Home » Idee »Nazionali »Politiche » Roma Sì Muove: otto quesiti per cambiare la città:

Roma Sì Muove: otto quesiti per cambiare la città

settembre 4, 2012 Idee, Nazionali, Politiche

Volete voi che Roma Capitale adotti e realizzi un piano di interventi per potenziare il trasporto pubblico e la mobilità sostenibile alternativa all’auto?” E’ questo il primo dei quesiti referendari – in perfetto stile SPQR – proposti dai promotori del referendum romano, riuniti nel Comitato Roma Sì Muove. Dopo il successo dei referendum di Milano, anche la capitale si muove per proporre alla politica un indirizzo preciso riguardo a una trasformazione urbana sostenibile. I quesiti questa volta sono ben 8, e toccano vari aspetti della sostenibilità urbana e, in generale, della gestione della città.

Riguardo alla mobilità pubblica, si propone il rilancio degli investimenti sulle tramvie, la rimodernizzazione delle ferrovie regionali, la ridefinizione delle corsie preferenziali per gli autobus, con la creazione di un servizio diffuso di “bus di quartiere”. Si chiede inoltre la creazione di almeno 400 km di piste e itinerari ciclabili entro il 2015, contestualmente al potenziamento del servizio di car sharing dentro e fuori le zone a traffico limitato.

Per quanto concerne il Piano Regolatore Generale, si chiede la realizzazione di un piano straordinario finalizzato allo “stop del consumo di territorio e al recupero qualitativo ed energetico del patrimonio edilizio e dei tessuti urbani esistenti”: un vero e proprio cambio di paradigma per una città storicamente abituata all’edificazione selvaggia dei “palazzinari” e dei furbetti del quartierino. Per i rifiuti, la proposta referendaria include invece una strategia “Rifiuti Zero”, con l’attuazione di politiche per la riduzione della produzione dei rifiuti e l’estensione a tutto il territorio comunale del modello di raccolta differenziata porta a porta e di un sistema tariffario fondato sulla quantità di rifiuti indiffirenziati corrisposti da ogni famiglia (tariffa puntuale). Per il litorale romano si propone  poi l’estensione delle spiagge libere, con un rapporto del 50% rispetto alle spiagge date in concessione ai privati.

Oltre alla sostenibilità ambientale, i quesiti riguardano anche alcuni aspetti etici: l’istituzione di un registro dei testamenti biologici, la tutela delle famiglie di fatto per l’accesso ai servizi pubblici, le modalità di accesso ai servizi pubblici, l’abolizione dei consigli di amministrazione delle società di Roma Capitale.

Finora sono state raccolte circa la metà delle 50.000 firme necessarie per chiamare i romani al voto: il tempo per la raccolta delle firme, di tre mesi, scade il 5 ottobre. Se si raggiungerà il numero minimo di firme, il voto sui referendum si terrà nei primi 6 mesi del 2013; se almeno il 30% dei romani andrà a votare e vinceranno i “sì”, i referendum avranno il valore di un preciso indirizzo per il prossimo sindaco. Per sapere dove firmare o aiutare i promotori del referendum, gli aggiornamenti sono disponibili sulla pagina www.romasimuove.it.

Veronica Caciagli

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende