Home » Green Economy »Internazionali »Politiche » “Storico” accordo sui cambiamenti climatici: USA e Cina si impegnano a ridurre le emissioni di CO2. Storico?:

“Storico” accordo sui cambiamenti climatici: USA e Cina si impegnano a ridurre le emissioni di CO2. Storico?

novembre 12, 2014 Green Economy, Internazionali, Politiche

E’già stato definito “storico” l’accordo tra Cina e Stati Uniti sulla riduzione delle emissioni di gas serra: il leader cinese Xi Jinping e il presidente Barack Obama hanno firmato nella notte un trattato che li impegna a tagliare CO2 e altri gas serra entro il 2025/30. La Cina si è impegnata a mettere un cap alle emissioni di gas serra, che dovranno iniziare a diminuire al massimo nel 2030, o anche prima, e a portare la quota di energia prodotta da fonte non fossile al 20% dell’energy mix entro il 2030. Per gli Stati Uniti l’obiettivo fissato è di ridurre le emissioni del 26/28% entro il 2025 rispetto al 2005: il presidente USA ha messo quindi per iscritto l’obiettivo già annunciato nel Climate Summit del 23 settembre. Il precedente impegno statunitense era di un taglio del -17% entro il 2020.

E’ la prima volta che la Cina – attualmente primo Paese al mondo per emissioni annuali di gas serra – accetta un accordo che limiti le sue emissioni. In passato il rifiuto cinese era arrivato puntualmente a ogni incontro internazionale, in ognuna delle Conferenze delle Parti delle Nazioni Unite che si tengono annualmente. Perciò ogni negoziato iniziava e finiva nella consapevolezza che senza il contributo di Cina e USA, ogni accordo sul clima era destinato a non avere un impatto decisivo per arrestare il surriscaldamento del Pianeta.

Per la Cina, la motivazione era sempre la stessa: poiché i cambiamenti climatici dipendono dalle emissioni cumulate, e a emettere erano stati per larga misura i “Paesi sviluppati”, non doveva essere responsabilità della Cina riparare al danno provocato. Questa argomentazione era andata perdendo di valore negli anni, in quanto le emissioni cinesi avevano ormai sorpassato quelle americane. In realtà, già negli ultimi anni la posizione cinese si era lentamente ammorbidita: la Cina ha programmi cap-and-trade per la riduzione delle emissioni in 5 provincie e 8 città ed è il primo investitore al mondo in energia solare e eolica.

Anche se questo annuncio è il culmine di un percorso, nondimeno giunge inaspettato. Il dietro le quinte del negoziato Cina-USA è rivelato dai rappresentanti dell’amministrazione Obama in un incontro con in giornalisti: questo accordo proviene da alcuni recentissimi avvenimenti, e le trattative si sono svolte nel più assoluto riserbo e a grande velocità. Il primo passo era stato compiuto quando il Segretario di Stato John F.Kerry ha sollevato la questione climatica nel suo viaggio a Pechino di febbraio. Ne era seguita una lettera di Obama a Xi, nella primavera. In seguito Obama e il vice presidente Zhang Gaoli si erano incontrati durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di settembre. In quell’occasione l’interesse della Cina nel proseguire il dialogo era stato chiaro; e in soli 50 giorni si è arrivati all’accordo, durante un viaggio intenso del presidente statunitense, e con altri temi in agenda, tra cui la riduzione di barriere al commercio di prodotti tecnologici e il miglioramento delle misure di avvertimento per ridurre il rischio di conflitti militari accidentali.

Come nota il Washington Post, “l’annuncio congiunto invalida le critiche statunitensi secondo le quali limitare le emissioni di gas serra non ha senso se la Cina rifiuta impegni. E zittisce anche quanti in Cina sostenevano che le emissioni di CO2 dovrebbero essere misurate su base pro-capite o attraverso miglioramenti dell’intensità energetica”.

Secondo Obama il Piano americano è “ambizioso ma raggiungibile. E una pietra miliare tra le relazioni USA-Cina e dimostra cosa è possibile realizzare quando si lavora insieme su una sfida globale urgente”. In casa Obama soffre dell’opposizione dei repubblicani sulle questioni climatiche, che vogliono utilizzare il nuovo potere conquistato al congresso nelle elezioni di Midterm per ridurre il potere dell’Environmental Protection Agency di limitare le emissioni di gas serra da impianti di produzione dell’energia, parte essenziale del piano di Obama per il clima.

Invitiamo tutti gli Stati ad essere ambiziosi. – ha concluso Obama, in vista dei negoziati sul clima che si terranno a Lima questo dicembre e del summit di Parigi del 2015 – Tutti gli Stati, sviluppati ed emergenti. Per andare oltre alle vecchie divisioni e concludere un accordo forte il prossimo anno”.

Veronica Caciagli

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende