Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Pecoraro Scanio sull’Onda Verde: “Oggi si deve lavorare sui temi ecologisti più che sulle logiche di partito”:

Pecoraro Scanio sull’Onda Verde: “Oggi si deve lavorare sui temi ecologisti più che sulle logiche di partito”

maggio 28, 2019 Internazionali, Nazionali, Politiche

L’Onda Verde dei partiti ecologisti sembra aver travolto, nelle ultime elezioni, gran parte dei paesi del Nord Europa, dall’Olanda, al Belgio, all’Irlanda, con le punte di Germania e Francia, dove i “Grünen” sono diventati il secondo partito (20% dei consensi) e “Europe Écologie” si è piazzata terza, alle spalle del Presidente Macron, con il 13%. Il gruppo Verde potrebbe arrivare, al Parlamento Europeo, a 71 seggi, il miglior risultato di sempre. “Penso che il risultato abbia a che fare con persone che vogliono una visione positiva dell’UE, ma vogliono anche cambiamenti e chiedono misure concrete per combattere la crisi climatica”, ha dichiarato Ska Keller, la candidata tedesca alla Presidenza della Commissione per i Verdi Europei. Eppure, in Italia, Europa Verde si è fermata al 2,3% – già oltre le aspettative se confrontato allo 0,9% di Green Italia nel 2014, ma ampiamente al di sotto della soglia di sbarramento. ”Colpa delle divisioni a sinistra. E del tabù di una possibile alleanza con liberali e socialisti”, scrive L’Espresso. Ma cosa ne pensa Alfonso Pecoraro Scanio, ex ministro e figura di riferimento della Federazione dei Verdi italiani, oggi presidente della Fondazione Univerde? Il direttore editoriale di Greenews.info Andrea Gandiglio lo ha raggiunto telefonicamente questa mattina per raccogliere, a caldo, la sua interpretazione del fenomeno verde in Italia e in Europa…

D) Alfonso, perché in Italia i Verdi non crescono, diversamente dal resto d’Europa?

R) In quale altro paese del Sud Europa i Verdi hanno ottenuto grandi risultati? Nessuno, l’Italia non è un’eccezione in questo senso. E’un fenomeno che si osserva nei paesi del Nord Europa, per una questione culturale, di sensibilità radicata. L’Italia, in realtà, fino al 2008 è stata, in ambito mediterraneo, un’eccezione in positivo, con un partito verde che – seppure con percentuali inferiori a quelle degli attuali partiti europei – è stato anche al governo e ha inciso con provvedimenti storici. I Verdi hanno tenuto, non a caso, in Alto Adige, che è collegato culturalmente al Sud Tirolo…

D) Se si volesse fare una mappatura reale del “voto verde” bisognerebbe però cercare anche nei voti al M5S, che è calato in questa tornata elettorale, ma raccoglie comunque percentuali a doppia cifra e fa, da sempre, dell’ambiente una delle proprie battaglie…

R) Certamente. Oggi gran parte del voto ecologista è assorbito nel M5S che, seppure di taglio populista, è una forza ambientalista a tutti gli effetti. Se si va a vedere come hanno votato negli ultimi anni, sui temi ambientali, i parlamentari del M5S e quelli dei partiti verdi al Parlamento Europeo si può notare come nell’85% dei casi abbiano votato in piena sintonia, anche se appartengono a gruppi diversi. Ci sono europarlamentari del M5S come Dario Tamburrano, Eleonora Evi o Fabio Massimo Castaldo che hanno fatto un ottimo lavoro sui temi ecologisti.

D) Nel 2014 l’obiettivo dichiarato dal movimento “Green Italia” era quello di andare al di là della destra e della sinistra, per promuovere i temi ambientali in maniera trasversale, ma l’operazione non ha funzionato perché in realtà non è mai stato tagliato il cordone ombelicale con la sinistra. E neppure questa volta… I Verdi, forse, non riescono a conquistare la fiducia degli imprenditori della green economy anche per questa collocazione troppo netta, non trovi?

R) Negli anni ’80, quando fondammo i Verdi non erano né di sinistra né di destra, erano avanti. Negli anni successivi è stato però necessario allearsi con le coalizioni e decidere una collocazione, per poter incidere. Alle Politiche del 2013, quando si decise di allearsi con Ingroia, io mi dichiarai apertamente contrario perché era molto più ambientalista il M5S di Ingroia…

D) Pensi quindi che sia ora di concentrarsi sugli obiettivi ambientalisti – in maniera trasversale – più che sulle appartenenze di partito?

R) Io lo faccio da anni, lavorando sui temi, non sulle logiche di partito. La transizione al 100% di fonti rinnovabili, la lotta agli OGM, il contrasto ai cambiamenti climatici, sono queste le cose che contano, non le dispute tra piccoli gruppi, che avranno sempre meno spazio. Bisogna (ri)costruire una rete civica ed ecologista, che abbia una visione ambiziosa ed europea e coinvolga imprenditori, agricoltori, cittadini…Non serve a nulla l’atteggiamento di chi, contro questo governo, si siede sulla riva del fiume ad aspettare... Bisogna aiutare concretamente la parte più ambientalista del governo ad attuare le politiche necessarie. Il M5S ha un numero sufficiente di parlamentari per poterlo fare, anche se deve gestire i contrasti con la Lega sui temi ambientali.

D) Prevedi di tornare alla politica attiva o preferisci questo ruolo di influencer dietro le quinte?

R) Io sono disponibile ad aiutare e a collaborare con chi si pone gli obiettivi ecologisti, perché ho un’ambizione di progetto non di poltrone. Pochi giorni fa, a Roma, ho presentato un nuovo progetto della Fondazione Univerde, Opera2030, la prima piattaforma per combattere le fake news e gli haters in rete attraverso gli strumenti innovativi messi a disposizione dal web e dai social media. E’un’iniziativa con la partnership scientifica della Link Campus University e in collaborazione con Change.Org, alcune testate ambientaliste e altre startup innovative, impegnate in azioni e campagne di attivismo civico. Questa è la strada concreta verso il futuro…

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende