Home » Nazionali »Politiche » Più manutenzione e meno consumo di suolo: Clini presenta il Piano anti-dissesto:

Più manutenzione e meno consumo di suolo: Clini presenta il Piano anti-dissesto

dicembre 6, 2012 Nazionali, Politiche

La promessa è stata mantenuta, ma adesso bisogna trovare i soldi. Come si era impegnato a fare due settimane fa, mentre una forte ondata di maltempo colpiva l’Italia centrale, il ministro Clini ha presentato ieri al Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe) la bozza del “Piano di adattamento ai cambiamenti climatici, la gestione sostenibile e la messa in sicurezza del territorio”. Una serie di linee strategiche per interventi concreti che mettano il nostro territorio al riparo dai continui rischi di dissesto idrogeologico. Ma se il documento c’è, adesso arriva la sfida più complicata: reperire le risorse per attuare i diversi interventi previsti. In tutto, si stima che servano 40 miliardi in quindici anni, circa 2,6 miliardi l’anno. Il piano, fanno sapere dal Ministero, “sarà discusso dal Cipe in una delle prossime sedute, d’intesa con i Ministri delle Politiche agricole, delle Infrastrutture e dell’Economia”.

Tra i punti principali del piano, ci sono il divieto di abitare e lavorare nelle zone ad altissimo rischio di alluvione, lavori di manutenzione dei corsi d’acqua e di difesa dei centri abitati, recupero dei terreni abbandonati, difesa dei boschi, protezione delle coste e delle lagune esposte all’innalzamento del mare, assicurazione obbligatoria per le costruzioni nelle zone a rischio di inondazione, riattivazione dei bacini idrografici.

Nel dettaglio, il documento prevede che ogni anno il Piano venga aggiornato indicando gli interventi di difesa del territorio in programma nei 12 mesi successivi. Ogni quattro anni dovrà anche essere rivisto il Rapporto scientifico sui rischi dei cambiamenti climatici, mentre i Piani di Assetto Idrogeologico (PAI) delle Autorità Distrettuali Idrografiche dovranno essere aggiornati al 2013. La logica, spiega Clini, è che “a fronte di una situazione climatica cambiata, la protezione del territorio deve essere aggiornata. Ci sono misure per fronteggiare la quantità di piogge che avviene in un periodo concentrato: bisogna mettere delle difese idrauliche molto diverse da quelle esistenti”.

Tra le priorità ci sono proprio quelle misure che possono avere un impatto più immediato nel fermare lo” sgretolamento” del territorio, e che associano la protezione del paesaggio allo sviluppo sostenibile: limiti alle costruzioni nelle zone a rischio, contenimento nell’uso del suolo, manutenzione dei corsi d’acqua, recupero dei terreni abbandonati o degradati puntando sulle colture tradizionali e di qualità. Interventi precisi sono previsti per le foreste: “Pulizia dei boschi usando il legname raccolto anche come biomassa per produrre energia pulita”, prevede il ministero, considerando anche che “il diradamento servirà a ridurre gli effetti degli incendi che, distruggendo le piante, minacciano anche la stabilità geologica”. Nel caso delle foreste demaniali, inoltre, il documento presentato da Clini propone di fermare i rimboschimenti fatti con pini e abeti d’importazione e di piantare invece alberi tradizionali della zona.

Un altro punto fondamentale riguarda la difesa delle coste dall’innalzamento del livello del mare: “Le previsioni dei climatologi sono molto preoccupanti e risultano molto esposte al rischio di alluvione tutte le zone costiere dell’alto Adriatico, da Ravenna a Monfalcone, dove molti territori si trovano a quote inferiori al livello del mare. Oggi quei terreni sono difesi e tenuti asciutti da un sistema di canali di scolo e di idrovore concepito fra l’800 e il ’900, quando le piogge erano diverse e il mare non minacciava di diventare più alto”, continua il ministro.

In programma c’è anche un disegno di legge che introduca un’assicurazione obbligatoria contro i rischi degli eventi climatici estremi: una misura necessaria “per consentire a chiunque viva o lavori nelle aree a rischio idrogeologico di avere la certezza del risarcimento in caso di danni, per ridurre i costi dei premi assicurativi e per non gravare sulle tasche di tutti gli italiani attraverso i risarcimenti con fondi pubblici”.

Il Piano sarà finanziato usando il 40% dei proventi delle aste per i permessi di emissione di anidride carbonica, che già la legge attuale destina per almeno la metà ad azioni contro i cambiamenti del clima. Un’altra quota delle risorse potrà venire dai prelievi sui carburanti: nessuna nuova accisa, promette il ministro; piuttosto, una rimodulazione degli oneri “a parità di peso fiscale”.

L’obiettivo è fare presto, perché, sottolinea Clini, “più tempo si aspetta, più alti sono i costi”. Secondo i calcoli di Legambiente, “per i danni del maltempo si spendono un milione di euro al giorno. Cifre molto elevate che coprono però solo una parte degli ingenti danni censiti in conseguenza di frane e alluvioni. In Sicilia, Veneto, Toscana e Liguria, le regioni colpite dagli eventi più gravi in questi ultimi tre anni, è andato l’80% delle risorse stanziate, ma i danni ammontano a 2,2 miliardi di euro circa, quasi il triplo delle risorse messe a disposizione dei comuni colpiti”. Il presidente dell’associazione Vittorio Cogliati Dezza propone di “recuperare subito almeno 10 miliardi da investire sulla prevenzione dalle opere inutili, che hanno costi elevati e impatti ambientali enormi”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende