Home » Nazionali »Politiche » Poligoni militari, la lotta ambientale parte dalla Sardegna:

Poligoni militari, la lotta ambientale parte dalla Sardegna

settembre 17, 2014 Nazionali, Politiche

“Baxeisindi”. E’ sulla collina, davanti al poligono militare. La scritta è tenuta dalle mani tese di alcuni manifestanti, Capo Frasca come Hollywood. “Andatevene“, significa in lingua sarda. Seimila persone, seimila tra uomini, donne e moltissimi bambini per protestare contro le servitù militari in Sardegna. Tante bandiere, da Sel a Forza Italia, dagli ambientalisti agli indipendentisti. Numerosi vessilli hanno sventolato sabato scorso mossi al vento della costa occidentale. Pullman e sigle pagati da nessuno, né né sindacati né partiti hanno potuto cavalcare la rivolta: il popolo dell’Isola ha girato le spalle alla politica asservita ai poteri forti. Una nuova presa di coscienza: non più in piazza per l’indennizzo, ma in piazza per chiedere la chiusura del poligono.

La protesta è avvenuta in seguito all’incidente del 4 settembre scorso, quando durante un’esercitazione, il fuoco di un tornado tedesco ha polverizzato ventisei ettari di territorio all’interno del poligono. Boati, esplosioni e tutto a poche centinaia di metri dalle spiagge ancora piene di turisti. Un tappeto di bombe gigantesche, missili da 100 kg conficcati nel terreno. Quello di Capo Frasca è uno scandalo senza precedenti. Hanno tentato in tutti i modi di nascondere il disastro ambientale in un luogo dove alla devastazione delle fiamme si aggiunge la scoperta di centinaia di missili dispersi in tutta la superficie della punta estrema del promontorio.

Anche il Presidente della Regione sarda Francesco Pigliaru è sceso in campo: “Io credo – ha dichiarato dopo il sopralluogo nella base – che si possa iniziare a chiudere i poligoni, partendo proprio da Capo Frasca”. Presto il Ministro della Difesa Roberta Pinotti o il sottosegretario Domenico Rossi saranno in Sardegna per un confronto con il Governatore sardo. “Ci sono contatti e concorderemo insieme una data per cercare di contemperare le esigenze della Sardegna e quelle della Difesa”, ha dichiarato il sottosegretario. “Con la Regione Sardegna abbiamo avviato un percorso a 360 gradi con un’analisi sulla riduzione parziale dei poligoni, sull’ambiente e sulla salute in sinergia con il territorio: credo ci siano tempi per lavorare bene e le bonifiche sono parte pregnante di questo processo“.

Bonifiche?“, si chiede Fernando Codonesu, sindaco di Villaputzu, in passato consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sull’uranio impoverito e autore del libro “Servitù militari, modello di sviluppo e sovranità in Sardegna”. “Le bonifiche sono state cancellate per decreto. Un decreto del Ministro all’Ambiente Galletti ha equiparato le aree militari alle aree industriali. In questo modo la soglia dell’inquinamento raggiunta attraverso proiettili, mortai, bombe e missili che sul terreno lasciano sostanze nocive si è automaticamente alzata. Con limiti di legge che ora potrebbero aumentare esponenzialmente. Spostando i termini per le bonifiche, che potrebbero non venire mai fatte. Sia nelle aree militari in uso, che in quelle in via di dismissione”, denuncia. “In Sardegna per le bonifiche sono già stati spesi in tre anni 75 milioni, 25 milioni l’anno. Briciole”, precisa Codonesu. “Il fatto è che questi soldi non si sa che fine abbiano fatto. Sono spariti. Cosa fare immediatamente? Chiedere l’annullamento del decreto”.

Pane per i denti di chi lotta contro le problematicità in Sardegna sull’uso e l’abuso del territorio per esercitazioni militari e sperimentazioni di vario genere per oltre 50 anni e sui danni ambientali come conseguenza. Isola martoriata che in Italia paga il prezzo più alto con un territorio asservito dalle servitù militare, circa 30mila ettari, il 60% del territorio italiano. Una lotta bastarda e subdola tra il diritto al lavoro e il diritto alla salute, perché in alcune aree si è costretti a scegliere tra sopravvivenza e malattia. Molti degli abitanti dei poligoni, infatti, come è successo per Perdasdefogu, sono totalmente dipendenti dal poligono. Allora quello a cui si aspira è l’indennizzo. L’indennizzo è una conquista. Così con il denaro è stata rubata la speranza di poter scegliere il bene della propria terra e dei propri figli. “Una vergogna”, rincara la dose Codonesu. “Una vergogna se si pensa che non esistono dati certi sull’incidenza di malattie tumorali, i dati esistono solo al poligono di Quirra, l’unico monitorato. Per il resto del territorio, indagini ambientali zero, zero in cinquant’anni. Sappiamo in modo generico che si sono utilizzati metalli pesanti, ma sappiamo anche che a Teulada il Ministro ha decretato che 4 ettari di terra usata dai militari sono imbonificabili. Addirittura imbonificabili! “, racconta.

Intanto oggi la novità. Con una delibera la Giunta regionale ha esteso il Piano contro il fuoco ai poligoni di Perdasdefogu, Capo Frasca e Capo Teulada. In 15 anni è stata distrutta dagli incendi una superficie di 722 ettari. Insomma sembra arrivato il momento di restituire all’uso pubblico i territori per troppi anni sottratti alla comunità, ma soprattutto per molti sardi è arrivato il momento che i rapporti con lo Stato siano improntati a una relazione tra pari. Nel rispetto dell’ambiente e di chi ci abita.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

aprile 28, 2017

Quale scegliere? Piccola guida alla lettura delle etichette energetiche degli elettrodomestici

Di recente il Parlamento Europeo ha annunciato di aver raggiunto un accordo su un nuovo tipo di etichetta energetica per gli elettrodomestici con l’obiettivo di creare un sistema che sia realmente “2.0″. L’intenzione è fare in modo che, grazie alla presenza di QR code e link, entro la fine del 2019 ogni etichetta rimandi ad [...]

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende