Home » Internazionali »Nazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » Tertium datur. Le ragioni di un impegno politico:

Tertium datur. Le ragioni di un impegno politico

Ora che la Cassazione ha confermato le ragioni di Green Italia – Verdi Europei per la legittima partecipazione alle elezioni europee del 25 maggio, posso raccontare ai nostri lettori le mie ragioni, che avrei voluto scrivere già il 18 aprile. Anzi credo di doverlo fare, per trasparenza, ma anche senza falsi pudori. Non amo girare troppo intorno alle cose: ho deciso di sacrificare la mia “verginità politica” e accettare la candidatura di Green Italia per la circoscrizione Nord Ovest, ed è giusto che i lettori di Greenews.info possano valutare se saprò mantenere, come editore e direttore editoriale, l’indipendenza di giudizio che contraddistingue, da sempre, la nostra testata. Indipendenza non vuol dire però equidistanza da tutti o asetticità. Greenews.info non è mai stato un web magazine “asettico” e neutrale nel raccontare le vicende della green economy, perché, personalmente, rivendico la libertà di selezionare, commentare e anche incoraggiare le iniziative più virtuose e meritevoli e penso (fin dai tempi dell’università) che i fatti necessitino di interpretazioni. E se si vuole che le interpretazioni servano a qualcosa è bene, ogni tanto, far seguire delle azioni.

Il passo è stato dunque breve. Credo profondamente nella green economy e nella possibilità di uscire dalla crisi proprio conciliando le esigenze imprenditoriali e di sviluppo economico con la tutela dell’ambiente e della salute. E non mi soddisfa come lo si sta facendo e come se ne sta parlando oggi in Italia e in Europa. Servono idee e azioni realmente innovative, nuovi modelli di business. Per cambiare le cose e trasformare il sistema produttivo con la radicalità che oggi è necessaria, non basta dimostrare “dinamismo” e illudere le persone che “si sa fare”. Dov’è, concretamente, l’innovazione in Renzi? E quali sono, in Italia, le proposte alternative al suo “modello” di cieca fiducia nell’uomo della provvidenza? Dov’è finita, in Europa, la visione che guidava l’integrazione comunitaria e dove l’ambizione di essere i primi per tecnologie pulite, sviluppo sostenibile e produzioni “di qualità”? Chi si è lasciato convincere dall’aut aut tutto italiano “o Renzi o il nulla“, oppure resta fermo all’anacronistico “o centrodestra o centrosinistra” – che l’Italicum vorrebbe prepotentemente imporre e rafforzare – o, ancora, chi si lascia incastrare nella falsa dicotomia “più Europa/meno Europa“, a mio avviso, prende un abbaglio mostruoso e si consegna a una realtà bidimensionale di una tristezza (e inutilità) infinita.

Eppure tertium datur, una terza opzione esiste – e deve continuare ad esistere. E’ la via, appunto, di chi crede sinceramente (e al di là degli slogan di circostanza) nelle potenzialità intrinseche dell’Italia – bellezza, cultura, biodiversità, enogastronomia, artigianalità, agricoltura biologica, turismo responsabile – e dell’Europa – economia verde, rinnovabili, innovazione sostenibile, smart cities, mobilità intelligente – come strumento per uscire dalla crisi e rilanciare il Paese e l’Unione Europea. Un’enorme opportunità e non un costo aggiuntivo!

Il mio avvicinamento a Green Italia – iniziato come curiosità giornalistica meno di un anno fa – non è stato privo di dubbi e perplessità. Non amo alcuni riti che arrivano dal passato dei Verdi Italiani, così come alcuni miti traghettati dagli esuli della sinistra. Trovo dannosa, a essere sincero, anche l’ostinata tutela (oggi molto di moda) della “rappresentanza di genere” per garantire le quote rosa. Gli unici valori da tutelare, in politica, dovrebbero essere il merito, l’intelligenza e la competenza (fatta salva l’onestà, che do per scontata), quale che sia l’età o l’identità sessuale di chi ne è portatore. Ma pur con le fisiologiche riserve che si possono avere nei confronti di un movimento nuovo, da conoscere, forse ancora acerbo e in fase di strutturazione, un elemento mi ha convinto a supportarne la causa: non bastano più partiti e movimenti che includano un capitolo (a volte un solo paragrafo) “green” nei propri programmi, una pennellata di verde che fa fine e non impegna, secondo la peggiore tradizione del greenwashing. Serve qualcuno che faccia della concretizzazione della green economy e dei suoi benefici, in ogni ambito, la propria missione. Ecco cos’è il green new deal a cui ambisce Green Italia. E che richiede, a mio parere, la rivoluzione copernicana della fiscalità ecologica, quel ribaltamento di prospettiva per cui più inquini e più paghi, perché sei un costo per la collettività. La fiscalità ecologica, al contrario, non è un costo aggiuntivo, come qualcuno vorrebbe far credere, ma uno spostamento della tassazione dal lavoro all’inquinamento, che tenga conto di quelle “esternalità“, dal nome oscuro ma dagli effetti tragicamente concreti, per la salute e per l’ambiente. Ha senso che un prodotto biologico costi più di uno “convenzionale”? Certamente no, visto che il primo – grazie agli investimenti del produttore – riduce o azzera il proprio impatto ambientale, mentre il secondo genera costi occulti a danno di tutti.

Sono concetti difficili da diffondere – certo non lo si può fare presentandosi con un giubbotto di pelle da Maria De Filippi. E sarà difficilissimo farlo in un mese, da oggi al 25 maggio delle elezioni europee. Ma è ora che un messaggio un po’ più sofisticato del generico “viva il green!” venga diffuso, con tutte le forze, da chi ci crede. Per questo non credo più che la “verginità politica” sia un valore in sé, se preservata anche nel momento dell’azione. Una delle poche cose che ho imparato nella vita è che a restare sempre comodamente seduti in seconda fila si cambia ben poco di quello che si vorrebbe cambiare e si consegna ad altri – non sempre meritevoli – la facoltà di decidere.

E poi c’è il fattore tempo. Come ha ricordato recentemente anche Barbara Spinelli, “non ci è dato di affrontare prima la recessione, e dopo il clima“. Non c’è più tempo per un prima e un dopo, vanno affrontati entrambi subito e insieme, grazie a una visione più ampia e lungimirante. E non si tratta solo di clima ed energia, ma di inquinamento dell’aria, dell’acqua, della terra, elettromagnetico, da rifiuti ecc. Si deve agire adesso, per questo le proiezioni e gli obiettivi delle istituzioni europee al 2020 e 2030 non devono diventare un alibi per posticipare le scelte vincolanti verso un futuro remoto e accomodante, godendo da subito dei benefici dell’annuncio. Il futuro su cui lavorare è quello prossimo, che parte tra pochi secondi. Per questo, a differenza di molti, che amano evocare retoricamente scenari futuri da preservare, “per i propri figli e nipoti”, io, nel giorno del compleanno di mio figlio, mi sento di rassicurarlo: “tranquillo Tommy, papà è sufficientemente egoista da voler cambiare le cose subito, senza aspettare i tuoi 18 anni!

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende