Home » Idee »Politiche » Salute pubblica: l’emergenza che gli amministratori non possono più ignorare:

Salute pubblica: l’emergenza che gli amministratori non possono più ignorare

marzo 4, 2015 Idee, Politiche

L’hanno ignorata, nascosta sotto il tappeto e spesso calpestata. Nei prossimi anni tuttavia gli amministratori locali e nazionali non potranno più ignorare la salute pubblica. Se l’esperienza personale di ognuno di noi non fosse già sufficiente a mostrarci il proliferare negli ultimi anni delle patologie croniche e degenerative, i dati dell’OMS confermano questa tendenza. L’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di un’“epidemia silenziosa”, prima causa di morte nel mondo: problemi cardiovascolari, difficoltà respiratorie, diabete, cancro, provocano circa il 60% dei decessi. E la loro insorgenza è in crescita: solo per quanto riguarda i tumori, si prevede un aumento dei casi del 70% nei prossimi due decenni.  Nell’adozione di politiche economiche o sociali, ambientali o scolastiche, sempre più si dovrà quindi valutarne l’impatto ecologico e sanitario. I piani di mobilità, la promozione di certi settori industriali, la pianificazione urbanistica, i programmi scolastici: tutte saranno anche politiche di salute pubblica.

Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e fattori sociali e ambientali della salute dell’OMS, dal convegno dell’Associazione dei medici per l’ambiente (ISDE), tenutosi ad Arezzo lo scorso 28 febbraio, ha ribadito il concetto in relazione alle strategie climatiche: “Le misure che si prenderanno per combattere il riscaldamento globale saranno misure di sanità pubblica, che avranno un impatto molto importante sulla salute”. Ma il tema è più ampio: “L’ambiente è un determinante fondamentale della salute. Le informazioni provenienti dall’ambiente inducono il DNA a modificarsi già nella fase di programmazione dell’embrione. Dunque la probabilità di sviluppare patologie croniche dipende in buona parte dai primi stadi della vita: è prevedibile e reversibile, ma è sull’ambiente che bisogna intervenire”, spiega Ernesto Burgio, presidente del comitato scientifico di ISDE e membro di quello dello European Cancer and Environmental Research Institute.

Per contare gli esempi specifici dell’interazione tra attività umane, ambiente e salute non basterebbero le dita di cento mani. Ci sono quelli più scontati, dalla produzione agricola – in cui, dice il direttore generale di Aboca Massimo Mercati “nella valutazione degli effetti ambientali siamo ancora all’anno zero. L’economia ha estromesso l’ambiente, relegando i danni ecologici a esternalità negative” –  agli scarichi industriali nei corsi d’acqua – si pensi, per citare un caso italiano, alla Valle del Sacco -. Il caso dei siti contaminati è emblematico: “Ad oggi la piattaforma comunitaria EIO-NET stima 2,5 milioni di siti contaminati in Europa. Tuttavia, solo il 30% dei Paesi membri ha fatto progressi nella loro perimetrazione e solo il 18% ha completato questa fase. Inoltre, solo il 15% dei siti contaminati nel nostro continente sono stati bonificati”, denuncia Agostino Di Ciaula, referente di ISDE per la Puglia. In Italia parliamo di 6 milioni di cittadini esposti all’inquinamento in queste aree, “con bonifiche completate in quasi nessuno dei Siti di interesse nazionale e in diversi casi mai partite”. Finora, fa notare il medico, “si sono valutati i danni, adesso bisogna quantificare anche il rischio”. Per la rigenerazione ambientale serviranno soldi, e non sarà, di nuovo, una politica solo di competenza del Ministero dell’Ambiente o di quello della Salute.

Accanto alle vicende più note ci sono quelle meno conosciute, come la questione delle tracce di farmaci presenti nelle acque. “I farmaci sono formulati per essere biologicamente attivi. Diversi non si degradano nel passaggio attraverso il nostro stomaco, e finiscono nell’ambiente tali e quali. Spesso sono prescritti ai pazienti solo per brevi periodi, sotto controllo medico, e non possono essere assunti da bambini o donne in gravidanza. Finendo nelle acque, con impianti di depurazione che spesso non possono assicurare la rimozione di questi residui, sono assorbiti dagli organismi acquatici e tutti i cittadini vengono a contatto con essi”, racconta il segretario di ISDE internazionale Lilian Corra, impegnata perché i governi prendano in considerazione il problema e le case farmaceutiche progettino medicinali pensando a come si comporteranno una volta dispersi nell’ambiente. Ambiti che competeranno, di nuovo, non tanto e non solo ai ministri dell’Ambiente o della Salute, ma anche a chi detta le politiche industriali.

Un primo tentativo di mettere al centro la salute pubblica è l’introduzione della Valutazione di Impatto Sanitario (VIS). “È prevista da tempo dalle direttive europee, ma in Italia non viene quasi mia effettuata. D’altra parte, nella normativa non c’è scritto che senza VIS la VIA non è valida”, rivela Fabrizio Bianchi, responsabile dell’unità di ricerca di Epidemiologia ambientale e registri di patologia dell’Istituto di Fisiologia clinica del CNR. Un tentativo, riuscito solo in parte, di introdurre la VIS, è stato fatto dai deputati del Movimento 5 Stelle: la maggioranza poi ha modificato il loro emendamento al Collegato ambientale riducendone la portata e il testo è stato approvato alla Camera, ma non ancora dal Senato. Un altro piccolo segnale positivo, che dovrà però tradursi in fatti concreti per avere qualche effetto, è il nuovo Piano nazionale di prevenzione del Ministero della Salute. “Tra i macro-obiettivi c’è la riduzione non solo delle malattie, ma anche delle esposizioni ambientali anche solo potenzialmente dannose per la salute. Per la prima volta si parla di accountability e di integrazione tra servizi ambientali e sanitari. Adesso bisognerà vedere come le Regioni attueranno queste linee guida”, continua Bianchi.

La parola chiave è prevenzione; la questione vera è spostare i soldi verso questa voce di bilancio. “Oggi – spiega Maria Neira dell’OMS - il 97% della spesa sanitaria a livello mondiale è destinato alle cure, e solo il 3% va alla prevenzione, che spesso comunque è secondaria”, mirata cioè alla diagnosi precoce della malattia e non ad evitarne l’insorgenza. Il concetto che deve passare, ci tiene a chiarire Burgio, è che ammalarsi di cancro “non è bad luck, come si legge in un articolo pubblicato su  Science, ma si può prevedere e prevenire. Gli inquinanti più pericolosi per le modificazioni del genoma sono campi elettromagnetici, metalli pesanti, molecole chimiche di sintesi. Bisogna intervenire sull’ambiente”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende