Home » Internazionali »Politiche » Più biciclette, più lavoro: 77.000 possibili nuovi posti in Europa secondo l’ONU:

Più biciclette, più lavoro: 77.000 possibili nuovi posti in Europa secondo l’ONU

aprile 16, 2014 Internazionali, Politiche

Meno auto e più bus e biciclette uguale meno inquinamento, più salute, ma anche più lavoro. Mentre l’industria automobilistica arranca, uno studio delle Nazioni Unite presentato durante il quarto Meeting di alto livello su trasporti, salute e ambiente, che si chiude oggi a Parigi, mette un punto fermo sui benefici occupazionali che avrebbe lo sviluppo di un sistema di trasporti alternativo all’automobile e più sostenibile. Se infatti sono noti i vantaggi ambientali e di salute pubblica che questa conversione comporterebbe, in Italia non si parla mai dei suoi riflessi sul mercato del lavoro.

“Molti studi hanno dimostrato che gli investimenti in politiche di trasporto con benefici ambientali, in relazione in particolare ai cambiamenti climatici, portano ricadute positive sull’occupazione”, si legge nel report “Jobs in Green and Healthy Transport, firmato da OMS e UNECE. Una ricerca spagnola, per esempio, ha calcolato che nel settore della mobilità sostenibile potrebbero essere create da 290.000 a 565.000 nuove opportunità di lavoro. Uno studio simile condotto in Gran Bretagna ha stimato che a ferrovie, bus e biciclette sono associati 450.000 posti di lavoro, tra diretti e indiretti, pari a circa il 38% degli impiegati totali nel settore dei trasporti, di cui il 5% nel settore delle due ruote. Ancora, in Germania si è stimato che un aumento della quota dei trasporti pubblici del 10% entro il 2030 farebbe crescere i lavoratori nel settore del trasporto del 5,3%, mentre misure a favore di biciclette e spostamenti a piedi vedrebbero salire gli impeghi di un altro 4,2%.

La società di consulenza GHK Holdings ha stimato che 21.5900 nuovi lavori potrebbero essere creati in Europa nel settore del trasporto pubblico su ferro e su gomma investendo 1 miliardo all’anno: per il 78% posti di lavoro connessi direttamente o indirettamente al comparto; nel 22% dei casi, invece, indotti dalle nuove politiche. “L’intensità di lavoro nei trasporti a basso impatto ambientale è più alta che in altri campi di investimenti sostenibili, ed è comparabile a quella nel settore dell’efficienza energetica”, si legge nel report. Con il risultato non trascurabile che “l’aumento dei posti di lavoro nei trasporti green and healthy andrà oltre la semplice compensazione delle perdite occupazionali nell’industria automobilistica”. Posti di lavoro che, precisano UNECE e OMS, potrebbero essere di molti tipi: dal commesso in un negozio di articoli per biciclette all’impiegato della biglietteria per autobus, fino al designer di trasporti a basse emissioni e all’operatore nel settore del cicloturismo. E ancora mobility manager e corrieri a due ruote.

Un discorso a sé meritano proprio le ricadute positive che potrebbe generare lo sviluppo della mobilità ciclabile. In questo ambito, dice il report, gli amministratori europei dovrebbero prendere spunto dalle politiche attuate a Copenaghen, dove il 26% degli spostamenti avviene in bicicletta, contro l’1% di Madrid, Sofia e Budapest e il 3% di Parigi. Per non parlare di Roma, dove la percentuale è vicina allo zero! Lo studio delle Naizoni Unite stima che, se la capitale di ogni stato europeo raggiungesse i livelli di Copenaghe, “si potrebbero creare 76.600 nuovi posti di lavoro”. Un dato “significativo per alcuni Paesi. In particolare, il numero dei nuovi lavori a Mosca potrebbe raggiungere le 12.000 unità, mentre a Londra potrebbe superare quota 8.000”. A Roma, i nuovi posti di lavoro potrebbero essere più di 3.200. Politiche di mobilità che avrebbero anche effetti positivi sulla salute: se anche le mettessero in atto solo le principali 56 città, si potrebbero evitare in Europa 9.400 morti all’anno.

Oggi nel nostro continente l’industria dei trasporti vale il 10,5% del PIL e conta circa 10,5 milioni di lavoratori, quasi il 5% della forza lavoro totale. Numeri significativi tanto quanto gli effetti negativi su salute e ambiente, pari al 4% del PIL europeo: i trasporti sono responsabili del 24% delle emissioni di gas serra e sono all’apice di una spirale di danni sanitari. “A causa della sola esposizione al particolato, le persone in Europa perdono in media 9 mesi di aspettativa di vita”. A cui si aggiungono i danni provocati da incidenti stradali e rumore che, oltre a pesare direttamente sul bilancio sanitario statale, scoraggiano in molti casi gli spostamenti a piedi o in bicicletta, contribuendo a quel milione di morti all’anno derivate dalla mancanza di attività fisica, in un circolo vizioso difficile da contrastare senza politiche serie.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende