Home » Green Economy »Internazionali »Politiche » “Storico” accordo sui cambiamenti climatici: USA e Cina si impegnano a ridurre le emissioni di CO2. Storico?:

“Storico” accordo sui cambiamenti climatici: USA e Cina si impegnano a ridurre le emissioni di CO2. Storico?

novembre 12, 2014 Green Economy, Internazionali, Politiche

E’già stato definito “storico” l’accordo tra Cina e Stati Uniti sulla riduzione delle emissioni di gas serra: il leader cinese Xi Jinping e il presidente Barack Obama hanno firmato nella notte un trattato che li impegna a tagliare CO2 e altri gas serra entro il 2025/30. La Cina si è impegnata a mettere un cap alle emissioni di gas serra, che dovranno iniziare a diminuire al massimo nel 2030, o anche prima, e a portare la quota di energia prodotta da fonte non fossile al 20% dell’energy mix entro il 2030. Per gli Stati Uniti l’obiettivo fissato è di ridurre le emissioni del 26/28% entro il 2025 rispetto al 2005: il presidente USA ha messo quindi per iscritto l’obiettivo già annunciato nel Climate Summit del 23 settembre. Il precedente impegno statunitense era di un taglio del -17% entro il 2020.

E’ la prima volta che la Cina – attualmente primo Paese al mondo per emissioni annuali di gas serra – accetta un accordo che limiti le sue emissioni. In passato il rifiuto cinese era arrivato puntualmente a ogni incontro internazionale, in ognuna delle Conferenze delle Parti delle Nazioni Unite che si tengono annualmente. Perciò ogni negoziato iniziava e finiva nella consapevolezza che senza il contributo di Cina e USA, ogni accordo sul clima era destinato a non avere un impatto decisivo per arrestare il surriscaldamento del Pianeta.

Per la Cina, la motivazione era sempre la stessa: poiché i cambiamenti climatici dipendono dalle emissioni cumulate, e a emettere erano stati per larga misura i “Paesi sviluppati”, non doveva essere responsabilità della Cina riparare al danno provocato. Questa argomentazione era andata perdendo di valore negli anni, in quanto le emissioni cinesi avevano ormai sorpassato quelle americane. In realtà, già negli ultimi anni la posizione cinese si era lentamente ammorbidita: la Cina ha programmi cap-and-trade per la riduzione delle emissioni in 5 provincie e 8 città ed è il primo investitore al mondo in energia solare e eolica.

Anche se questo annuncio è il culmine di un percorso, nondimeno giunge inaspettato. Il dietro le quinte del negoziato Cina-USA è rivelato dai rappresentanti dell’amministrazione Obama in un incontro con in giornalisti: questo accordo proviene da alcuni recentissimi avvenimenti, e le trattative si sono svolte nel più assoluto riserbo e a grande velocità. Il primo passo era stato compiuto quando il Segretario di Stato John F.Kerry ha sollevato la questione climatica nel suo viaggio a Pechino di febbraio. Ne era seguita una lettera di Obama a Xi, nella primavera. In seguito Obama e il vice presidente Zhang Gaoli si erano incontrati durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di settembre. In quell’occasione l’interesse della Cina nel proseguire il dialogo era stato chiaro; e in soli 50 giorni si è arrivati all’accordo, durante un viaggio intenso del presidente statunitense, e con altri temi in agenda, tra cui la riduzione di barriere al commercio di prodotti tecnologici e il miglioramento delle misure di avvertimento per ridurre il rischio di conflitti militari accidentali.

Come nota il Washington Post, “l’annuncio congiunto invalida le critiche statunitensi secondo le quali limitare le emissioni di gas serra non ha senso se la Cina rifiuta impegni. E zittisce anche quanti in Cina sostenevano che le emissioni di CO2 dovrebbero essere misurate su base pro-capite o attraverso miglioramenti dell’intensità energetica”.

Secondo Obama il Piano americano è “ambizioso ma raggiungibile. E una pietra miliare tra le relazioni USA-Cina e dimostra cosa è possibile realizzare quando si lavora insieme su una sfida globale urgente”. In casa Obama soffre dell’opposizione dei repubblicani sulle questioni climatiche, che vogliono utilizzare il nuovo potere conquistato al congresso nelle elezioni di Midterm per ridurre il potere dell’Environmental Protection Agency di limitare le emissioni di gas serra da impianti di produzione dell’energia, parte essenziale del piano di Obama per il clima.

Invitiamo tutti gli Stati ad essere ambiziosi. – ha concluso Obama, in vista dei negoziati sul clima che si terranno a Lima questo dicembre e del summit di Parigi del 2015 – Tutti gli Stati, sviluppati ed emergenti. Per andare oltre alle vecchie divisioni e concludere un accordo forte il prossimo anno”.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

febbraio 23, 2017

Ristorante Solidale: al via la prima consegna (in bicicletta) anti-spreco

Just eat, azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, ha dato il via ieri, nella sede istituzionale di Palazzo Marino a Milano, alla prima consegna di Ristorante Solidale, il progetto di food delivery solidale patrocinato dal Comune di Milano e sviluppato in collaborazione con Caritas Ambrosiana, l’organismo pastorale della Diocesi di [...]

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

febbraio 23, 2017

GSVC: a Milano la sfida tra start up a impatto sociale e ambientale

Tecnologie e progetti innovativi a forte impatto sociale o ambientale. Queste le soluzioni social venture per un’economia sostenibile, presentate in occasione della nona edizione italiana della Global Social Venture Competition (GSVC), premio internazionale ideato dall’Università di Berkeley (Usa) per favorire e sviluppare le idee imprenditoriali destinate a questo settore. L’evento, ospitato presso il Centro Convegni [...]

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

febbraio 23, 2017

“Un caffè? No, un abbonamento, grazie”. L’iniziativa di Bicincittà per M’illumino di Meno 2017

Bicincittà, il più esteso network di bike sharing italiano (con oltre 110 comuni serviti) aderisce anche quest’anno alla campagna M’Illumino di Meno di Caterpillar-RAI Radio 2, in programma per venerdì 24 febbraio. BicinCittà, per questa edizione, ha  pensato  ad  un’originale  iniziativa  collaterale per sostenere in maniera più efficace la campagna: l’abbonamento sospeso. Così come a Napoli è [...]

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

febbraio 21, 2017

Obiettivo Alluminio: 10 giovani reporter per il Giffoni Film Festival

Obiettivo Alluminio giunge alla sua decima edizione e anche quest’anno si appresta a coinvolgere migliaia di studenti in oltre 5.000 scuole superiori italiane. Il progetto didattico organizzato dal CIAL (Consorzio Nazionale per la raccolta, il recupero e il riciclo dell’Alluminio), in collaborazione con il Giffoni Film Festival e il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela [...]

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

febbraio 21, 2017

Biogas Italy: la nuova rivoluzione agricola parte dal “biogasfattobene”

L’«alba di una nuova rivoluzione agricola»  è  lo slogan scelto dalla terza edizione di Biogas Italy, l’evento annuale del CIB, Consorzio Italiano Biogas, che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio allo Spazio Nazionale Eventi del Rome Life Hotel. L’evento, promosso in collaborazione con Ecomondo Key Energy, ospiterà gli “Stati Generali del Biogas e [...]

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

febbraio 20, 2017

Tisana 2017, torna a Locarno la fiera del benessere olistico

Dopo il successo della prima edizione a Locarno, nel 2016, con circa 10.000 visitatori, Tisana, la ventennale fiera svizzera del benessere olistico, del vivere etico e della medicina naturale, torna al Palexpo Fevi dal 3 al 5 marzo 2017. In mostra le eccellenze del mercato internazionale in un percorso ispirato a 9 aree tematiche: Armonia, [...]

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

febbraio 17, 2017

Fondazione Unipolis: un bando da 400.000 euro per rigenerare edifici abbandonati

Prende il via la quarta edizione del bando “culturability” promosso dalla Fondazione Unipolis: 400 mila euro per  progetti culturali innovativi ad alto impatto sociale che rigenerino e diano nuova vita a spazi, edifici, ex siti industriali, abbandonati o in fase di transizione. Cultura, innovazione e coesione sociale, collaborazione, sostenibilità, occupazione giovanile: questi gli ingredienti richiesti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende