Home » Internazionali »Nazionali »Politiche » Rifiuti campani: Bruxelles chiede una soluzione entro giugno:

Rifiuti campani: Bruxelles chiede una soluzione entro giugno

gennaio 26, 2012 Internazionali, Nazionali, Politiche

L’Italia non ha ancora applicato la sentenza della Corte di Giustizia Europea sui rifiuti in Campania. La situazione non è ancora stabile, dunque l’Unione Europea non sospende alcuna procedura”. Lo ha riferito, senza mezzi termini, il Commissario Europeo all’Ambiente, Janez Potocnik, dopo un incontro con il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini svoltosi a Bruxelles ieri pomeriggio, a cui hanno partecipato anche le massime cariche istituzionali campane, il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il presidente della Provincia Luigi Cesaro e il governatore della Campania Stefano Caldoro.

La sentenza a cui fa riferimento il Commissario Potocnik è quella della Corte di Giustizia Europea che, nel marzo del 2010, ha condannato l’Italia per non essere riuscita a creare una rete di impianti adeguati a garantire lo smaltimento dei rifiuti, mettendo così in pericolo la salute umana e l’ambiente in Campania.

L’incontro, però, come hanno sottolineato gli stessi protagonisti, non è stato del tutto negativo. Potocnik e quindi l’UE, infatti, concedono all’Italia altri cinque mesi di tempo per dimostrare che il nuovo piano di gestione dei rifiuti in Campania è operativo e funziona concretamente. Si tratta del piano approvato dalla Campania lo scorso 30 dicembre e inviato a Bruxelles il 16 gennaio, il quale è stato definito dallo stesso Commissario come “un passo avanti importante”.

Da questo momento, la situazione in Campania sarà “una lotta contro il tempo”, ha continuato Potocnik, “un tempo non illimitato”, in quanto se entro giugno il calendario di attuazione delle diverse misure del piano, il cosiddetto cronoprogramma, non verrà attuato puntualmente, l’Unione Europea non rinuncerà a portare avanti la procedura d’infrazione che sta preparando contro l’Italia in ordine alla non esecuzione della sentenza del 4 marzo 2010. D’altronde, come ha sostenuto Clini, l’Italia ha tutto l’interesse affinché la Campania attui in maniera corretta il cronoprogramma. Il nuovo ricorso dell’UE, infatti, comporterebbe la richiesta di cospicue multe giornaliere, circa mezzo milione di euro al giorno, da pagare per tutta la durata della violazione del diritto comunitario, fin dalla prima sentenza.

L’unione Europea, dunque, seppur rigida nelle sue posizioni, si dimostra comunque fiduciosa nei confronti dell’Italia e della Campania in particolare. Questa fiducia viene dimostrata con lo sblocco di una parte dei fondi UE di coesione per lo sviluppo regionale che erano stati congelati proprio in attesa del nuovo piano campano. Anche in questo caso, il Commissario ha tenuto a puntualizzare che Bruxelles manterrà uno stretto controllo sull’utilizzo dei finanziamenti, che dovrà essere coerente con quanto richiesto dalla Direttiva europea 2008/98/EC riguardante la gestione dei rifiuti. Sulla base della Direttiva, qualsiasi programma di gestione dei rifiuti in territorio europeo dovrà rispettare delle priorità ben precise stabilite da una chiara “gerarchia” fra le diverse modalità di gestione dei rifiuti stessi: in primis, la prevenzione, poi il riuso, quindi il riciclaggio compreso il compostaggio, seguito dall’utilizzo degli inceneritori con il recupero di energia e, solo come ultima ratio, la messa in discarica dei rifiuti.

Effettivamente il programma campano, racchiude in sé le priorità europee. D’altronde le autorità locali della regione stanno attuando, da mesi, campagne di promozione e programmi di attuazione della raccolta differenziata porta a porta, ottenendo tra l’altro un notevole successo. Basti pensare che nella sola Scampia si è ottenuto il 65% di differenziata. A sottolinearlo è lo stesso De Magistris in una nota al termine della conferenza stampa del Ministro Clini e del Commissario Potocnik, affermando che “l’Europa ha riconosciuto all’amministrazione di Napoli l’aver avviato un nuovo corso in materia di rifiuti. In particolare, continua De Magistris,  l’estensione della raccolta differenziata porta a porta e il trasferimento transfrontaliero, via nave, dei rifiuti secchi verso l’Olanda”. Ovviamente, allo stato attuale dei fatti, le autorità campane auspicano che si sblocchino proprio i fondi per il potenziamento della raccolta differenziata.

Si è trattato, dunque, di un incontro ricco di argomentazioni importanti dove sono state stabilite e precisate le posizioni degli attori in campo. Il punto decisivo è che tutti si sono trovati d’accordo sulla modalità di gestione dei rifiuti e su quelli che sono gli obiettivi dell’UE a medio e lungo termine. Come è stato più volte sottolineato, anche dallo stesso Potocnik, i rifiuti devono essere considerati una vera e propria risorsa. D’altronde, secondo uno studio della Commissione Europea pubblicato lo scorso 13 gennaio, una piena attuazione della legislazione UE sui rifiuti consentirebbe di risparmiare 72 miliardi di euro l’anno, incrementando di 42 miliardi di euro il fatturato annuo del settore che gestisce i rifiuti e del settore del riciclaggio, creando oltre 400.000 posti di lavoro entro il 2020.

Donatella Scatamacchia

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende