Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » Politica estera UE: Bruxelles vara una strategia comune per l’energia:

Politica estera UE: Bruxelles vara una strategia comune per l’energia

Lo scorso 7 settembre la Commissione Europea ha adottato una Comunicazione sulla sicurezza dell’approvvigionamento energetico e sulla cooperazione internazionale, stabilendo per la prima volta una strategia globale per le relazioni esterne dell’UE in ambito energetico. Alla base dell’approccio presentato dalla Commissione c’è un migliore coordinamento fra gli Stati membri dell’Unione per identificare e attuare priorità chiare in tema di politica energetica estera. Un elemento che è apparso evidente anche nelle parole di Günther Oettinger, Commissario responsabile per l’Energia: “negli ultimi anni – ha dichiarato Oettinger – la politica energetica Europea ha compiuto veri progressi. L’UE deve ora estendere i successi del proprio ampio mercato interno dell’energia oltre le sue frontiere per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento energetico ai Paesi membri e per stimolare partenariati internazionali in questo settore. La Commissione ha proposto un approccio coerente alle relazioni con i Paesi terzi in ambito energetico. A questo fine è necessario migliorare il coordinamento interno affinché l’UE e i suoi Stati membri agiscano e si esprimano con una sola voce”.

Oltre alla Comunicazione, la Commissione ha proposto una decisione per istituire un meccanismo di scambio di informazioni relative agli accordi intergovernativi nel settore energetico fra Stati membri e Paesi terzi. Questo meccanismo amplierà e integrerà la procedura di notifica, già applicabile oggi agli accordi nell’ambito dell’approvvigionamento di gas, a tutte le forme di energia, costituendo inoltre uno strumento per lo scambio di informazioni a livello Comunitario. La finalità è quella di rafforzare la posizione negoziale degli Stati membri nei confronti dei Paesi terzi, garantendo nel contempo la sicurezza dell’approvvigionamento, il corretto funzionamento del mercato interno e la certezza giuridica degli investimenti.

Il settore dell’approvvigionamento energetico per i Paesi dell’UE è un ambito sempre più decisivo e delicato, che necessita di un opportuno coordinamento interno nonché di una posizione forte e decisa al di fuori dell’Unione. La quota di energia importata nell’UE (attualmente l’80% del petrolio e oltre il 60% del gas) continua infatti a crescere, nonostante le politiche di risparmio energetico e lo sviluppo delle rinnovabili. Le decisioni e gli accordi internazionali con i Paesi terzi esercitano dunque un impatto significativo sullo sviluppo delle infrastrutture e sull’approvvigionamento del continente nel suo complesso. Fondamentali stanno anche divenendo le relazioni con i paesi di transito (e non solo con i produttori di energia), mentre nuovi modelli di domanda e offerta sui mercati e una crescente competizione per le risorse rendono necessario giocare la carta del “valore aggiunto” dell’UE come player nelle relazioni esterne mondiali del settore energetico.

In linea con la strategia Europa 2020, la Comunicazione elaborata si propone di rafforzare la dimensione esterna della politica energetica comunitaria, aumentando la trasparenza fra gli Stati membri dell’UE, rafforzando la cooperazione in seno alle organizzazioni internazionali e sviluppando partenariati energetici globali con i paesi partner di rilievo. La strategia elenca, a questo proposito, 43 azioni concrete, tra cui la negoziazione comune dell’accordo con l’Azerbaigian e il Turkmenistan sul gasdotto transcaspico, o il tema dell’energia nucleare, che prevede la promozione di norme giuridicamente vincolanti, a livello internazionale, in materia di sicurezza nucleare, anche in sede di AIEA, l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, e l’impegno a estendere le valutazioni di sicurezza nucleare anche ai paesi limitrofi dell’UE.

Il 13 settembre è stata inoltre approvata, dal Parlamento di Strasburgo, una risoluzione riguardante le imprese che vogliano realizzare trivellazioni offshore nei mari europei. A seguito dei noti incidenti internazionali, si è deciso che gli interessati dovranno presentare adeguati piani di emergenza e dimostrare di avere fondi sufficienti per rimborsare eventuali danni ambientali. In caso contrario, le competenti autorità nazionali non autorizzeranno le perforazioni in alto mare. Secondo l’autore della relazione, il deputato britannico Vicky Ford, “i giacimenti offshore sono cruciali per il fabbisogno energetico dell’Europa”, però “ogni operazione dovrebbe essere permessa solo quando si è sicuri che i rischi connessi possano essere controllati”. La politica energetica comune dell’UE si prepara dunque, finalmente, ad essere anche una politica ambientale.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende