Home » Internazionali »Politiche » Più biciclette, più lavoro: 77.000 possibili nuovi posti in Europa secondo l’ONU:

Più biciclette, più lavoro: 77.000 possibili nuovi posti in Europa secondo l’ONU

aprile 16, 2014 Internazionali, Politiche

Meno auto e più bus e biciclette uguale meno inquinamento, più salute, ma anche più lavoro. Mentre l’industria automobilistica arranca, uno studio delle Nazioni Unite presentato durante il quarto Meeting di alto livello su trasporti, salute e ambiente, che si chiude oggi a Parigi, mette un punto fermo sui benefici occupazionali che avrebbe lo sviluppo di un sistema di trasporti alternativo all’automobile e più sostenibile. Se infatti sono noti i vantaggi ambientali e di salute pubblica che questa conversione comporterebbe, in Italia non si parla mai dei suoi riflessi sul mercato del lavoro.

“Molti studi hanno dimostrato che gli investimenti in politiche di trasporto con benefici ambientali, in relazione in particolare ai cambiamenti climatici, portano ricadute positive sull’occupazione”, si legge nel report “Jobs in Green and Healthy Transport, firmato da OMS e UNECE. Una ricerca spagnola, per esempio, ha calcolato che nel settore della mobilità sostenibile potrebbero essere create da 290.000 a 565.000 nuove opportunità di lavoro. Uno studio simile condotto in Gran Bretagna ha stimato che a ferrovie, bus e biciclette sono associati 450.000 posti di lavoro, tra diretti e indiretti, pari a circa il 38% degli impiegati totali nel settore dei trasporti, di cui il 5% nel settore delle due ruote. Ancora, in Germania si è stimato che un aumento della quota dei trasporti pubblici del 10% entro il 2030 farebbe crescere i lavoratori nel settore del trasporto del 5,3%, mentre misure a favore di biciclette e spostamenti a piedi vedrebbero salire gli impeghi di un altro 4,2%.

La società di consulenza GHK Holdings ha stimato che 21.5900 nuovi lavori potrebbero essere creati in Europa nel settore del trasporto pubblico su ferro e su gomma investendo 1 miliardo all’anno: per il 78% posti di lavoro connessi direttamente o indirettamente al comparto; nel 22% dei casi, invece, indotti dalle nuove politiche. “L’intensità di lavoro nei trasporti a basso impatto ambientale è più alta che in altri campi di investimenti sostenibili, ed è comparabile a quella nel settore dell’efficienza energetica”, si legge nel report. Con il risultato non trascurabile che “l’aumento dei posti di lavoro nei trasporti green and healthy andrà oltre la semplice compensazione delle perdite occupazionali nell’industria automobilistica”. Posti di lavoro che, precisano UNECE e OMS, potrebbero essere di molti tipi: dal commesso in un negozio di articoli per biciclette all’impiegato della biglietteria per autobus, fino al designer di trasporti a basse emissioni e all’operatore nel settore del cicloturismo. E ancora mobility manager e corrieri a due ruote.

Un discorso a sé meritano proprio le ricadute positive che potrebbe generare lo sviluppo della mobilità ciclabile. In questo ambito, dice il report, gli amministratori europei dovrebbero prendere spunto dalle politiche attuate a Copenaghen, dove il 26% degli spostamenti avviene in bicicletta, contro l’1% di Madrid, Sofia e Budapest e il 3% di Parigi. Per non parlare di Roma, dove la percentuale è vicina allo zero! Lo studio delle Naizoni Unite stima che, se la capitale di ogni stato europeo raggiungesse i livelli di Copenaghe, “si potrebbero creare 76.600 nuovi posti di lavoro”. Un dato “significativo per alcuni Paesi. In particolare, il numero dei nuovi lavori a Mosca potrebbe raggiungere le 12.000 unità, mentre a Londra potrebbe superare quota 8.000”. A Roma, i nuovi posti di lavoro potrebbero essere più di 3.200. Politiche di mobilità che avrebbero anche effetti positivi sulla salute: se anche le mettessero in atto solo le principali 56 città, si potrebbero evitare in Europa 9.400 morti all’anno.

Oggi nel nostro continente l’industria dei trasporti vale il 10,5% del PIL e conta circa 10,5 milioni di lavoratori, quasi il 5% della forza lavoro totale. Numeri significativi tanto quanto gli effetti negativi su salute e ambiente, pari al 4% del PIL europeo: i trasporti sono responsabili del 24% delle emissioni di gas serra e sono all’apice di una spirale di danni sanitari. “A causa della sola esposizione al particolato, le persone in Europa perdono in media 9 mesi di aspettativa di vita”. A cui si aggiungono i danni provocati da incidenti stradali e rumore che, oltre a pesare direttamente sul bilancio sanitario statale, scoraggiano in molti casi gli spostamenti a piedi o in bicicletta, contribuendo a quel milione di morti all’anno derivate dalla mancanza di attività fisica, in un circolo vizioso difficile da contrastare senza politiche serie.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

giugno 26, 2017

Ricerca UniBZ sul Gewürztraminer: l’uso del glifosato può alterare il mosto

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto. È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Libera Università di Bolzano dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer. La ricerca è stata effettuata dal gruppo [...]

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

giugno 26, 2017

Siccità e deserficazione: l’allarme dei Geologi sulla gestione delle risorse idriche

“La perdurante scarsezza delle precipitazioni, nella primavera appena trascorsa, ha causato un abbassamento dei livelli d’acqua in fiumi, negli invasi e nelle falde sotterranee”. Lo afferma Fabio Tortorici, Presidente della Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi. “A grande scala – continua Tortorici – stiamo assistendo a cambiamenti climatici che ci stanno portando verso [...]

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

giugno 19, 2017

Premio per lo Sviluppo Sostenibile: fino al 30 giugno per le candidature

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con Ecomondo, organizza anche per il 2017 il “Premio per lo Sviluppo Sostenibile“, che ha avuto nelle otto edizioni precedenti l’adesione del Presidente della Repubblica, richiesta anche per quest’anno. Il Premio ha lo scopo di promuovere le buone pratiche e le migliori tecniche delle imprese italiane che [...]

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

giugno 19, 2017

Intesa Sanpaolo emette il primo “green bond” da 500 milioni di euro

Intesa Sanpaolo ha collocato con successo un green bond da 500 milioni di euro, titolo legato a progetti di sostenibilità ambientale e climatica, raccogliendo ordini per circa 2 miliardi di euro e acquisendo il primato, ad oggi, di unica banca italiana a debuttare quale emittente “green”. L’importo raccolto tramite il green bond verrà utilizzato per il [...]

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

giugno 14, 2017

Aruba apre il “Global Cloud Data Center”, il campus informatico ad altissima efficienza energetica

Aruba S.p.A., leader nei servizi di web hosting e tra le prime aziende al mondo per la crescita dei servizi di data center e cloud, ha annunciato la pre-apertura del più grande data center campus d’Italia, a Ponte San Pietro (Bergamo). Il Global Cloud Data Center, è stato concepito per andare incontro alle esigenze di colocation [...]

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

giugno 5, 2017

Roadmap per la mobilità sostenibile. Il Ministero presenta il documento di analisi

E’ stato presentato il 30 maggio a Roma, in un evento alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti e del viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, il documento “Elementi per una Road map della mobilità”, redatto con il supporto scientifico di RSE – Ricerca Sistema Energetico. Il testo è frutto dei contributi forniti dai partecipanti al [...]

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

giugno 5, 2017

Con il packaging “Attivo” di Bestack le fragole si conservano di più

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, frutto di cinque anni di studi universitari, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging “Attivo” che Bestack – il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta – ha messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende