Home » Idee »Politiche » Storie di petrolio per gli studenti del MaGER Bocconi:

Storie di petrolio per gli studenti del MaGER Bocconi

marzo 13, 2015 Idee, Politiche

Cosa succede nel mercato del petrolio, come influenza l’economia mondiale e il portafoglio del consumatore medio? Ne ha parlato, nei giorni scorsi, Nick Butler professore al King’s College di Londra, durante la cerimonia di laurea del MaGER, il Master in Green Management dell’Università Bocconi, corso di laurea multidisciplinare che mira a formare esperti ad ampio raggio nel campo della sostenibilità ambientale.

Dopo cinque anni di relativa stabilità, negli ultimi sei mesi il prezzo del petrolio è dimezzato. I consumi e lo spreco energetico sono diminuiti per la recessione economica, l’uso di energia rinnovabile si è intensificato e la minaccia di una carenza di scorte a seguito  dei tagli di esportazione di Libia e Iran hanno portato a un surplus di produzione. Nel frattempo, l’OPEC (Organization of Petroleum Exporting Countries) è riuscita a raggiungere un accordo per calmierare la produzione. Le innovazioni tecnologiche hanno permesso, del resto, una considerevole diminuzione dei costi di estrazione.

Secondo Butler la caduta libera del petrolio porterà a un’instabilità nel breve periodo e a una politica di maggiore cautela negli investimenti da parte delle grandi compagnie petrolifere. Anche Dave Fishwick, esperto d’investimenti finanziari M&G, esprime cautela nei confronti di un immediato rialzo dei prezzi e invita alla prudenza. Questo potrebbe causare una mancanza di fondi per la ricerca e la chiusura delle piccole aziende produttrici. La dinamica è sempre questa: più scende il prezzo del petrolio, più calano gli investimenti in ricerca di fonti alternative. Lo stesso panorama è stato anche descritto dalla rivista americana Forbes in cui si annunciano i tagli agli investimenti di alcune compagnie estrattive americane, della compagnia inglese BP e della cinese CNOOC. Forbes preannuncia inoltre che, nell’immediato futuro, la produzione continuerà a sovrastare la domanda, in continuo declino a causa della crisi economica.

Dunque si vedrà il prezzo della benzina scendere dando respiro alle tasche dei consumatori? Purtroppo no, il costo della benzina non diminuirà come sperato, secondo quanto dice Butler, poiché la maggior parte del prezzo pagato dal consumatore è dovuto alle tasse e non al prezzo del greggio al barile. Agli allarmismi sui tagli di produzione ed esportazione di petrolio da parte dei paesi membri dell’OPEC, Butler risponde con ottimismo spiegando come la strategia più vantaggiosa per le grandi compagnie sia quella di tagliare i costi ma non la quantità di produzione, inoltre gli stati membri dell’OPEC non sono attualmente abbastanza coesi da agire come unità e tagliare la produzione.

I tempi dunque, seppur critici, sono maturi per grandi cambiamenti, promossi dalle innovazioni tecnologiche e dall’aumento dell’efficienza, in termini di resa, delle fonti di energia rinnovabili, ora sfruttabili solo al 2% a causa della limitata capacità di stoccaggio dell’energia, che dev’essere utilizzata immediatamente. In soli cinque anni potremmo assistere a un’industria dell’energia solare competitiva con quella del petrolio senza bisogno, come ora, di altre fonti a supplire le sue carenze.

Butler si dice ottimista verso un futuro più stabile in cui saremo meno dipendenti da un singolo paese per le forniture energetiche, purché s’investa nella ricerca e nel progresso. Siamo nell’era dell’abbondanza ma dobbiamo lavorare sull’equa distribuzione. Non c’è una mancanza di petrolio o gas nel mondo, non c’è bisogno di nuove fonti di combustibile fossile ma di una più economica ed eterogenea ripartizione. Il futuro, secondo Butler, si fonderà sull’adattamento al cambiamento climatico e questo è un periodo di transizione che offre eccitanti opportunità di crescita. Ci sarà un aumento della produzione di gas anche al di fuori degli USA come dimostrato in Europa e Cina, un’energia pulita più economica e accessibile, macchine da corsa elettriche e materiali avanzati in grado di assorbire e rilasciare l’energia a piacimento del consumatore che risolverà il grande problema dell’intermittenza.

L’ottimismo dell’accademico inglese trova un alleato in Massimo Nicolazzi di Centrex Italia, che individua l’”era del benessere posteriore”, non coincidente con l’era del petrolio.  Ma lancia un monito: la diminuzione di liquidità delle grandi industrie petrolifere porterà a un rallentamento nella ricerca ed è lecito domandarsi se le nuove tecnologie, che garantirebbero l’uso di energia pulita a basso costo, arriveranno in tempo prima che la mancanza di finanziamenti diventi un problema. Anche Tiziano Rivolta partner di Bain & Company, condivide il dubbio e sebbene preveda un futuro di stabilità e costi ridotti, offre una prospettiva più cupa in termini d’investimenti e stabilità bancaria per il medio e corto periodo. La volatilità insomma sarà a beneficio solo dei traders che fanno dell’incertezza una fonte di guadagno ma andrà a discapito del consumatore finale a breve termine.

Nel caso dell’Italia l’instabilità del mercato del petrolio rende anche necessario un aggiornamento dei contratti con cui il petrolio viene comprato, attualmente basati su accordi a lungo raggio, e nuove negoziazioni saranno necessarie. Mai come oggi in quest’ottica di cambiamenti e innovazioni vi è necessità di esperti e leader multidisciplinari che sappiano gestire le risorse energetiche in maniera più sostenibile.

Valeria Senigaglia

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende