Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Pesticidi: il PAN italiano li chiama “prodotti fitosanitari”:

Pesticidi: il PAN italiano li chiama “prodotti fitosanitari”

dicembre 14, 2012 Internazionali, Nazionali, Politiche

Prosegue, con l’hashtag #bioedintorni, la riflessione sull’”ecologia linguistica” avviata dalla nostra testata a partire dall’articolo “Vini e cibi liberi. Dalla semantica e dalle certificazioni“.

Un Piano “annacquato”, nella forma quanto nella sostanza. È questo, in sintesi, il giudizio che le associazioni ambientaliste e gli operatori del biologico danno sulla bozza del Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, messa a punto congiuntamente dai Ministeri dell’Ambiente, delle Politiche Agricole e della Salute a novembre e su cui è aperta una consultazione pubblica fino al 31 dicembre 2012.

Nel 2009, con la direttiva 128, l’Unione Europea aveva chiesto agli Stati membri di definire le proprie strategie sull’uso “sostenibile” dei pesticidi, redigendo un documento che riportasse  obiettivi, tempi e modalità d’intervento per la riduzione dei rischi connessi all’utilizzo dei fitofarmaci. Nonostante il documento sia, assicura Egon Giovannini, coordinatore della commissione tecnica di Federbio, “decisamente migliore rispetto delle bozze precedenti”, i punti critici sono ancora tanti. A partire dalla scelta linguistica di usare l’espressione “prodotti fitosanitari” al posto del termine “pesticidi”, più chiaro e adottato dalla stessa UE. “La diluizione rassicurante delle parole non aiuta ad affrontare la realtà”, osserva Luca Colombo, segretario generale di Firab, la Fondazione per la Ricerca in Agricoltura Biologica e Biodinamica. “Un’espressione ambigua, che potrebbe indicare tanto una tisana di malva quanto un trattamento chimico”, ironizza Giovannini.

La bozza, che, in quanto tale, non contiene nessun obiettivo di riduzione dell’uso di pesticidi, introduce misure per un uso più limitato nelle aree protette e in zone specifiche come parchi, cortili, bordi delle strade e delle ferrovie, e prevede attività di formazione per consulenti, distributori e utilizzatori di fitofarmaci. Tra i contenuti principali c’è però l’obbligo di lotta integrata – ossia con un utilizzo ridotto di prodotti chimici di sintesi – a partire dal 1° gennaio 2014. Sul tema, però, c’è una certa confusione, perché la bozza parla tanto di difesa integrata obbligatoria  che volontaria. Della prima si dice che “prevede l’applicazione di tecniche di prevenzione e monitoraggio delle infestazioni, delle infezioni e delle infestanti, l’utilizzo di mezzi biologici di controllo dei parassiti, il ricorso a pratiche di coltivazione appropriate e l’uso di prodotti fitosanitari che presentino il minor rischio per la salute umana e l’ambiente”. Solo riferendosi alla lotta volontaria si richiama “il rispetto dei disciplinari regionali di produzione integrata” e si parla di “risorse” che saranno dedicate ad essa.

Aspetto che ha messo in allarme molti: “Pur considerando gli sforzi per una riduzione della chimica in agricoltura, la bozza del PAN non riconosce priorità all’adozione di metodi non chimici e soprattutto una funzione specifica all’agricoltura biologica. E’ indispensabile che la bozza integri l’agricoltura biologica ogni volta che cita l’agricoltura integrata”, riflette Daniela Sciarra, coordinatrice del settore Agricoltura di Legambiente, che il 20 dicembre organizzerà sul tema un convegno al Senato. Il rischio, spiega Colombo, “è che si crei uno spazio con un’asticella bassa e su cui vengono investite molte risorse, togliendole ad un’agricoltura veramente sostenibile”, come quella biologica, appunto. Il cui ruolo, però, nel PAN non è chiaro: “Non si esplicita la sua potenzialità di essere il metodo agricolo veramente in grado, a differenza della lotta integrata, di portare in tavola alimenti a residui zero. E si ignora totalmente il tema del multiresiduo, che invece è cruciale quando si discute di sostenibilità e sicurezza alimentare: nel nostro rapporto Pesticidi nel Piatto, abbiamo evidenziato come ci siano campioni che, pur regolari, arrivano a contenere i residui di nove pesticidi diversi, sulla cui interazione non sappiamo ancora niente”, continua Daniela Sciarra. Forse perché, osserva Ignazio Garau, direttore dell’associazione Città del Bio, “nel dibattito manca totalmente un interlocutore importante, rappresentato dai consumatori, mentre altre lobby influiscono molto sulle decisioni legislative”.

La stessa definizione di agricoltura biologica, al paragrafo A.7.4, è al centro di un piccolo giallo, un cambio di definizione che sembra fatto per “accorciare la strada” tra biologico e lotta integrata: “Nella bozza attuale si parla del disciplinare che prevede ‘il ricorso all’uso di un ridotto numero di prodotti fitosanitari di sintesi e solo in caso di un dimostrato rischio per la coltura’, mentre fino a 24 ore prima della presentazione l’espressione era più adeguata”, chiarisce Colombo. E al biologico, aggiunge Egon Giovannini, il Piano “non dà quelle garanzie previste per le aree di accesso al pubblico, che potrebbero invece evitare il rischio di contaminazione esistente anche oggi”.

Per campi sportivi, cortili di scuole e ospedali, giardini pubblici, è obbligatorio avvisare i cittadini del trattamento, impedire l’ingresso nell’area durante le operazioni ed è vietato usare fitofarmaci con tempi di rientro superiori a 48 ore. “Non si impone nemmeno alle aziende convenzionali che confinano con altre biologiche di informare l’agricoltore vicino sui trattamenti e i principi attivi usati. Ci si limita solo a stabilire, banalmente, che gli operatori biologici ‘possono chiedere alle aziende confinanti di essere informate circa gli interventi fitosanitari e i relativi principi attivi impiegati‘”. Quando, per altro, anche per la cura delle aree verdi pubbliche, esisterebbe già un disciplinare volontario, sviluppato da Federbio sul modello dell’agricoltura biologica con finalità alimentari.

Anche per quanto riguarda la ricerca, a cui la bozza dedica solo due pagine, “il rischio è che – riassume Colombo – ci si concentri sullo sulle molecole, mentre la direttiva è più ampia e prevede che tutta la gestione dei sistemi colturali sia improntata a minimizzare l’utilizzo di sostanze, di sintesi e non, sia nell’agricoltura convenzionale, sia in quella biologica”. Tutte considerazioni che non si sa in che modo verranno accolte, mentre nel frattempo le trattative sul Piano d’Azione si intrecciano a quelle sulla PAC e in particolare con il greening, quelle misure che dovrebbero “rinverdire” (ma non troppo, per carità!) l’agricoltura europea.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende