Home » Internazionali »Politiche » A Nairobi si chiude la prima assemblea ONU per l’ambiente:

A Nairobi si chiude la prima assemblea ONU per l’ambiente

luglio 1, 2014 Internazionali, Politiche

L’evento è stato descritto come “storico” dalle Nazioni Unite. Si tratta della nuova Assemblea ONU per l’ambiente (UNEA) che si è riunita dal 23 al 27 giugno a Nairobi, con l’obiettivo dichiarato di fare della tutela ambientale un tema fondamentale per l’umanità al pari della pace, della sicurezza, del commercio e della salute. Fondata nel marzo 2013, UNEA è l’organismo delle Nazioni Unite di più alto livello mai costituito attorno a questo tema. La sua nascita è stata decisa durante la Conferenza sullo sviluppo sostenibile Rio +20 nel giugno 2012, per rafforzare il ruolo del Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP). Vuole, inoltre, essere una piattaforma per lo sviluppo di politiche ambientali su scala globale che si riunirà ogni due anni.

1.200 delegati e rappresentanti di governo di 160 paesi, nonché esperti di alto livello, si sono confrontati su quattro tematiche principali: ambientale e diritto, finanziamenti alla green economy, sviluppo sostenibile post 2015 e commercio illegale di specie selvatiche.

Riguardo a quest’ultimo tema, la Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (Cites) ha chiesto di concentrare l’attenzione sulla lotta contro il bracconaggio, in particolare quella di elefanti e rinoceronti africani esplosa dalla fine degli anni 2000, alimentata dalla forte domanda di avorio in Asia e nel Medio Oriente. In Africa vengono uccisi tra i 20.000 e i  25.000 elefanti all’anno, su una popolazione stimata tra 420.000 ed i 650.000 esemplari. La popolazione degli elefanti di foresta è diminuita di circa il 62% tra il 2002 e il 2011.  Per quanto riguarda, invece, i rinoceronti, il 94% del bracconaggio avviene in Zimbabwe e Sudafrica, con organizzazioni criminali che hanno portato gli abbattimenti da 50 nel 2007 ad oltre 1.000 nel 2013. A questi esempi si aggiunge anche il commercio illegale di grandi scimmie. John Scanlon, direttore della Cites, ha suggerito di usare, contro le reti criminali operative in questo settore, gli stessi strumenti  legislativi usati contro i trafficanti di droga o esseri umani.

Ancor più preoccupante è il caso dei proventi derivanti dal commercio illegale di materie prime. Dal rapporto “The Environmental Crime Crisis,” – scritto a quattro mani con l’Interpol -  emerge, infatti, che un solo gruppo attivo nel terrorismo che opera nell’Africa orientale incamera tra i 38 e i 56 milioni di dollari all’anno grazie al commercio illegale di carbone. Con le attuali tendenze demografiche, secondo le quali entro il 2050 la popolazione dell’Africa sub-sahariana crescerà di oltre un miliardo di persone, la domanda di carbone è destinata a triplicare. Questo aumenterà considerevolmente il potere d’acquisto delle organizzazioni terroristiche. “È essenziale che il 2014 diventi l’anno di un’azione concreta e decisiva”, ha affermato, Achim Steiner, Il direttore esecutivo dell’UNEP.

Continuando poi sulla scia dei crimini ambientali, il disboscamento illegale rappresenta dal 10 al 30% del commercio mondiale di legname. Per quanto riguarda la produzione della cellulosa, reti di società utilizzano piantagioni autorizzate per immettere sul mercato il legname illegale. Che sfugge in questo modo ai controlli doganali e arriva anche in Europa.

Il valore monetario di tutti i reati ambientaliche comprendono deforestazione, bracconaggio, traffico di animali, pesca illegale, estrazione illegale e scarico di rifiuti tossici - è compreso tra i 70 ed i  213 miliardi di dollari all’ anno.

Il report contiene anche delle raccomandazioni. In primo luogo, gli esperti invitano gli Stati a riconoscere le molteplici dimensioni della criminalità ambientale e il suo serio impatto sull’ambiente e sugli obiettivi per lo sviluppo sostenibile. A coordinarsi con le Nazioni Unite e a rinforzare la propria legislazione interna in materia ambientale, nonché i sistemi istituzionali e giuridici per combattere ulteriormente la corruzione e garantire che il commercio legale sia monitorato e gestito in modo efficace. Fondamentale, poi, il ruolo dei consumatori che devono essere informati attraverso campagne di sensibilizzazione. Sul piano della cooperazione allo sviluppo è necessario che i donatori riconoscano la criminalità ambientale come una grave minaccia per lo sviluppo sostenibile e sostengano gli sforzi nazionali, regionali e globali dedicati all’attuazione e all’applicazione di misure mirate a frenare il commercio illegale.

Accanto a ciò, UNEP ha, inoltre, redatto un documento in cui si sottolinea la minaccia rappresentata dai rifiuti di plastica sulla vita marina. La maggior parte di questi scarti finisce in mezzo al mare formando veri e propri “continenti di plastica” e il crescente impatto della microplastica (pezzi con diametro inferiore a 5 mm) desta particolare preoccupazione. Principalmente perché la loro ingestione mette a repentaglio la vita di numerose specie marine tra cui uccelli, pesci, molluschi, vermi e zooplancton, e danneggia  habitat naturali essenziali come le barriere coralline.

Tra le personalità intervenute al Summit di Nairobi, il ministro dell’ambiente italiano, Gian Luca Galletti, che ha dichiarato che “la battaglia per la protezione degli animali in via d’estinzione e delle specie protette parte dall’impegno nei Paesi di origine”. Il Ministro ha poi chiesto di rafforzare la lotta al traffico illegale di specie protette e che “gli Stati procedano uniti e con la massima fermezza, dando alle Nazioni Unite un chiaro mandato ad agire contro questa barbarie che ingrossa le tasche di sfruttatori senza scrupoli e che intacca la sopravvivenza del nostro pianeta”.

Il Summit si è chiuso con il discorso del Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, che ha lanciato un appello a “cambiare il rapporto dell’umanità con il nostro pianeta” e ha avvertito che l’attuale consumo di risorse non è più sopportabile: “La mano dell’uomo è ovunque, dalla deforestazione tropicale alle risorse ittiche in declino, dalla crescente penuria di acqua all’inquinamento sempre più accentuato di cieli, mare, terra e acqua nei numerosi luoghi del mondo, dal rapido declino della biodiversità alla crescente minaccia del cambiamento climatico”.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende