Home » Nazionali »Politiche » Poligoni militari, la lotta ambientale parte dalla Sardegna:

Poligoni militari, la lotta ambientale parte dalla Sardegna

settembre 17, 2014 Nazionali, Politiche

“Baxeisindi”. E’ sulla collina, davanti al poligono militare. La scritta è tenuta dalle mani tese di alcuni manifestanti, Capo Frasca come Hollywood. “Andatevene“, significa in lingua sarda. Seimila persone, seimila tra uomini, donne e moltissimi bambini per protestare contro le servitù militari in Sardegna. Tante bandiere, da Sel a Forza Italia, dagli ambientalisti agli indipendentisti. Numerosi vessilli hanno sventolato sabato scorso mossi al vento della costa occidentale. Pullman e sigle pagati da nessuno, né né sindacati né partiti hanno potuto cavalcare la rivolta: il popolo dell’Isola ha girato le spalle alla politica asservita ai poteri forti. Una nuova presa di coscienza: non più in piazza per l’indennizzo, ma in piazza per chiedere la chiusura del poligono.

La protesta è avvenuta in seguito all’incidente del 4 settembre scorso, quando durante un’esercitazione, il fuoco di un tornado tedesco ha polverizzato ventisei ettari di territorio all’interno del poligono. Boati, esplosioni e tutto a poche centinaia di metri dalle spiagge ancora piene di turisti. Un tappeto di bombe gigantesche, missili da 100 kg conficcati nel terreno. Quello di Capo Frasca è uno scandalo senza precedenti. Hanno tentato in tutti i modi di nascondere il disastro ambientale in un luogo dove alla devastazione delle fiamme si aggiunge la scoperta di centinaia di missili dispersi in tutta la superficie della punta estrema del promontorio.

Anche il Presidente della Regione sarda Francesco Pigliaru è sceso in campo: “Io credo – ha dichiarato dopo il sopralluogo nella base – che si possa iniziare a chiudere i poligoni, partendo proprio da Capo Frasca”. Presto il Ministro della Difesa Roberta Pinotti o il sottosegretario Domenico Rossi saranno in Sardegna per un confronto con il Governatore sardo. “Ci sono contatti e concorderemo insieme una data per cercare di contemperare le esigenze della Sardegna e quelle della Difesa”, ha dichiarato il sottosegretario. “Con la Regione Sardegna abbiamo avviato un percorso a 360 gradi con un’analisi sulla riduzione parziale dei poligoni, sull’ambiente e sulla salute in sinergia con il territorio: credo ci siano tempi per lavorare bene e le bonifiche sono parte pregnante di questo processo“.

Bonifiche?“, si chiede Fernando Codonesu, sindaco di Villaputzu, in passato consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sull’uranio impoverito e autore del libro “Servitù militari, modello di sviluppo e sovranità in Sardegna”. “Le bonifiche sono state cancellate per decreto. Un decreto del Ministro all’Ambiente Galletti ha equiparato le aree militari alle aree industriali. In questo modo la soglia dell’inquinamento raggiunta attraverso proiettili, mortai, bombe e missili che sul terreno lasciano sostanze nocive si è automaticamente alzata. Con limiti di legge che ora potrebbero aumentare esponenzialmente. Spostando i termini per le bonifiche, che potrebbero non venire mai fatte. Sia nelle aree militari in uso, che in quelle in via di dismissione”, denuncia. “In Sardegna per le bonifiche sono già stati spesi in tre anni 75 milioni, 25 milioni l’anno. Briciole”, precisa Codonesu. “Il fatto è che questi soldi non si sa che fine abbiano fatto. Sono spariti. Cosa fare immediatamente? Chiedere l’annullamento del decreto”.

Pane per i denti di chi lotta contro le problematicità in Sardegna sull’uso e l’abuso del territorio per esercitazioni militari e sperimentazioni di vario genere per oltre 50 anni e sui danni ambientali come conseguenza. Isola martoriata che in Italia paga il prezzo più alto con un territorio asservito dalle servitù militare, circa 30mila ettari, il 60% del territorio italiano. Una lotta bastarda e subdola tra il diritto al lavoro e il diritto alla salute, perché in alcune aree si è costretti a scegliere tra sopravvivenza e malattia. Molti degli abitanti dei poligoni, infatti, come è successo per Perdasdefogu, sono totalmente dipendenti dal poligono. Allora quello a cui si aspira è l’indennizzo. L’indennizzo è una conquista. Così con il denaro è stata rubata la speranza di poter scegliere il bene della propria terra e dei propri figli. “Una vergogna”, rincara la dose Codonesu. “Una vergogna se si pensa che non esistono dati certi sull’incidenza di malattie tumorali, i dati esistono solo al poligono di Quirra, l’unico monitorato. Per il resto del territorio, indagini ambientali zero, zero in cinquant’anni. Sappiamo in modo generico che si sono utilizzati metalli pesanti, ma sappiamo anche che a Teulada il Ministro ha decretato che 4 ettari di terra usata dai militari sono imbonificabili. Addirittura imbonificabili! “, racconta.

Intanto oggi la novità. Con una delibera la Giunta regionale ha esteso il Piano contro il fuoco ai poligoni di Perdasdefogu, Capo Frasca e Capo Teulada. In 15 anni è stata distrutta dagli incendi una superficie di 722 ettari. Insomma sembra arrivato il momento di restituire all’uso pubblico i territori per troppi anni sottratti alla comunità, ma soprattutto per molti sardi è arrivato il momento che i rapporti con lo Stato siano improntati a una relazione tra pari. Nel rispetto dell’ambiente e di chi ci abita.

Francesca Fradelloni

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende