Home » Nazionali »Politiche »Rubriche »Top Contributors » SENza approvazione parlamentare. Il “colpo di mano” della strategia energetica nazionale:

SENza approvazione parlamentare. Il “colpo di mano” della strategia energetica nazionale

Il 14 marzo, dopo quasi venti giorni dalle elezioni e dopo quasi quattro mesi dalla fine della XVI Legislatura, i ministri uscenti dello Sviluppo Economico e dell’Ambiente, Corrado Passera e Corrado Clini, hanno presentato la versione finale della Strategia Energetica Nazionale (SEN).

Il documento, con le sue 139 pagine, intende delineare le scelte energetiche dei prossimi decenni, nonostante l’orizzonte di riferimento esplicitato chiaramente sia solo il 2020, che, specie per il settore energetico, non può certo dirsi un lungo periodo. La Strategia si prefigge quattro obiettivi: riduzione dei costi energetici, pieno raggiungimento e superamento di tutti gli obiettivi europei in materia ambientale, maggiore sicurezza di approvvigionamento e sviluppo industriale del settore energia. Per raggiungerli, sono state fissate sette priorità: promozione dell’efficienza energetica, promozione di un mercato del gas competitivo, con l’opportunità di diventare il principale Hub sud-europeo, sviluppo (economicamente) sostenibile delle energie rinnovabili, sviluppo di un mercato elettrico pienamente inserito in quello europeo e con la graduale integrazione della produzione rinnovabile, ristrutturazione del settore della raffinazione e della rete di distribuzione dei carburanti, sviluppo (ambientale) sostenibile della produzione nazionale di idrocarburi, modernizzazione dei processi decisionali con l’obiettivo di renderli più efficaci e più efficienti.

Non solo, quindi, un voluminoso documento ma un’iniziativa dalle enormi potenzialità, che però ha fatto ben poco notizia. Certo, in questi giorni ben altri fatti saturano gli spazi informativi. Tuttavia, gran parte del poco interesse può essere spiegato con l’incertezza sugli effetti concreti di questa iniziativa evidentemente giudicata fuori tempo massimo. Una sorta di “colpo di mano”, un atto illegittimo da parte di un governo in carica solo per gli affari correnti, è stata la prima accusa lanciata da Greenpeace, Legambiente e WWF, tanto da riservarsi di impugnare l’atto di approvazione della SEN. Anche perché il giudizio ambientalista sul merito della Strategia è piuttosto negativo: il documento viene infatti giudicato troppo sbilanciato sugli idrocarburi.

Quest’ultimo tema era stato molto enfatizzato in occasione della presentazione della bozza, posta in consultazione il 16 ottobre 2012, tanto da prevedere, nell’ambito della priorità “Produzione sostenibile di idrocarburi nazionali”, il raddoppio delle produzioni nazionali sia di petrolio che gas naturale. Un raddoppio che, con nessuna enfasi, è rimasto anche nella versione approvata (in sordina) con decreto interministeriale firmato l’8 marzo da Passera e Clini.

Tuttavia, per prevedere gli effetti concreti di tale previsione è necessario soffermarsi sulla natura stessa della Strategia Energetica Nazionale. Il decreto che l’approva la definisce quale “atto di indirizzo strategico”, tuttavia il sottosegretario Claudio De Vincenti – anche durante la presentazione – ha usato la formula più sfumata di “documento di analisi, idee, proposte”. La questione, come si vedrà, non è di poco conto, se si considera che la fissazione di obiettivi è funzione propria del Parlamento, mentre al Governo, non a caso organo esecutivo, spetta il compito di realizzarli. Pertanto, il passaggio da semplice documento di analisi e proposta ad “atto di programmazione e indirizzo” sarebbe possibile in virtù di una legge, approvata in Parlamento, che impegni il Governo a definire una Strategia. E in effetti uno specifico articolo di legge c’era: il numero 7 della legge 133/2008, che però è stato abolito durante il governo Berlusconi nel goffo tentativo di evitare il referendum sul nucleare.

Trattandosi poi di energia non si può dimenticare che la l’art. 117 della Costituzione assegna, in tale settore, la competenza in maniera concorrente tra Stato e Regioni. E ci si dovrebbe anche ricordare che la Strategia fu concepita e prevista con legge anche, o meglio soprattutto, per poter permettere il ritorno della produzione di energia elettronucleare in territorio italiano, ma anche abruzzese, siciliano, piemontese, sardo e di tutte le altre regioni, che dapprima in undici, con alcune irriducibili – Puglia, Campania, Basilicata, Toscana e Emilia-Romagna – hanno intrapreso un guerra contro il possibile ritorno al nucleare e a difesa delle proprie prerogative, terminata solo con il referendum.

Dunque, il problema della SEN non è rappresentato tanto dal fatto che il decreto che l’approva sia o meno un atto di ordinaria amministrazione ma piuttosto, più gravemente, sulla sussistenza, ad oggi, di un indispensabile presupposto normativo che ne giustifichi l’emanazione. È vero che la versione finale della SEN è stata preceduta da un ampio processo di consultazione, avviato a metà ottobre e proseguito con il confronto con le istituzioni rilevanti, di cui si deve senz’altro dare merito al Ministero dello Sviluppo Economico. Ed è anche vero che la bozza di SEN ha avuto un parere positivo dalle Regioni, riunite nella Conferenza Unificata dello scorso 6 dicembre, ma queste ultime avevano comunicato “la richiesta di potersi esprimere anche sul documento definitivo”, sul quale, peraltro è mancato il parere più importante: quello del Parlamento, ovviamente non quello appena insediatosi, ma quello in carica fino al 22 dicembre 2012.

A questo punto, è solo un dettaglio che il Ministero dello Sviluppo Economico, nel redigere il documento finale, non abbia rispettato l’iter che egli stesso autonomamente si era dato – peraltro non è stata più celebrata la prevista Conferenza Nazionale sull’Energia – in quanto il vero problema giuridico della SEN sta tutto nell’aver agito in maniera “autonoma” dal Parlamento. In tale contesto, appare dunque poco rilevante quanto ha risposto, a tal proposito il ministro Passera in occasione della conferenza stampa di presentazione: “Era nostro dovere dare queste linee guida. Dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri a ottobre, noi come ministeri avevamo l’impegno ad andare fino in fondo. Il documento può essere modificato facilmente da altri Governi perché è un decreto ministeriale, e sarebbe stato un grave errore interrompere il lavoro avviato”. E’ noto, infatti, come la certezza del diritto sia la base per un qualsiasi investimento duraturo.

Antonio Sileo*e Hermann Franchini**

*Ricercatore IEFE Bocconi

**Avvocato

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende