Home » Internazionali »Politiche » Più biciclette, più lavoro: 77.000 possibili nuovi posti in Europa secondo l’ONU:

Più biciclette, più lavoro: 77.000 possibili nuovi posti in Europa secondo l’ONU

aprile 16, 2014 Internazionali, Politiche

Meno auto e più bus e biciclette uguale meno inquinamento, più salute, ma anche più lavoro. Mentre l’industria automobilistica arranca, uno studio delle Nazioni Unite presentato durante il quarto Meeting di alto livello su trasporti, salute e ambiente, che si chiude oggi a Parigi, mette un punto fermo sui benefici occupazionali che avrebbe lo sviluppo di un sistema di trasporti alternativo all’automobile e più sostenibile. Se infatti sono noti i vantaggi ambientali e di salute pubblica che questa conversione comporterebbe, in Italia non si parla mai dei suoi riflessi sul mercato del lavoro.

“Molti studi hanno dimostrato che gli investimenti in politiche di trasporto con benefici ambientali, in relazione in particolare ai cambiamenti climatici, portano ricadute positive sull’occupazione”, si legge nel report “Jobs in Green and Healthy Transport, firmato da OMS e UNECE. Una ricerca spagnola, per esempio, ha calcolato che nel settore della mobilità sostenibile potrebbero essere create da 290.000 a 565.000 nuove opportunità di lavoro. Uno studio simile condotto in Gran Bretagna ha stimato che a ferrovie, bus e biciclette sono associati 450.000 posti di lavoro, tra diretti e indiretti, pari a circa il 38% degli impiegati totali nel settore dei trasporti, di cui il 5% nel settore delle due ruote. Ancora, in Germania si è stimato che un aumento della quota dei trasporti pubblici del 10% entro il 2030 farebbe crescere i lavoratori nel settore del trasporto del 5,3%, mentre misure a favore di biciclette e spostamenti a piedi vedrebbero salire gli impeghi di un altro 4,2%.

La società di consulenza GHK Holdings ha stimato che 21.5900 nuovi lavori potrebbero essere creati in Europa nel settore del trasporto pubblico su ferro e su gomma investendo 1 miliardo all’anno: per il 78% posti di lavoro connessi direttamente o indirettamente al comparto; nel 22% dei casi, invece, indotti dalle nuove politiche. “L’intensità di lavoro nei trasporti a basso impatto ambientale è più alta che in altri campi di investimenti sostenibili, ed è comparabile a quella nel settore dell’efficienza energetica”, si legge nel report. Con il risultato non trascurabile che “l’aumento dei posti di lavoro nei trasporti green and healthy andrà oltre la semplice compensazione delle perdite occupazionali nell’industria automobilistica”. Posti di lavoro che, precisano UNECE e OMS, potrebbero essere di molti tipi: dal commesso in un negozio di articoli per biciclette all’impiegato della biglietteria per autobus, fino al designer di trasporti a basse emissioni e all’operatore nel settore del cicloturismo. E ancora mobility manager e corrieri a due ruote.

Un discorso a sé meritano proprio le ricadute positive che potrebbe generare lo sviluppo della mobilità ciclabile. In questo ambito, dice il report, gli amministratori europei dovrebbero prendere spunto dalle politiche attuate a Copenaghen, dove il 26% degli spostamenti avviene in bicicletta, contro l’1% di Madrid, Sofia e Budapest e il 3% di Parigi. Per non parlare di Roma, dove la percentuale è vicina allo zero! Lo studio delle Naizoni Unite stima che, se la capitale di ogni stato europeo raggiungesse i livelli di Copenaghe, “si potrebbero creare 76.600 nuovi posti di lavoro”. Un dato “significativo per alcuni Paesi. In particolare, il numero dei nuovi lavori a Mosca potrebbe raggiungere le 12.000 unità, mentre a Londra potrebbe superare quota 8.000”. A Roma, i nuovi posti di lavoro potrebbero essere più di 3.200. Politiche di mobilità che avrebbero anche effetti positivi sulla salute: se anche le mettessero in atto solo le principali 56 città, si potrebbero evitare in Europa 9.400 morti all’anno.

Oggi nel nostro continente l’industria dei trasporti vale il 10,5% del PIL e conta circa 10,5 milioni di lavoratori, quasi il 5% della forza lavoro totale. Numeri significativi tanto quanto gli effetti negativi su salute e ambiente, pari al 4% del PIL europeo: i trasporti sono responsabili del 24% delle emissioni di gas serra e sono all’apice di una spirale di danni sanitari. “A causa della sola esposizione al particolato, le persone in Europa perdono in media 9 mesi di aspettativa di vita”. A cui si aggiungono i danni provocati da incidenti stradali e rumore che, oltre a pesare direttamente sul bilancio sanitario statale, scoraggiano in molti casi gli spostamenti a piedi o in bicicletta, contribuendo a quel milione di morti all’anno derivate dalla mancanza di attività fisica, in un circolo vizioso difficile da contrastare senza politiche serie.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende