Non cambia dunque la missione dei parchi, ma il contesto entro cui essa deve svolgersi e attuarsi. Ecco perché parlare di revisione profonda della ruolo  delle aree protette, come si è fatto in un recente incontro in Abruzzo, rischia di creare pericolosi equivoci e ambiguità. Del resto, che, sulla base di questa esigenza,  fosse venuta la proposta di allargare la rappresentanza negli enti parco a talune categorie, come gli agricoltori, non sorprende perché essa incide non poco sui compiti dei parchi. Li snatura perché essi non sono rivolti a settori o specifici ambiti, ma in virtù di due articoli della Costituzione – il 9 e il 38 – devono assicurare ai cittadini – e non alle categorie – un ambiente bello, sano e usufruibile. Le attività molteplici e variegate che si svolgono all’interno di un territorio protetto – e non solo quelle economiche – devono, oggi come ieri, conformarsi a quei principi e valori a cui è preposto il parco. Non è certo un caso che dei parchi si sia parlato come  laboratori e anche come palestra per politiche ambientali in grado non solo di garantire beni comuni ai cittadini, ma anche di coinvolgerli in questo disegno.

Insomma, non è il parco che deve dare garanzie alla economia verde, ma proprio il contrario. Ed è per questo che l’ente parco è composto da rappresentanze istituzionali  e culturali. Si tratta dell’unico caso in cui una competenza ambientale fondamentale  è affidata ad un soggetto espressione della filiera istituzionale, che non ha riscontri  neppure nei comparti affini e fondamentali come il suolo e il paesaggio. Tanto è vero che, in carenza della legge quadro le Regioni, non potendo ricorrere all’ente poi previsto dalla 394, ricorsero a soggetti come i consorzi che però, per legge, erano preposti non a gestire nuove competenze ma competenze ‘vecchie’, ma in maniera collegiale. Tanto che, in caso di scioglimento, queste competenze ritornavano senza morti e feriti alle rispettive case madri. Il parco no, perché esso non gestisce in maniera collegiale competenze dei comuni o delle province e neppure delle Regioni, ma competenze ‘aggiuntive’ per tutti e per di più in maniera integrata – vedi il rapporto terra-mare.

Qui non c’è nulla da cambiare, neppure se si mette mano – come si è già cominciato a fare – alla riduzione delle rappresentanze negli enti parco, ciò non deve tuttavia alterare e compromettere questa peculiarità istituzionale e culturale delle nostre aree protette. E non è certamente un caso che questa deriva dei parchi coincida con lo scombussolamento in atto del nostro assetto istituzionale, compreso ora quello regionale dopo le comunità montane e ancor più le province, che sta rimettendo in discussione il titolo V della Costituzione rimasto – e anche questo non per caso – del tutto ignorato specialmente dal Ministero dell’Ambiente, come già aveva fatto, disinvoltamente, anche con il Decreto Bassanini.

Ora, che su questo sfondo, per niente rassicurante, la politica brilli per la sua latitanza e inadempienza è oggi fuor di dubbio. Nell’incontro di fine settembre in San Rossore la politica non ne è uscita bene ed è per questo che come Gruppo vorremmo, proprio in questa direzione, riuscire a far sentire la voce di chi dalle istituzioni e dalle forze politiche si aspetta meno porcate e più impegni seri e chiari.

Renzo Moschini*

* Coordinatore del Gruppo di San Rossore per il rilancio dei parchi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende