Home » Green Economy »Internazionali »Politiche » “Storico” accordo sui cambiamenti climatici: USA e Cina si impegnano a ridurre le emissioni di CO2. Storico?:

“Storico” accordo sui cambiamenti climatici: USA e Cina si impegnano a ridurre le emissioni di CO2. Storico?

novembre 12, 2014 Green Economy, Internazionali, Politiche

E’già stato definito “storico” l’accordo tra Cina e Stati Uniti sulla riduzione delle emissioni di gas serra: il leader cinese Xi Jinping e il presidente Barack Obama hanno firmato nella notte un trattato che li impegna a tagliare CO2 e altri gas serra entro il 2025/30. La Cina si è impegnata a mettere un cap alle emissioni di gas serra, che dovranno iniziare a diminuire al massimo nel 2030, o anche prima, e a portare la quota di energia prodotta da fonte non fossile al 20% dell’energy mix entro il 2030. Per gli Stati Uniti l’obiettivo fissato è di ridurre le emissioni del 26/28% entro il 2025 rispetto al 2005: il presidente USA ha messo quindi per iscritto l’obiettivo già annunciato nel Climate Summit del 23 settembre. Il precedente impegno statunitense era di un taglio del -17% entro il 2020.

E’ la prima volta che la Cina – attualmente primo Paese al mondo per emissioni annuali di gas serra – accetta un accordo che limiti le sue emissioni. In passato il rifiuto cinese era arrivato puntualmente a ogni incontro internazionale, in ognuna delle Conferenze delle Parti delle Nazioni Unite che si tengono annualmente. Perciò ogni negoziato iniziava e finiva nella consapevolezza che senza il contributo di Cina e USA, ogni accordo sul clima era destinato a non avere un impatto decisivo per arrestare il surriscaldamento del Pianeta.

Per la Cina, la motivazione era sempre la stessa: poiché i cambiamenti climatici dipendono dalle emissioni cumulate, e a emettere erano stati per larga misura i “Paesi sviluppati”, non doveva essere responsabilità della Cina riparare al danno provocato. Questa argomentazione era andata perdendo di valore negli anni, in quanto le emissioni cinesi avevano ormai sorpassato quelle americane. In realtà, già negli ultimi anni la posizione cinese si era lentamente ammorbidita: la Cina ha programmi cap-and-trade per la riduzione delle emissioni in 5 provincie e 8 città ed è il primo investitore al mondo in energia solare e eolica.

Anche se questo annuncio è il culmine di un percorso, nondimeno giunge inaspettato. Il dietro le quinte del negoziato Cina-USA è rivelato dai rappresentanti dell’amministrazione Obama in un incontro con in giornalisti: questo accordo proviene da alcuni recentissimi avvenimenti, e le trattative si sono svolte nel più assoluto riserbo e a grande velocità. Il primo passo era stato compiuto quando il Segretario di Stato John F.Kerry ha sollevato la questione climatica nel suo viaggio a Pechino di febbraio. Ne era seguita una lettera di Obama a Xi, nella primavera. In seguito Obama e il vice presidente Zhang Gaoli si erano incontrati durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di settembre. In quell’occasione l’interesse della Cina nel proseguire il dialogo era stato chiaro; e in soli 50 giorni si è arrivati all’accordo, durante un viaggio intenso del presidente statunitense, e con altri temi in agenda, tra cui la riduzione di barriere al commercio di prodotti tecnologici e il miglioramento delle misure di avvertimento per ridurre il rischio di conflitti militari accidentali.

Come nota il Washington Post, “l’annuncio congiunto invalida le critiche statunitensi secondo le quali limitare le emissioni di gas serra non ha senso se la Cina rifiuta impegni. E zittisce anche quanti in Cina sostenevano che le emissioni di CO2 dovrebbero essere misurate su base pro-capite o attraverso miglioramenti dell’intensità energetica”.

Secondo Obama il Piano americano è “ambizioso ma raggiungibile. E una pietra miliare tra le relazioni USA-Cina e dimostra cosa è possibile realizzare quando si lavora insieme su una sfida globale urgente”. In casa Obama soffre dell’opposizione dei repubblicani sulle questioni climatiche, che vogliono utilizzare il nuovo potere conquistato al congresso nelle elezioni di Midterm per ridurre il potere dell’Environmental Protection Agency di limitare le emissioni di gas serra da impianti di produzione dell’energia, parte essenziale del piano di Obama per il clima.

Invitiamo tutti gli Stati ad essere ambiziosi. – ha concluso Obama, in vista dei negoziati sul clima che si terranno a Lima questo dicembre e del summit di Parigi del 2015 – Tutti gli Stati, sviluppati ed emergenti. Per andare oltre alle vecchie divisioni e concludere un accordo forte il prossimo anno”.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende