Home » Bollettino Europa »Internazionali »Politiche »Rubriche » Politica estera UE: Bruxelles vara una strategia comune per l’energia:

Politica estera UE: Bruxelles vara una strategia comune per l’energia

Lo scorso 7 settembre la Commissione Europea ha adottato una Comunicazione sulla sicurezza dell’approvvigionamento energetico e sulla cooperazione internazionale, stabilendo per la prima volta una strategia globale per le relazioni esterne dell’UE in ambito energetico. Alla base dell’approccio presentato dalla Commissione c’è un migliore coordinamento fra gli Stati membri dell’Unione per identificare e attuare priorità chiare in tema di politica energetica estera. Un elemento che è apparso evidente anche nelle parole di Günther Oettinger, Commissario responsabile per l’Energia: “negli ultimi anni – ha dichiarato Oettinger – la politica energetica Europea ha compiuto veri progressi. L’UE deve ora estendere i successi del proprio ampio mercato interno dell’energia oltre le sue frontiere per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento energetico ai Paesi membri e per stimolare partenariati internazionali in questo settore. La Commissione ha proposto un approccio coerente alle relazioni con i Paesi terzi in ambito energetico. A questo fine è necessario migliorare il coordinamento interno affinché l’UE e i suoi Stati membri agiscano e si esprimano con una sola voce”.

Oltre alla Comunicazione, la Commissione ha proposto una decisione per istituire un meccanismo di scambio di informazioni relative agli accordi intergovernativi nel settore energetico fra Stati membri e Paesi terzi. Questo meccanismo amplierà e integrerà la procedura di notifica, già applicabile oggi agli accordi nell’ambito dell’approvvigionamento di gas, a tutte le forme di energia, costituendo inoltre uno strumento per lo scambio di informazioni a livello Comunitario. La finalità è quella di rafforzare la posizione negoziale degli Stati membri nei confronti dei Paesi terzi, garantendo nel contempo la sicurezza dell’approvvigionamento, il corretto funzionamento del mercato interno e la certezza giuridica degli investimenti.

Il settore dell’approvvigionamento energetico per i Paesi dell’UE è un ambito sempre più decisivo e delicato, che necessita di un opportuno coordinamento interno nonché di una posizione forte e decisa al di fuori dell’Unione. La quota di energia importata nell’UE (attualmente l’80% del petrolio e oltre il 60% del gas) continua infatti a crescere, nonostante le politiche di risparmio energetico e lo sviluppo delle rinnovabili. Le decisioni e gli accordi internazionali con i Paesi terzi esercitano dunque un impatto significativo sullo sviluppo delle infrastrutture e sull’approvvigionamento del continente nel suo complesso. Fondamentali stanno anche divenendo le relazioni con i paesi di transito (e non solo con i produttori di energia), mentre nuovi modelli di domanda e offerta sui mercati e una crescente competizione per le risorse rendono necessario giocare la carta del “valore aggiunto” dell’UE come player nelle relazioni esterne mondiali del settore energetico.

In linea con la strategia Europa 2020, la Comunicazione elaborata si propone di rafforzare la dimensione esterna della politica energetica comunitaria, aumentando la trasparenza fra gli Stati membri dell’UE, rafforzando la cooperazione in seno alle organizzazioni internazionali e sviluppando partenariati energetici globali con i paesi partner di rilievo. La strategia elenca, a questo proposito, 43 azioni concrete, tra cui la negoziazione comune dell’accordo con l’Azerbaigian e il Turkmenistan sul gasdotto transcaspico, o il tema dell’energia nucleare, che prevede la promozione di norme giuridicamente vincolanti, a livello internazionale, in materia di sicurezza nucleare, anche in sede di AIEA, l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, e l’impegno a estendere le valutazioni di sicurezza nucleare anche ai paesi limitrofi dell’UE.

Il 13 settembre è stata inoltre approvata, dal Parlamento di Strasburgo, una risoluzione riguardante le imprese che vogliano realizzare trivellazioni offshore nei mari europei. A seguito dei noti incidenti internazionali, si è deciso che gli interessati dovranno presentare adeguati piani di emergenza e dimostrare di avere fondi sufficienti per rimborsare eventuali danni ambientali. In caso contrario, le competenti autorità nazionali non autorizzeranno le perforazioni in alto mare. Secondo l’autore della relazione, il deputato britannico Vicky Ford, “i giacimenti offshore sono cruciali per il fabbisogno energetico dell’Europa”, però “ogni operazione dovrebbe essere permessa solo quando si è sicuri che i rischi connessi possano essere controllati”. La politica energetica comune dell’UE si prepara dunque, finalmente, ad essere anche una politica ambientale.

Donatella Scatamacchia

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende