Home » Internazionali »Off the Green »Politiche »Rubriche » Trump: una lezione storica per snob e radical chic:

Trump: una lezione storica per snob e radical chic

Personalmente non gioisco né mi dispero per l’elezione di Donald Trump come 45° Presidente degli Stati Uniti d’America, per due buoni motivi: non sappiamo cosa farà (quando è molto difficile fare previsioni sarebbe meglio aspettare prima di giudicare) e rispetto il voto degli americani, che ovviamente non sono tutti stupidi né folli, come crede qualche “intellettuale” di sinistra in Italia. Si chiama “democrazia” e dovrebbe valere sempre – se vogliamo che resti quella la nostra forma di governo – indipendentemente che il risultato delle elezioni vada o meno secondo i nostri voleri, interessi e aspettative. Qualcuno dovrebbe ricordarlo al Presidente Emerito della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, che ieri ha dichiarato che “la vittoria di Trump è uno degli eventi più sconvolgenti della storia del suffragio universale“.

Io credo invece che sia uno degli eventi più interessanti e salutari della democrazia internazionale, insieme alle vittorie del Movimento 5 Stelle in Italia e alla Brexit nel Regno Unito. Non per il merito delle singole questioni, ma per le reazioni a catena che questi fenomeni innescano e per il messaggio che mandano a tutto quel ciarpame ormai insopportabile fatto di “istituzioni, politica, banche, affari, organismi internazionali, agenzie di rating, governi, media, mercati, esperti, professori e intellettuali“, come ha ricordato Ezio Mauro di Repubblica (che di quel grande gruppo fa parte a pieno titolo). Basta immaginare cosa sarebbero stati, a casa nostra, il Governo attuale e la politica italiana in generale senza le vittorie dei Cinque Stelle. Se già così l’arroganza di un Renzi, di una Boschi e di tanto PD resta anacronistica e intollerabile, figuriamoci se non avessero ricevuto le mazzate di Torino e Roma!

Trump, nel suo primo discorso (altra sconfitta per i catastrofisti che lo immaginavano sul palco con il mitra), ha centrato subito il punto chiarendo che “nessuno sarà più dimenticato“. Non sappiamo se e come manterrà le promesse, ma aver compreso, fin dall’inizio della campagna elettorale, che fuori da quella porta c’erano milioni di persone (non solo “poveri” e operai, ma classe media impoverita, ex manager, professionisti ecc.) dimenticate e incomprese dall’establishment – che si occupa solo più di perpetuare sé stesso e i propri interessi, in maniera completamente avulsa dalla realtà – gli ha fatto guadagnare un volto più umano e “sul pezzo” rispetto alla sua rivale, incarnazione vivente dei “poteri forti”. Michael Moore aveva messo in guardia i radical chic americani invitandoli a “uscire dalla campana” e toccare con mano cosa stesse cambiando nel Paese, ma l’arroganza di questi personaggi, ad ogni latitudine, la loro pretesa (infondata) di superiorità morale e intellettuale, è tale da renderli insensibili a qualsiasi appello che non vada nella direzione dei loro interessi costituiti o non “vesta” come loro.

L’elezione di Trump ha dimostrato anche la salubre irrilevanza (ripeto, salubre) in cui stanno cadendo i grandi media, che non contano più quasi nulla e non influenzano più il voto in maniera significativa. Lo ha ricordato anche Beppe Grillo: mentre questi scrivevano cosa avrebbero voluto che succedesse, i blog e l’informazione indipendente in rete raccontavano “in diretta” cosa stesse realmente accadendo. Ancora, mentre i grandi media continuavano a ironizzare su Trump, inneggiando alla guerrafondaia Hillary, Trump andava nelle fabbriche del Michigan ad avvertire gli scaltri top manager della delocalizzazione selvaggia che avrebbe imposto dazi di importazione negli USA del 35% sulle auto di chi si fosse spostato a produrre in Messico. Con la credibilità (sebbene da dimostrare, ma non importa in campagna elettorale) di un outsider della politica che non rappresenta propriamente nessun partito ed è sufficientemente “pazzo” e intraprendente da farlo veramente.

E allora i verdi e gli “intellettuali dell’ambiente”, invece di lagnarsi e perdere tempo nelle infinite “COP” e altri grandi summit inconcludenti, abbiano le palle di andargli a spiegare e proporre politiche di green economy con concrete ricadute sull’ambiente, sull’industria e sull’agricoltura. Sarà anche un pazzo, ma i conti li sa fare, e oggi efficienza energetica, fonti rinnovabili, biochimica, economia circolare, edilizia sostenibile ecc. significano, fortunatamente, anche business, chissà che non si appassioni più di quanto ha fatto Obama. Anche Schwarzenegger era repubblicano ed è stato ampiamente sbeffeggiato, prima dell’elezione a Governatore della California, per essere un attore palestrato di film di serie B. Eppure ha fatto più lui per la green economy di quanto abbia fatto tutta la famiglia Clinton messa insieme.

Se un po’di follia fuori dagli schemi serve a rompere un sistema incancrenito – che ultimamente sta facendo solo danni – e a farne rinsavire gli attori, allora viva la Follia - figlia di Plutos, dio della ricchezza e della Giovinezza, allevata dall’Ignoranza e dall’Ubriachezza - come diceva già Erasmo.

Andrea Gandiglio

P.S. Leggo con piacere che, già a pochi giorni dal voto, la nostra analisi dell’”Effetto Trump” e del salutare “scossone” agli addormentati nel bosco sembra corretta, anche vista dai corridoi della COP22 di Marrakech. Scrive infatti Valerio Gualerzi su Repubblica del 16 novembre: “Più coesione, più velocità, più ambizione. Il bilancio degli effetti della vittoria di Donald Trump sull’impegno della comunità internazionale a contrastare i cambiamenti climatici per il momento sono paradossalmente esattamente opposti di quelli temuti all’indomani del voto…”.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende