Home » Nazionali »Politiche » Sosteniblablabla: l’abuso di una parola preziosa secondo “State of the World 2013”:

Sosteniblablabla: l’abuso di una parola preziosa secondo “State of the World 2013”

settembre 23, 2013 Nazionali, Politiche

È ancora possibile parlare di sostenibilità? Se lo chiedono scienziati, esperti di politica ed economia e opinion leader di fama nel nuovo report del Worldwatch InstituteState of the World 2013“. Il volume (edito in Italia da Edizioni Ambiente), affronta la questione cercando di “ridare un senso al termine sostenibilità” che secondo gli esperti si sarebbe ormai “annacquato” trasformandosi in un mero strumento di marketing.

Per capire come si è arrivati a questa situazione è utile fare un salto indietro. «Il termine sostenibilità – ricorda Michael Renner, senior researcher del Worldwatch Institute – nasce ventuno anni fa al primo Summit della Terra a Rio de Janerio. In quella occasione fu ufficialmente coniato il termine e la sua definizione. Intorno a quella definizione ci fu un vasto dibattito. Molti affermarono che la parola probabilmente non sarebbe sopravvissuta perché ritenuta poco chiara o poco soddisfacente». La storia non ha dato ragione a questa previsione. «La parola non solo è sopravvissuta – continua Renner – anzi è cresciuta a dismisura negli ultimi venti anni. Basta fare una breve ricerca su Google per verificare come questo termine compaia milioni di volte a seconda di come viene cercato».

Secondo il ricercatore del Worldwatch Institute la crescita del termine sostenibilità ha però avuto degli effetti inaspettati trasformandosi in un’arma di marketing molto efficace: «Le persone che si occupano di marketing negli ultimi anni si sono rese conto che non è effettivamente possibile vendere un prodotto se in qualche modo non lo si associa ad un concetto verde. Oggi molte immagini pubblicitarie associano l’idea di sostenibilità ai prodotti più diversi e inaspettati. Questo meccanismo è entrato anche all’interno della retorica politica e va crescendo di giorno in giorno. Il termine sostenibilità ha avuto quindi una forte crescita che purtroppo è stata inversamente proporzionale alla reale possibilità di implementare la sostenibilità e le azioni sostenibili nella vita di tutti i giorni».

Per descrivere questa situazione nel volume è stato coniato il termine  “sosteniblablabla”. «Il termine sostenibilità – ha spiegato Renner – è cresciuto talmente tanto da parlare in termini sostenibili di qualunque cosa al di là della sua connotazione reale. La parola sostenibilità rischia di crescere talmente tanto da entrare in ogni discorso perdendo di fatto il suo valore. Questa crescita esponenziale dell’uso del termine sostenibilità è in realtà un fenomeno molto pericoloso. Per tre motivi: innanzitutto sostituisce l’azione con il fatto di mettere un marchio, che non necessariamente corrisponde ad una realtà. In secondo luogo maschera una realtà che è quella della non sostenibilità, con cui ci confrontiamo. Infine tende a sollevarci da quel senso di urgenza che dovrebbe essere accompagnato da questa parola».

La constatazione che il termine sostenibilità è andato di fatto “annacquandosi” nel corso degli anni ha portato i ricercatori a porsi alcune domande: la sostenibilità è ancora possibile? Si può arrivare oggi alla sostenibilità quando di fatto siamo pienamente coinvolti in un sistema che è tutto fuorché sostenibile? Partendo da queste domande State of the World 2013 è diviso in tre sezioni che affrontano come dovrebbe essere utilizzato il termine “sostenibilità”, come possiamo raggiungerla e come possiamo prepararci all’eventualità di non farcela: nella prima sezione “La misurazione della sostenibilità”, gli autori presentano i metodi per monitorare il progresso globale verso una vita sostenibile; nella seconda “Raggiungere la vera sostenibilità” esaminano le politiche e le prospettive che potrebbero costruire una società realmente sostenibile; nella terza “Aprire in caso di emergenza”, affrontano se e come prepararsi per un dirompente cambiamento ambientale globale che sembra sempre più probabile.

Tuttavia, secondo Michael Renner siamo ancora in tempo per raggiungere una “vera sostenibilità”: «La questione fondamentale è ripensare il sistema in una chiave di efficienza di uso delle risorse. Questa efficienza deve partire dal problema energetico, quello più pressante, che deve arrivare ai primi posti dell’agenda dei prossimi anni.  Siamo all’apice di un periodo che non potrà durare in eterno: l’era dei combustibili fossili. Questo ci mette nella condizione straordinaria di poter ancora cambiare rotta ed individuare fonti alternative a quelle che utilizziamo oggi. Occorre approfittare di questo spazio di manovra in maniera tempestiva ed urgente. Parallelamente bisogna modificare altri fattori del nostro sistema economico che sono legati alla qualità dell’ambiente che ci circonda». Il ricercatore del Worldwatch Institute concentra l’attenzione sul sistema agricolo: «Questo sistema presenta problematiche diverse dall’utilizzo dei combustibili fossili ma non per questo meno gravi: tende a iperutilizzare le risorse, impoverire i suoli e ad usare in modo inefficiente l’acqua. Tutto ciò unito al generale uso delle risorse energetiche contribuisce alla creazione di un sistema economico insostenibile. Oggi abbiamo ancora l’opportunità e la necessità di ripensare e “ringegnerizzare” le nostre economie».

Per fare tutto ciò, precisa Renner, occorreranno però governance e democrazia. «In assenza di istituzioni e pratiche democratiche in tutto il mondo  non sarà possibile risolvere questa problematica. Due capitoli di questo volume  sono dedicati al modo in cui le istituzioni e i movimenti sociali si confrontano con le domande che ci siamo posti sulla sostenibilità. Il tema è di tale rilevanza che la governance sarà al centro del report del prossimo anno».

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende