Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » SENza approvazione parlamentare. Il “colpo di mano” della strategia energetica nazionale:

SENza approvazione parlamentare. Il “colpo di mano” della strategia energetica nazionale

Il 14 marzo, dopo quasi venti giorni dalle elezioni e dopo quasi quattro mesi dalla fine della XVI Legislatura, i ministri uscenti dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, Corrado Passera e Corrado Clini, hanno presentato la versione finale della Strategia Energetica Nazionale (SEN).

Il documento, con le sue 139 pagine, intende delineare le scelte energetiche dei prossimi decenni, nonostante l’orizzonte di riferimento esplicitato chiaramente sia solo il 2020, che, specie per il settore energetico, non può certo dirsi un lungo periodo. La Strategia si prefigge quattro obiettivi: riduzione dei costi energetici, pieno raggiungimento e superamento di tutti gli obiettivi europei in materia ambientale, maggiore sicurezza di approvvigionamento e sviluppo industriale del settore energia. Per raggiungerli, sono state fissate sette priorità: promozione dell’efficienza energetica, promozione di un mercato del gas competitivo, con l’opportunità di diventare il principale Hub sud-europeo, sviluppo (economicamente) sostenibile delle energie rinnovabili, sviluppo di un mercato elettrico pienamente inserito in quello europeo e con la graduale integrazione della produzione rinnovabile, ristrutturazione del settore della raffinazione e della rete di distribuzione dei carburanti, sviluppo (ambientale) sostenibile della produzione nazionale di idrocarburi, modernizzazione dei processi decisionali con l’obiettivo di renderli più efficaci e più efficienti.

Non solo, quindi, un voluminoso documento ma un’iniziativa dalle enormi potenzialità, che però ha fatto ben poco notizia. Certo, in questi giorni ben altri fatti saturano gli spazi informativi. Tuttavia, gran parte del poco interesse può essere spiegato con l’incertezza sugli effetti concreti di questa iniziativa evidentemente giudicata fuori tempo massimo. Una sorta di “colpo di mano”, un atto illegittimo da parte di un governo in carica solo per gli affari correnti, è stata la prima accusa lanciata da Greenpeace, Legambiente e WWF, tanto da riservarsi di impugnare l’atto di approvazione della SEN. Anche perché il giudizio ambientalista sul merito della Strategia è piuttosto negativo: il documento viene infatti giudicato troppo sbilanciato sugli idrocarburi.

Quest’ultimo tema era stato molto enfatizzato in occasione della presentazione della bozza, posta in consultazione il 16 ottobre 2012, tanto da prevedere, nell’ambito della priorità “Produzione sostenibile di idrocarburi nazionali”, il raddoppio delle produzioni nazionali sia di petrolio che gas naturale. Un raddoppio che, con nessuna enfasi, è rimasto anche nella versione approvata (in sordina) con decreto interministeriale firmato l’8 marzo da Passera e Clini.

Tuttavia, per prevedere gli effetti concreti di tale previsione è necessario soffermarsi sulla natura stessa della Strategia Energetica Nazionale. Il decreto che l’approva la definisce quale “atto di indirizzo strategico”, tuttavia il sottosegretario Claudio De Vincenti – anche durante la presentazione – ha usato la formula più sfumata di “documento di analisi, idee, proposte”. La questione, come si vedrà, non è di poco conto, se si considera che la fissazione di obiettivi è funzione propria del Parlamento, mentre al Governo, non a caso organo esecutivo, spetta il compito di realizzarli. Pertanto, il passaggio da semplice documento di analisi e proposta ad “atto di programmazione e indirizzo” sarebbe possibile in virtù di una legge, approvata in Parlamento, che impegni il Governo a definire una Strategia. E in effetti uno specifico articolo di legge c’era: il numero 7 della legge 133/2008, che però è stato abolito durante il governo Berlusconi nel goffo tentativo di evitare il referendum sul nucleare.

Trattandosi poi di energia non si può dimenticare che la l’art. 117 della Costituzione assegna, in tale settore, la competenza in maniera concorrente tra Stato e Regioni. E ci si dovrebbe anche ricordare che la Strategia fu concepita e prevista con legge anche, o meglio soprattutto, per poter permettere il ritorno della produzione di energia elettronucleare in territorio italiano, ma anche abruzzese, siciliano, piemontese, sardo e di tutte le altre regioni, che dapprima in undici, con alcune irriducibili – Puglia, Campania, Basilicata, Toscana e Emilia-Romagna – hanno intrapreso un guerra contro il possibile ritorno al nucleare e a difesa delle proprie prerogative, terminata solo con il referendum.

Dunque, il problema della SEN non è rappresentato tanto dal fatto che il decreto che l’approva sia o meno un atto di ordinaria amministrazione ma piuttosto, più gravemente, sulla sussistenza, ad oggi, di un indispensabile presupposto normativo che ne giustifichi l’emanazione. È vero che la versione finale della SEN è stata preceduta da un ampio processo di consultazione, avviato a metà ottobre e proseguito con il confronto con le istituzioni rilevanti, di cui si deve senz’altro dare merito al Ministero dello Sviluppo Economico. Ed è anche vero che la bozza di SEN ha avuto un parere positivo dalle Regioni, riunite nella Conferenza Unificata dello scorso 6 dicembre, ma queste ultime avevano comunicato “la richiesta di potersi esprimere anche sul documento definitivo”, sul quale, peraltro è mancato il parere più importante: quello del Parlamento, ovviamente non quello appena insediatosi, ma quello in carica fino al 22 dicembre 2012.

A questo punto, è solo un dettaglio che il Ministero dello Sviluppo Economico, nel redigere il documento finale, non abbia rispettato l’iter che egli stesso autonomamente si era dato – peraltro non è stata più celebrata la prevista Conferenza Nazionale sull’Energia – in quanto il vero problema giuridico della SEN sta tutto nell’aver agito in maniera “autonoma” dal Parlamento. In tale contesto, appare dunque poco rilevante quanto ha risposto, a tal proposito il ministro Passera in occasione della conferenza stampa di presentazione: “Era nostro dovere dare queste linee guida. Dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri a ottobre, noi come ministeri avevamo l’impegno ad andare fino in fondo. Il documento può essere modificato facilmente da altri Governi perché è un decreto ministeriale, e sarebbe stato un grave errore interrompere il lavoro avviato”. E’ noto, infatti, come la certezza del diritto sia la base per un qualsiasi investimento duraturo.

Antonio Sileo*e Hermann Franchini**

*Ricercatore IEFE Bocconi

**Avvocato

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende