Home » Internazionali »Politiche » A Nairobi si chiude la prima assemblea ONU per l’ambiente:

A Nairobi si chiude la prima assemblea ONU per l’ambiente

luglio 1, 2014 Internazionali, Politiche

L’evento è stato descritto come “storico” dalle Nazioni Unite. Si tratta della nuova Assemblea ONU per l’ambiente (UNEA) che si è riunita dal 23 al 27 giugno a Nairobi, con l’obiettivo dichiarato di fare della tutela ambientale un tema fondamentale per l’umanità al pari della pace, della sicurezza, del commercio e della salute. Fondata nel marzo 2013, UNEA è l’organismo delle Nazioni Unite di più alto livello mai costituito attorno a questo tema. La sua nascita è stata decisa durante la Conferenza sullo sviluppo sostenibile Rio +20 nel giugno 2012, per rafforzare il ruolo del Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP). Vuole, inoltre, essere una piattaforma per lo sviluppo di politiche ambientali su scala globale che si riunirà ogni due anni.

1.200 delegati e rappresentanti di governo di 160 paesi, nonché esperti di alto livello, si sono confrontati su quattro tematiche principali: ambientale e diritto, finanziamenti alla green economy, sviluppo sostenibile post 2015 e commercio illegale di specie selvatiche.

Riguardo a quest’ultimo tema, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (Cites) ha chiesto di concentrare l’attenzione sulla lotta contro il bracconaggio, in particolare quella di elefanti e rinoceronti africani esplosa dalla fine degli anni 2000, alimentata dalla forte domanda di avorio in Asia e nel Medio Oriente. In Africa vengono uccisi tra i 20.000 e i  25.000 elefanti all’anno, su una popolazione stimata tra 420.000 ed i 650.000 esemplari. La popolazione degli elefanti di foresta è diminuita di circa il 62% tra il 2002 e il 2011.  Per quanto riguarda, invece, i rinoceronti, il 94% del bracconaggio avviene in Zimbabwe e Sudafrica, con organizzazioni criminali che hanno portato gli abbattimenti da 50 nel 2007 ad oltre 1.000 nel 2013. A questi esempi si aggiunge anche il commercio illegale di grandi scimmie. John Scanlon, direttore della Cites, ha suggerito di usare, contro le reti criminali operative in questo settore, gli stessi strumenti  legislativi usati contro i trafficanti di droga o esseri umani.

Ancor più preoccupante è il caso dei proventi derivanti dal commercio illegale di materie prime. Dal rapporto “The Environmental Crime Crisis,” – scritto a quattro mani con l’Interpol -  emerge, infatti, che un solo gruppo attivo nel terrorismo che opera nell’Africa orientale incamera tra i 38 e i 56 milioni di dollari all’anno grazie al commercio illegale di carbone. Con le attuali tendenze demografiche, secondo le quali entro il 2050 la popolazione dell’Africa sub-sahariana crescerà di oltre un miliardo di persone, la domanda di carbone è destinata a triplicare. Questo aumenterà considerevolmente il potere d’acquisto delle organizzazioni terroristiche. “È essenziale che il 2014 diventi l’anno di un’azione concreta e decisiva”, ha affermato, Achim Steiner, Il direttore esecutivo dell’UNEP.

Continuando poi sulla scia dei crimini ambientali, il disboscamento illegale rappresenta dal 10 al 30% del commercio mondiale di legname. Per quanto riguarda la produzione della cellulosa, reti di società utilizzano piantagioni autorizzate per immettere sul mercato il legname illegale. Che sfugge in questo modo ai controlli doganali e arriva anche in Europa.

Il valore monetario di tutti i reati ambientaliche comprendono deforestazione, bracconaggio, traffico di animali, pesca illegale, estrazione illegale e scarico di rifiuti tossici - è compreso tra i 70 ed i  213 miliardi di dollari all’ anno.

Il report contiene anche delle raccomandazioni. In primo luogo, gli esperti invitano gli Stati a riconoscere le molteplici dimensioni della criminalità ambientale e il suo serio impatto sull’ambiente e sugli obiettivi per lo sviluppo sostenibile. A coordinarsi con le Nazioni Unite e a rinforzare la propria legislazione interna in materia ambientale, nonché i sistemi istituzionali e giuridici per combattere ulteriormente la corruzione e garantire che il commercio legale sia monitorato e gestito in modo efficace. Fondamentale, poi, il ruolo dei consumatori che devono essere informati attraverso campagne di sensibilizzazione. Sul piano della cooperazione allo sviluppo è necessario che i donatori riconoscano la criminalità ambientale come una grave minaccia per lo sviluppo sostenibile e sostengano gli sforzi nazionali, regionali e globali dedicati all’attuazione e all’applicazione di misure mirate a frenare il commercio illegale.

Accanto a ciò, UNEP ha, inoltre, redatto un documento in cui si sottolinea la minaccia rappresentata dai rifiuti di plastica sulla vita marina. La maggior parte di questi scarti finisce in mezzo al mare formando veri e propri “continenti di plastica” e il crescente impatto della microplastica (pezzi con diametro inferiore a 5 mm) desta particolare preoccupazione. Principalmente perché la loro ingestione mette a repentaglio la vita di numerose specie marine tra cui uccelli, pesci, molluschi, vermi e zooplancton, e danneggia  habitat naturali essenziali come le barriere coralline.

Tra le personalità intervenute al Summit di Nairobi, il ministro dell’ambiente italiano, Gian Luca Galletti, che ha dichiarato che “la battaglia per la protezione degli animali in via d’estinzione e delle specie protette parte dall’impegno nei Paesi di origine”. Il Ministro ha poi chiesto di rafforzare la lotta al traffico illegale di specie protette e che “gli Stati procedano uniti e con la massima fermezza, dando alle Nazioni Unite un chiaro mandato ad agire contro questa barbarie che ingrossa le tasche di sfruttatori senza scrupoli e che intacca la sopravvivenza del nostro pianeta”.

Il Summit si è chiuso con il discorso del Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, che ha lanciato un appello a “cambiare il rapporto dell’umanità con il nostro pianeta” e ha avvertito che l’attuale consumo di risorse non è più sopportabile: “La mano dell’uomo è ovunque, dalla deforestazione tropicale alle risorse ittiche in declino, dalla crescente penuria di acqua all’inquinamento sempre più accentuato di cieli, mare, terra e acqua nei numerosi luoghi del mondo, dal rapido declino della biodiversità alla crescente minaccia del cambiamento climatico”.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende