Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Protocollo di Kyoto: l’Italia manca l’obiettivo 2008-2012:

Protocollo di Kyoto: l’Italia manca l’obiettivo 2008-2012

aprile 17, 2014 Internazionali, Nazionali, Politiche

Da oggi è ufficiale: l’Italia non ha raggiunto gli obiettivi del Protocollo di Kyoto – anche se di poco. Ieri mattina l’ISPRA ha presentato i dati sulle emissioni di gas serra dell’anno 2012, che vanno a concludere il periodo quinquennale Kyoto 2008-2012: a fronte di un impegno di riduzione delle emissioni del 6,5% rispetto all’anno base 1990, da realizzare mediamente nei 5 anni, il livello di diminuzione raggiunto è stato invece del 4,6%. Laddove invece si consideri la riduzione delle emissioni tra i dati del 1990 e del 2012 la differenza è del -11,4% (da 519 a 460 milioni di tonnellate di CO2 equivalente, tCO2eq).

Tra i gas serra, il più importante per quantità di emissioni, ovvero l’anidride carbonica, rappresenta l’84% del totale delle emissioni nel 2012 e presenta una riduzione delle quantità emesse in atmosfera dell’11%. Una parte di questa riduzione è imputabile alla decrescita della CO2 intensity dell’energia: grazie all’energia rinnovabile e agli interventi di efficienza energetica, produrre 1 kWh di energia ci costa in media meno CO2. In particolare, come si vede nella tabella sottostante (linea verde), il trend di questo indicatore è in diminuzione dal 1995, ma ha subito un significativo miglioramento dal 2008; segno che le politiche su energia rinnovabile ed efficienza energetica hanno portato i loro frutti.

Inventario Nazionale emissioni gas serra ISPRAL’altro fattore principale che ha contribuito, nostro malgrado, ad avvicinarci all’obiettivo è stata la crisi economica: i ridotti livelli produttivi, infatti, hanno tagliato anche emissioni di gas serra.

Per quanto riguarda le emissioni di metano, responsabili del 7,6% delle emissioni di gas serra, sono diminuite del 20,6%. Tra queste, nella gestione e trattamento dei rifiuti, le emissioni di metano sono diminuite del 17,5% grazie alla diminuzione dei rifiuti che finiscono in discarica. Anche il metano proveniente dagli allevamenti di bestiame è diminuito, a causa sia di meno bovini allevati che del trattamento per produrre biogas. Nel settore energetico, invece, a fronte di un decremento delle emissioni di metano industriali, si è osservato un aumento delle emissioni da riscaldamento casalingo, associato a nuove abitazioni.

Questi dati arrivano dopo la pubblicazione da parte della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile “Dossier Kyoto” che, utilizzando una metodologia di rendicontazione diversa da quella ufficiale e quindi non valida per la compliance con gli obblighi di Kyoto, aveva diffuso un comunicato stampa in cui si asseriva che il nostro Paese aveva centrato l’impegno. “L’Italia prosegue nel suo percorso virtuoso di riduzione delle emissioni di gas serra e dopo aver centrato e superato nel 2012 l’ obiettivo di Kyoto (-7,8% rispetto al 1990), nel 2013 ha ridotto le emissioni di un ulteriore 6% ed è sulla strada per centrare il target del 2020 del pacchetto clima-energia. (…) I dati ufficiali confermano le stime della Fondazione dello scorso anno. L’Italia ha centrato il target di Kyoto”, si legge ancora nel comunicato stampa del 13 febbraio scorso. I dati comunicati dalla Fondazione, però, non erano quelli trasmessi al segretariato di Bonn dell’UNFCCC (United Nations Framework Convention on Climate Change), e questo ha generato confusione, con la notizia del presunto raggiungimento degli obiettivi-Kyoto più volte ripresa dai giornali.

Adesso spetterà all’UNFCCC la verifica delle informazioni inviate dall’ISPRA: i dati nazionali, infatti, saranno sottoposti a review da parte dell’organismo delle Nazioni Unite, per verificare il rispetto della metodologia di calcolo. Proprio in questa fase, si potrebbe riscontrare una problematicità: in base agli articoli 3.3. e 3.4 del Protocollo di Kyoto, è possibile contabilizzare anche gli assorbimenti da attività di forestazione e gestione forestale (per la precisione, per quanto riguarda gli assorbimenti da gestione forestale l’Italia potrà portare a deduzione solo una parte delle attività, per un massimo di 10,2 MtCO2eq all’anno); per le attività di forestazione, però, una parte potrebbe non essere conteggiata, andando quindi ad aumentare il gap.

Al momento, quindi, la distanza dall’obiettivo Kyoto è di 16,9 MtCO2, forse soggetto a un aumento. Per questo ammontare l’Italia non avrà multe, in quanto non previste nel Protocollo di Kyoto, ma dovrà acquistare delle quote di emissione (in forma di CER/ERU o AAU). Al momento i crediti sono disponibili a prezzi di mercato molto bassi (dalle 0,25 Euro/tCO2eq a 3-4 Euro). Considerando un prezzo medio di 1 Euro a tonnellata, il prezzo sarebbe dunque di “soli” 17 milioni circa. Lo stanziamento economico è già previsto nel Decreto di Programmazione Economica e Finanziaria, ma ancora non è ancora stata prevista la copertura, che potrebbe forse provenire dal ricavato delle aste della CO2 dell’Emission Trading Scheme delle aziende.

A seguito della pubblicazione del nuovo report IPCC sui cambiamenti climatici e a pochi mesi dall’inizio del semestre italiano di presidenza del Consiglio dell’Unione Europea, l’Italia si presenta dunque con un magro risultato Kyoto, sotto la sufficienza. Ci auguriamo che questo non vada a minare le basi di credibilità del nostro Paese durante la prossima Conferenza sul Clima di Lima, a fine anno, nella quale sarà proprio l’Italia a rappresentare l’Europa e negoziare gli impegni di decarbonizzazione delle economie mondiali post-2020.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende